Perché i movimenti per i diritti maschili hanno poco successo?

Risposta breve:

Perché non sono movimenti per i diritti maschili.

Risposta estesa:

Perché, quasi invariabilmente, non si occupano semplicemente (in alcuni casi, neppure prevalentemente) di diritti maschili, ma tendono a promuovere un cambiamento sociale generale, solitamente (ma non sempre) di stampo conservatore.

Un esempio classico balza all’occhio appena si nomina una parola: “famiglia”.

La famiglia è composta da un uomo, una donna ed eventuali (ed auspicabili, a mio parere) figli. Buona parte dei cosiddetti movimenti per i diritti maschili sembrano non sapere che nella famiglia c’è pure una donna e dei figli, figlie femmine comprese: ergo “famiglia” non può rientrare nei diritti maschili.

Del tutto differente è se invece si parla di: “il trattamento INFAME che subiscono GLI UOMINI quando divorziano”. Questo è un diritto maschile, negato.

Se si parla di “famiglia” si stanno promuovendo i “diritti delle famiglie” o “i diritti delle coppie”, di sicuro non i “diritti maschili”.

Questo in Italia.

Altrove, alle volte, è pure peggio, ad esempi negli USA o in UK: numerosi sono gli MRA (Men’s Rights Activists) che pensano che “capitalismo” e “diritto alla libera impresa” siano “diritti maschili”. Apparentemente, Karl Marx era una donna. Con la barba.

Da questo punto di vista l’egocentrismo narcisista e menefreghista femminista ha effettivamente una marcia in più, probabilmente dovuto anche al fatto che storicamente (e forse c’è anche una componente biologica in questo) le donne sono sempre state poco o nulla interessate alla collettività ed alla società in generale, e molto di più a se stesse (ed ai figli, che considerano estensione di se stesse): provate a sentire tre politicanti femmine e tre uomini, di QUALSIASI colore politico: fate caso a quante volte le femmine parlano specificamente di “donne”, e noterete poi che i politici uomini possono parlare di “donne” ma non parlano MAI di “uomini”. Chi dei due è focalizzato su se stesso? Le femmine. Chi dei due è focalizzato sugli altri e/o sull’intera società? Gli uomini.

Il femminismo è essenzialmente hic et nunc, “qui ed ora”, al di là della retorica non c’è nulla oltre l’interesse immediato (od al massimo sul breve periodo), alle volte persino spicciolo.

Questo, tra l’altro, da’ alle femministe un ulteriore vantaggio: non hanno alcun problema a cambiare versione, a chiedere l’opposto di ciò che avevano chiesto appena pochi anni prima, allorché i loro interessi immediati lo richiedano. Perché, appunto, gli interessi immediati sono ciò che preme loro. E’ un approccio estremamente pragmatico, ed anche molto flessibile.

Al contrario, il fronte maschile quasi sempre si perde in progetti grandiosi di miglioramento della società, progetti che richiedono una notevole coerenza ideologica che rende impossibile dire tutto e il contrario di tutto per raggiungere un determinato obbiettivo: è un approccio idealista, ed estremamente rigido.

In pratica, riassumendo:

Il femminismo è un movimento di donne, per le donne, con obbiettivi immediati e tangibili, caratterizzato da un approccio pragmatico e molto flessibile.

I movimenti dei diritti maschili sono di uomini, per l’intera società, con obbiettivi spesso larghissimi e lontani nel tempo, caratterizzati da approcci idealisti e molto rigidi.

Inutile stupirsi dei risultati.

Taggato “MRA”, “Diritti maschili” e “Femminismo”.

66 thoughts on “Perché i movimenti per i diritti maschili hanno poco successo?

  1. Non ti resta che il salto della barricata, allora: passa al trans-femminismo 🙂

    p.s ho visto altrove che i soliti maschilisti bigotti ti hanno insultato considerandoti una specie di infiltrato del movimento LGBTQ (femminista per definizione 🙂 ) che vuole insediarsi nei siti maschili e rovinarli 🙂
    non ti vogliono proprio tra di loro, caro Eric Lauder.
    Non ti perdonano le tue preferenze sessuali 🙂
    Alla fine, ad accoglierti a braccia aperte, solo noi femministe non bigotte (e quindi favorevoli al sesso bisex e transex ecc.), da te tanto vituperate 🙂

    Like

    1. Il salto della barricata l’ho fatto da un pezzo, io sto un po’ di qua e un po’ di la’. Almeno sessualmente parlando 😀

      Se per “i soliti maschilisti bigotti” ti riferisci a Viscidus, conosciuto anche come Vicus di Forum Questione Maschile e Finnegan di Forum Coscienza Maschile – quelle cose che tu non hai coraggio di nominare, insomma.
      Beh…
      Viscidus è la VOSTRA quinta colonna nei movimenti maschili. E’ una brutto mix di zerbino e incel, è l’ideale per voi: se gli uomini fossero tutti così avreste già vinto da un pezzo.
      Viscidus dice anche che la sessualità è una scelta, ovverosia è fluida, come Judith Butler: segno che ha tendenze omosessuali. Il suo problema è che se ne vergogna. Se lo pressi ti dice che l’omosessualità è causata da fattori ambientali ed educazione (100% Teoria Queer di Judith Butler, solo che lei la applica a tutti i tipi di sessualità) e ti dice pure che essere casti e non masturbarsi neppure, è facile, basta volerlo: in pratica secondo Viscidus si può diventare asessuali, basta volerlo. Più “Gender Fluid” di Viscidus ce ne sono pochi…
      Ripeto: Viscidus è l’ideale per voi, è l’oppositore dei sogni bagnati delle femministe, e per chiunque ami vincere facile.

      Accogliermi a braccia aperte?

      * Parità genitoriale: 50% del tempo con il padre: 50%, non 40% come diceva Pillon.

      * NIENTE mantenimento per le ex-conviventi: abolire parte 2 del DDL Cirinnà. Se non firmo niente io non ti devo un cazzo, anche se ti ho ospitato in casa mia senza farti pagare l’affitto e se ti ho fatto dei regali. Se vuoi dei soldi per le prestazioni sessuali concesse datti al mestiere della sex worker.

      * Aborto finanziario per gli uomini: le donne hanno il parto in anonimato.

      * Quote azzurre nelle scuole primarie: il 97% degli insegnanti sono donne.

      * Lotta alla mutilazione genitale infantile maschile, perché viola il diritto universale all’integrità del proprio corpo: oltretutto vi farebbe recuperare un minimo di credibilità – solitamente fate finta di avere cuore gli interessi dei bambini, quando c’è da usarli per rubare soldi ai padri. Però non ve ne frega un cazzo dei bambini: per questo ridacchiate quando si parla di mutilazione genitale infantile maschile.

      * Abolizione della “opzione donna” e implementazione della “opzione uomo”: sono gli uomini che debbono poter andare in pensione 2 anni prima, visto che viviamo 5 anni in meno.

      In mancanza, continuerò a considerarti ostile.

      Io a letto faccio quel che voglio con chi voglio, e per farlo non devo certo appoggiare delle rubagalline misandriche il cui scopo principale è sfilarmi un po’ di banconote dal portafogli, soldi che ritengono siano un loro diritto perché debbo darglieli in cambio della loro “approvazione” e “solidarietà contro Viscidus”.

      Io lavoro per vivere, e se non faccio il mio lavoro mi lasciano a casa senza stipendio: non ci penso neanche a darvi dei soldi, direttamente o indirettamente, per la vostra fica consunta. Andate a lavorare, io non vi devo un cazzo.

      E quando sarà il momento, se ne avrò l’opportunità, mi identificherò come donna per usare l’opzione donna e andare in pensione in anticipo. Alla faccia vostra, senza che vediate il becco di un quattrino da me.

      Like

      1. sì intendevo quello lì. che ti attacca pesantemente. scusa la curiosità, ma lui e il tale altro Finnegan sono la stessa persona o no? un dubbio mi è venuto (parlano uguale uguale) ma forse mi sbaglio e sono due bigotti diversi (e tutti uguali)
        vicus non è femminista alla Butler, sei male informato, è CATTOLICO.
        per definizione, quindi ha in mente le menate da peccato sessuale, sesso solo per fare figli ecc.
        assurdo che lo reputi un femminista alla Butler.

        Viscidus mi piace come soprannome, però 🙂

        il resto della tua pappardella non lo leggo neanche, troppo prolisso come tuo solito e ripetitivo con la tua solita fissa dell’aborto finanziario.

        mestruazioni maschili, no, non le vuoi? 🙂 potresti sempre tagliarti un po’ il pene una volta al mese per poter sanguinare anche tu. così, hai parità anche in questo.

        Like

        1. Io invece come al solito parto dal fondo: vai dove devi andare e ricordati di tirare l’acqua.
          Le mestruazioni sono UN FATTO BIOLOGICO, mentre io parlo di DIRITTI LEGALI.
          Grazie comunque per aver dimostrato che sei misandrica e che nulla di buono può esserci, per gli uomini, nella tua ideologia.

          Viscidus dice che l’orientamento sessuale è una scelta, quindi la pensa come Judith Butler.
          E’ anche conosciuto come Finnegan, che è l’account in cui è veramente se stesso senza limiti: ciancia ancora di più di chiesa e dintorni, e in più assume più liberamente atteggiamenti da incel (tradotto: sfigato amareggiato dal fatto che nessuna lo vuole) eccessi che non gli sarebbero consentiti sull’altro forum dalla presenza di utenti con la testa sulle spalle, tipo Frank o Warlordmaniac.

          Like

  2. che poi non è chiaro perché frequenti siti maschilisti pro-famiglia tradizionale che detestano omosessualità, transessualità (quindi non solo i e le trans, ma pure gli eterosessuali che ci vanno insieme) “il famolo strano”, il farlo senza procreare, la masturbazione, il sesso anale e persino il sesso orale (fellatio e cunnilingus).
    Tutte queste cose sono giudicate “contronatura” e peccati dai bigotti di cui sopra che farneticano di ritorni alle famiglie patriarcali con l’uomo che lavora e la donna a casa a fare i figli e a lavare pavimenti.

    Non si capisce cosa ci stai a fare, lì da loro. Col risultato che ti prendono pure per il c…, in maniera palese, con espressioni omotransfobiche e sfottò vari. (c’è pure chi ti considera unA femminista donna che si finge maschio…)

    guarda che remano contro anche i tuoi diritti, mica solo contro i miei, eh.
    ma che te lo dico a fare…

    Like

    1. “Contronatura” non significa niente: è solo una supercazzola che fanno i bigotti.
      In realtà quando un ultracattolico usa “contronatura” non intende “che in natura non avviene” ma “contro la natura umana”. Cos’è la natura umana secondo loro? I comportamenti approvati dall’ultracattolicesimo.
      Grazie al cazzo, se perdoni il francesismo.

      Sarebbe come dire che evadere le tasse è contro natura, “ovverosia contro la natura umana, anche se gli animali non pagano le tasse”: è una supercazzola per farti pagare le tasse. Non puoi convincermi a pagare le tasse con una supercazzola sul “contronatura”: devi dimostrarmi che non pagare le tasse danneggia la società. Nel caso delle tasse è semplice: basta tirare fuori i conti, sono numeri, si vede bene che se la gente non paga le tasse mancano soldi per servizi utili per tutti. Nel caso del sesso omo non è possibile dimostrare che faccia danni ad altri: gli ultracattolici dicono che se un omosessuale si astiene da scopare la società migliora, ma non possono spiegare come, quindi devono inventarsi fintissime razionalizzazioni che sono semplicemente supercazzole.

      Molti ultracattolici credono che la sessualità sia una scelta: questo implica che sono sessualmente incerti e in sostanza concordano con Judith Butler: questo approccio li sputtana assai, farebbero più bella figura ed avrebbero più successo se evitassero in toto l’argomento.

      Per giustificare la cosa sparano cavolate, tipo “in natura esiste lo stupro, ma è male”: frottole, lo stupro tra gli animali non esiste. Per esserci stupro ci vogliono due parti consapevoli di cosa sia il consenso, e nessun animale lo è: una cagna o una scimmia non possono dare consenso informato, per cui non possono neppure rifiutarlo, per cui non c’è stupro, anche perché il cane o lo scimmione non sanno che stanno facendo qualcosa che secondo alcuni umani è sbagliato.

      E’ facilissimo sbugiardarli, per questo scappano sempre a gambe levate di fronte a me, ed evitano il confronto diretto come la peste.

      Questo blog è atipico, non so se gli utenti come te possano vedere i followers, ma ti anticipo che tra gli altri abbiamo:

      Un professore dell’università del Benin. E’ nigeriano emigrato in Benin. Fan di Chimamanda Ngozi, ma pure di Chinweizu: dice che i miei articoli lo fanno riflettere sugli eccessi del femminismo, è rimasto molto colpito dal fatto che cito Chinweizu e lo considero un padre spirituale dei diritti degli uomini. Sta leggendo “Anatomia del Matriarcato” di Chinweizu e mi farà sapere. Chinweizu è un filosofo nigeriano che aveva ispirato le Black Panthers in USA: essendosi poi anche focalizzato contro il femminismo, direi che sono volatili per diabetici…

      Due trans americane.

      MILF Mafia: è una tizia di 37 anni che si crede vecchiotta e cerca stalloni. In USA.

      Una appassionata di pegging che vorrebbe incu****i. Sempre in USA.

      Like

      1. no non vedo i tuoi followers, poi sto blog lo visiono molto male in senso grafico, appare gigantesco
        ma forse è una tua precisa scelta estetica.

        si, l’avevi già citato quello scrittore africano. mascolinista… bah. forse non sa cosa scrivono su un certo forum… di viscidus, sugli africani. o lo sa? hanno tutti paura degli africani, su quel sito! 🙂
        pensano che portano via le donne bianche (:D) e che saranno la maggioranza e poi schiavizzeranno l’uomo bianco.

        il movimento delle Pantere Nere non lo conosco molto bene. mi pare che però ospitassero tra le loro fila (forse prima della loro fine come movimento) alcuni estremisti islamici.
        negli ultimi tempi comunque sono saltati fuori degli estremisti del black power che farneticano di estinzione dell’uomo (donna?) bianco…

        sui trans mi pare di averti già detto che pure io la penso suppergiù come la pensi tu, idem parlando dei bigotti, che disprezzo particolarmente (anzi, mi sa che mi danno più fastidio le bigotte che non i bigotti maschi, per via del fatto che una bigotta è una femmina che approva un’ideologia religiosa che ritiene le femmine inferiori…). non so perché mi ritieni tua nemica, avevo pure esordito dicendoti che mi dispiace molto di come ti insultino su altri lidi maschilisti… difatti gli insulti sulle tue preferenze sessuali mica te li faccio io, ma loro

        in natura lo stupro non esiste perché gli animali (il maschio e la femmina) si accoppiano solo quando sono in calore. se la femmina non è in calore (estro) non c’è accoppiamento. (anche perché avranno pure loro dei momenti di fertilità o infertilità e l’estro segna quello)

        Like

        1. A Viscidus tutti gli portano via le donne, pure i gay! 😀

          Il mio senso dell’estetica è molto particolare.
          Ho appena aperto un altro blog, se avrò tempo lo svilupperò (ci sono molti articoli in cantiere, per ora solo titoli, ma vuoti, i primi due articoli, quelli introduttivi, però sono completi).
          E’ raccomandato alle signore come ai signori
          https://watchina.home.blog

          Like

    1. Toh, chi si vede.

      A me non interessa neanche un po’ come vivi le tue tendenze sessuali, puoi fare quel che vuoi, non me ne frega un cazzo: ma sei tu che affermi che la sessualità è un costrutto culturale e che volendo si può diventare asessuali o passare da gay a etero, e che tutto questo è dovuto a condizionamenti ambientali.

      Ovvio che chi afferma quanto sopra è molto incerto circa la sessualità, questo è lampante.

      La “salsa LGBT” è nel tuo cervello, ne è pieno zeppo.

      Sei tu quello che ha paura di “frocizzarsi” anche con molto poco, anche se hai passato i 40.
      Ad esempio pensi di diventare donna se un’impiegata si sbaglia e ti scrive “donna” sulla carta d’identità.
      Pensa un po’: se sbagliassero a battere e scrivessero che sei alto 2,80 metri diventeresti la persona più alta del mondo, solo perché hanno schiacciato “2” invece che “1”. E tutti ti vedrebbero altissimo, è una storia vera, eh? 😉

      Me la rifaresti la supercazzola del “comportamento che esiste in natura ma che è contro la natura umana, perché la natura della sessualità umana è quella che stabiliscono i preti (che non hanno mai fatto sesso in vita loro) ed è diversa da quella degli animali, tranne nei casi in cui è uguale”?
      Se la fai la mettiamo insieme a quelle di Raffaello Mascetti.
      Peccato solo che non è tua, altrimenti avresti un futuro come comico.

      In questo blog chi posta commenti viene sottoposto a scrutinio delle idee mostrate, e costretto ad assumersi la responsabilità morale per ciò che dice, e non ci sono posti in cui scappare.
      Si può dare dello “stronzo” e qualsiasi altro insulto all’autore del blog, il sottoscritto, ma non si può tergiversare, non si possono fare supercazzole sperando che nessuno replichi.
      E’ per questo che le femministe resistono poco, e tu ancora meno: io non banno nessuno, siete voi che vi zittite da soli, perché non avete nulla da dire.
      Conigli.

      Attento che a leggere troppo questo blog si diventa “froci”: è pieno di “radiazzioni gender”.
      Anche gli articoli contro Judith Butler, contro la Queer Theory, contro le transizioni prima dei 18 anni: sono tutti trucchi per farti diventare frocio. Noi ne sappiamo una più del diavolo, tu leggi le critiche feroci a Judith Butler e gli insulti a chi legalizza i farmaci che bloccano la pubertà, ma tra le righe ci sono messaggi subliminali che ti frocizzano 😀

      Sia lodato Gesù Cristo, gli angeli, i santi, e tutti voi fratelli. Andate in pace, con il tuo spirito.

      Si saluta così, vero?

      Voi, come le femministe, morirete in silenzio: non perché sarete censurati, ma perché vi si porranno domande. E le domande saranno ripetute sinché non si avrà risposta. E la vostra unica risposta, visto che non ne avete, sarà il silenzio.

      Like

      1. Eric ha scritto: “Ma sei tu che affermi che la sessualità è un costrutto culturale.”
        Ma ti sei bevuto il cervello? Quando mai l’ho detto?? La sessualità è data dai cromosomi. Punto. Il resto è materia per terapeuti.

        “Ad esempio pensi di diventare donna se un’impiegata si sbaglia e ti scrive “donna” sulla carta d’identità.”

        Eric le tue fantasie hanno preso il sopravvento sulla realtà, Ti auguro un periodo di riposo.

        Like

        1. Non sei per niente convincente.

          Quando ho parlato di Sergio Lazarovich, impiegato del catasto argentino, che, furbescamente, si è fatto scrivere “donna” sulla carta d’identità, per andare in pensione 5 anni prima, la tua reazione è stata quella di una checcha starnazzante, sul tipo “ommioddiooo, dovremmo diventare delle donne?”.
          Quindi, o sei irrimediabilmente stupido, sotto Forrest Gump per intederci, oppure sei un criptofrocio terrorizzato da qualsiasi riferimento a queste cose.
          Io, in onore alla tua intelligenza, opto per la seconda.

          Dici di essere un uomo, ma hai nascosto QUESTO articolo:
          https://theindependentmanitaly.wordpress.com/2019/09/28/france-after-banning-surrogacy-to-offer-free-ivf-to-single-women-and-lesbian-couples/

          Dicendo che “nessuno ha parlato della Francia, salvo Blondet” – solo che Blondet parlava unicamente di lesbiche.

          Lo vedi che sei un finocchietto terrorizzato?
          C’è l’articolo di cui sopra, e tu vedi solo un problema di lesbiche:
          * Inseminazione per le donne single? Viscidus non ha problemi. Non lo cita neppure.
          * Criminalizzazione dei test di paternità? Viscidus non ha problemi. Non lo cita neppure.
          * Paternità ufficialmente definita come “costrutto sociale”? Viscidus non ha problemi. Non lo cita neppure.
          * Possibilità che forzino i donatori a dover pagare il mantenimento? Viscidus non ha problemi. Non lo cita neppure.

          Come puoi non essere un criptofrocio?
          Se non sei un criptofrocio, allora sei per forza una femminista infiltrata. Tertium non datur.

          Anche gli attacchi a suon di balle contro Davide Stasi subito dopo che le femministe lo avevano censurato: è roba da donne quello che fai.

          Ce la facciamo una foto fianco a fianco e poi chiediamo chi assomiglia di più a Platinette?
          Scommettiamo 1.000 euro che sei tu?
          Se sei donna, cosa che potrebbe essere, puoi pagare in natura: solo bocca e culo, però. Sai, ho fatto un voto.

          E non dire che sono stato cattivo: non ho neppure parlato di tutto il resto, ad esempio il fatto che avresti voluto che mamma e papà ti trovassero moglie (“matrimonio combinato”) eccetera, eccetera, eccetera.

          Se fai lo gnorri su questo scambio, magari mi punge vaghezza di scriverci un intero articolo, comprese le cose che non ho detto. Così si nota bene, in cima al blog.
          Fai l’uomo, che è meglio.

          Like

      1. Confessione: sto ancora ridendo a quasi 24 ore di distanza.
        Facciamo così: posta pure dei link con video se vuoi. La parte testuale del messaggio la lascio SEMPRE, il link decido io se lasciarlo o rimuoverlo a seconda dei casi, rimuoverò il meno possibile.
        Non voglio limitare le artiste nella loro libera espressione 😀

        Like

  3. Ottima analisi.
    E’ poi verissima questa: ” …ma tendono a promuovere un cambiamento sociale generale, solitamente (ma non sempre) di stampo conservatore.” Ossia: la posizione ideologico-politica prevale sulla QM. Intendendo che bisogna intervenire sul Tutto (avanti o in indietro nella Storia) per risolvere la QM stessa.
    La Qm viene assorbita in un quadro ideal-politico complessivo.
    Ciò che le FF non hanno fatto e non fanno. Appunto.
    .
    Dati 100 attivisti del Momas, direi che si dividono in quote come segue:
    25% illliberali, nostalgici, parafascisti o fascisti del tutto.
    50-55% conservatori, tradizionalisti, cattolici di centrodestra.
    20-25% liberali, liberal-democratici.
    quel che resta, qualche punto %, di estrema Sx (marx-comunista)
    0,… socialdemocratici.
    0,… anarchico-libertari
    .
    (Non considero gli MRA attivisti del Momas. Sono parafemministi).

    Liked by 1 person

    1. In certi casi si ha addirittura la sensazione che siano 98% posizione ideologico-politica, con appena un’infarinatura di diritti maschili per indorare la pillola.

      Comunque Mike Buchanan, del partito Justice for Boys and Men, deve ancora spiegarmi perché il welfare danneggerebbe gli uomini “a prescindere” da a chi è destinato: infatti appena parlo di dare case popolari ai padri separati scappa come un coniglio perché non sa cosa replicare. Nei paesi anglosassoni, in certi ambienti, non c’è soluzione di continuità tra “marxismo”, “socialismo” e “femminismo”, neanche con “diritti dei lavoratori” o “sanità pubblica”: è tutta la solita cosa per loro. Per questo ho scritto che Karl Marx per loro era una donna con la barba: se gli chiedi che differenza c’è tra una che chiede le quote rosa nei consigli di amministrazione e uno che vuole abolire la proprietà privata ti dicono che è la stessa cosa. Ma nel primo caso vogliono potere conservando i consigli di amministrazione e quindi vogliono che il capitalismo resti in buona salute, grossa differenza.

      Like

  4. Stupro in natura.
    Lo stupro in natura non esiste nel senso che non è giudicabile secondo i nostri valori umani.
    Per lo stesso motivo non si può definire “assassinio” l’uccisione di un animale da parte di un suo conspecifico.
    Lo stesso per l’infanticidio. L’uccisione dei piccoli, in genere ad opera di maschi nuovi partner della madre, esiste, ma non può avere quel nome. Stupro, assassinio, infanticidio etc. hanno in sé una connotazione morale, esprimono una valutazione negativa che alla natura non si può applicare.
    .
    Eppure quei fatti in natura si verificano.
    Il sesso forzoso (anche di gruppo) in natura esiste. Ne parla l’etologia. Un piccolo compendio è rinvenibile nel librone di Santiago Gasco “La grande menzogna del femminismo”. Lettura obbligatoria per quelli del Momas.
    Anche Gasco usa il termine “stupro”. E non va bene, anche se, nella logica e per le finalità delucidative che egli si propone torna utile e chiarificatore.

    Like

    1. Anche tra gli umani può non esserci stupro pur se c’è sesso forzoso, ad esempio:

      Due minorati mentali, incapaci di intendere e di volere, si picchiano e poi si accoppiano, uno forza l’altro.
      Non è stupro.

      Due persone sane di mente ma intossicate pesantemente da alcool o droghe si accoppiano, uno dei due usa la forza per tenere fermo l’altro.
      Non è stupro, erano entrambi incapaci di intendere e di volere.

      Like

    2. Di fatto, nell’intero universo conosciuto, a prescindere dalle definizioni, l’unico essere vivente pienamente sviluppato (ovvero in forma adulta) il cui stupro viene riconosciuto come tale è la femmina umana.
      Nessuna altra creatura adulta può essere “stuprata” se sottoposta a sesso forzoso, la legge fa entrare nella definizione anche gli uomini ma in pratica non viene applicata-quando le perpetratrici sono femmine, e poco applicata anche in caso di perpetratori uomini.

      Like

  5. che poi se ricordo bene da qualche parte (ma non ricordo chi o dove) ti avevano pure criticato per i tuoi figli… cioè, dandoti del pessimo padre per via di cosa ti piace fare a letto (era più o meno questo il senso dell’invettiva)

    che dire, sono attacchi veramente meschini.

    poi già ti dissi che tra due maschilisti, uno bigotto e l’altro no, preferisco il non-bigotto. 🙂

    che poi, ad eccezione di qualche singolo ateo o laico… o nostalgici del comunismo… la maggioranza di voi maschilisti è proprio formata dai bigotti viscidus… o sbaglio? 🙂

    Like

    1. No, Viscidus è un’eccezione, e credo che parte notevole dei visitatori del suo blog, almeno un quinto e probabilmente di più, siano femministe che godono da pazzi a vedere confermati tutti gli stereotipi che hanno in mente.

      Facciamo un po’ il confronto con gli altri:
      AVfM Italia è molto aperta, uno degli autori è gay.
      Antisessismo è molto contrario ai ruoli di genere, pro-LGBT, ed anti-femminista.
      Davide Stasi di “Stalker Sarai Tu” si è dichiarato a favore delle unioni civili e pure di estenderne i diritti più o meno a pari livello del matrimonio, praticamente uguali salvo le adozioni, anche se dovrebbe avere secondo lui un nome differente.
      Fuori dall’Italia “A Voice For Men” versione USA è ancora più “progressista” e nettamente contro i ruoli di genere.

      Like

      1. sì, però infatti viscidus le odia tutte queste “associazioni e gruppi che citi”

        sì, è ben conosciuto tra noi femministe, infatti.
        va bhe dai… uno che scrive di “verginità” e matrimoni fatti a 16 anni da vergini e solo per procreare… insomma… 😛 ovvio che spicca rispetto ad altri commentatori maschilisti.

        Like

        1. Si vede che non è mai andato con una vergine: è doloroso, per lui molto più che per lei. Ti fanno male i testicoli dopo ogni incontro al termine del quale resti eccitato molto a lungo e poi non concludi in alcun modo.
          Lei, al limite, sente male una volta sola (e non sempre succede), tu tante volte.

          Come lo compensiamo questo?
          Visto che la tua teoria è che bisogna implementare leggi a favore di chi è svantaggiato biologicamente: andrebbero bene 50 euro al mese a tutti gli uomini, per tot anni, per compensare il male ai testicoli? Oppure assunzioni preferenziali in alcuni settori, cose così…

          Like

  6. come fai ad essere certo che sono la stessa persona?
    caccia le prove.

    (non che io non lo pensi, ma voglio essere certa che siano la stessa persona. anche se ovviamente pure io ne sono già convinta al 99%)

    misandrica? e perché mai? gli uomini mi piacciono, come anche mi piacciono le donne.
    in tutti i sensi 😉

    Like

      1. sì, ma poi scrivono pure in maniera uguale. pure io l’avevo capito fossero lo stesso personaggio ma poi ho considerato anche che i bigotti sono tutti uguali e quindi potevano benissimo essere due personaggi distinti ma con le stesse idiozie da catechismo ripetute come pappagalli.

        sì, lo so che odia Stasi. lo considera un paladino LGBTQ (ah aha ha ah 🙂 )

        comunque non mi sembra che Stasi\Augello siano molto a favore dei trans… o sbaglio?
        come diamine fai a stare su quel sito?
        bah…

        Like

        1. A Stasi e Augello non frega niente dei tranas, si preoccupano per i bambini, cosa che fanno anche le trans per bene, che infatti sono contrarie a mostruosità tipo le transizioni a 13 anni come fanno in UK.
          In più Augello è incavolato nero, solo che sbaglia bersaglio. Non vuole accettare che un’era è finita, e che la coppia che sta insieme tutta la vita è e sarà sempre più rara, è e sempre più sarà l’eccezione, non la norma.

          Like

  7. comunque vabbè, ma scusa, ma il viscidus che si lamenta di essere “single”… grazie al cazzo, se cerca la donna “vergine”… nel 2019… non è che poi si può lamentare se nessuna donna lo vuole e\o nessuna donna è come la vuole lui… è un po’ difficile trovare una donna illibata che abbia più di 14 anni 🙂

    mi pare non gli piacciano neppure le donne troppo “calorose e vogliose”… anche qui, un po’ difficile trovare la vergine 18enne e pure frigida 😉

    Like

  8. che palle però, in milioni di altri commenti di mesi fa ti avevo già detto che a me fa schifo la mutilazione genitale su donne, bambine e bambini.
    e il motivo per cui mi fa schifo è che detesto le religioni e le considero quello che sono cioè prodotti retrogradi di millenni fa

    e tu ancora che caghi il cazzo su sto tema “dimenticandoti” che avevo già scritto un papiro di roba (con te che cancellavi il commento dove volevi) ripetendo fino alla nausea che sono femminista e ATEA. Più di dirtelo anche adesso e senza giri di parole… e tu ancora la prossima volta mi tirerai fuori sto tema delle mutilazioni, e io ancora a ripeterti che sono contraria alle minchiate religiose e tu ancora a non capirlo e via così.

    non sei viscidus, ma quando fai così mi fai inalberare… 😛

    Like

  9. vabbè ora vado a mangiare.
    se non altro condividiamo l’odio per viscidus. 🙂
    ma raccontami un po’, è stato lui il primo ad attaccarti, sapendo delle tue preferenze sessuali?
    immagino sia stato lui il primo a criticarti e insultarti, appena l’ha saputo. e non il contrario.
    ma da quanti anni è che lo conosci virtualmente?

    Like

    1. Io mica lo odio, mi fa ridere, è divertente, sembra il personaggio di un cartone animato, quelli dove ci sono i cattivi pasticcioni.
      Anzi sembra la versione sobria di Superciuk, hai presente Superciuk?

      Like

      1. sì, quello di quel film anni Ottanta, i Goonies, no?

        Augello mi sembra un cristiano tradizionalista o roba del genere. fa scritti analoghi al viscidus, no?

        infatti è una cretinata credere che “l’amore sia indissolubile”. non era così manco secoli fa, figurati nella nostra epoca iper-consumistica… dove si è già vecchi a 30 anni
        ma se sti bigotti vogliono continuare a credere alle loro favole da catechismo… 😉

        comunque non mi pare che il sito di Stasi sia così “gay\trans friendly”

        per dirti, uno come Augello, secondo te, come commenterebbe la tua vita sessuale? non penso che l’approvi…

        il discorso dei bambini, bah…

        è ovvio che si parla di gay e trans maggiorenni, e che cercano\sono cercati da adulti maggiorenni.

        a meno che non li si voglia considerare a priori tutti pedofili (come fa la vulgata bigotta… dimenticandosi dei loro preti)

        non sono un\una trans, ma penso che già a 14, 15 anni magari uno\una che sia “disforica” (parola che trovo orrida, ma che devo usare per farmi capire) comunque lo sappia di sentirsi “intrappolato nel corpo sbagliato”. credo, almeno.

        Non so quanti trans capiscano di esserlo a 30, 40 anni suonati.
        non la maggioranza.
        magari si sono repressi per i motivi che conosciamo, ma secondo me già da adolescenti si avverte se ti piacciono uomini, donne e come ti senti nel tuo corpo.

        da certi video su YouTube di persone che ne parlavamo come esperienza, penso che già a 13, 15 anni le persone in questione si sentano uomini nel corpo di donne e viceversa.
        e che magari iniziano anche i primi esperimenti di modifica dell’aspetto estetico (rasarsi i capelli, farseli diventare lunghi ecc.)

        ovvio che le cure ormonali vere e proprio le fanno più in là e penso dopo aver parlato con uno psichiatra o psicologo.

        le tue amiche trans quando hanno cominciato a sentirsi così? fin da piccole o già da adulte?

        io già a 14 anni più o meno già andavo dietro a maschi e femmine (sono femmina biologica) poi ovvio che le esperienze con le donne le ho fatte più in là, le prime esperienze avute sono i classici fidanzatini. non poteva che essere così, del resto.
        ma già a 14 anni mi piacevano le mie amiche, l’estetica femminile.
        solo che per vari motivi, esperienze sessuali lesbiche le ho avute più in là, da iper-maggiorenne
        penso sia così anche per omosessuali, non solo quindi per bisex

        Like

        1. No, è quello dei fumetti di Alan Parker (che sono italianissimi): è un ex spazzino alcoolizzato che diventa invincibile grazie ad un infuso di pomodori cipollati che gli danno un alito pestilenziale col quale può far svenire chiunque. E utilizza il suo superpotere per rubare ai poveri per dare ai ricchi. Perché quando era spazzino aveva notato che i ricchi sporcavano meno, gettavano sempre le cartacce nel cestino.

          Il legame è indissolubile anche quando divorzi: restano i figli, e spesso pure gli alimenti da dare a lei.

          Augello è soltanto incavolato per quanto sopra. Probabilmente gli è andata molto male, lo capisco.
          Io sono caduto in piedi: ho perso la casa coniugale ma ne avevo altre due (mia moglie pure, ora ne ha tre), mio figlio sta il 60% del tempo con me, mia figlia meno ma pur sempre più del previsto: un buon 25% contro il 10% previsto.

          Ci sono vari tipi di trans, comunque la maggior preoccupazione di quelle che vogliono la transizione da giovanissime è una sola: estetica. Se la fai prima dello sviluppo sei assolutamente indistinguibile da una donna. Più aspetti e più la mascolinità è difficile da cancellare. Però 18-19 anni è un ottimo compromesso: c’è il consenso informato e in alcuni casi la transizione da’ comunque risultati indistinguibili dalle native sesso d’arrivo.

          Paris ha transizionato tra i 21 e i 24 anni.
          E’ un po’ un caso limite, però è indistinguibile da una donna biologica.
          Beccate tra i 18-20 un buon 80% delle trans avrebbero risultati simili ai suoi.
          Quelle che transizionano oltre i 25-26 sono invece un disastro: a 25 anni si stabilizza per sempre la pre-corteccia frontale del cervello, non si sa come ma costituisce un ostacolo quasi insormontabile al cambiamento radicale di sesso.
          Però, ci sono ben SETTE anni tra i 18 e i 25.

          Like

  10. Quello che chiamate Viscidus fece scappare anche me (che non saprei a che sigla votarmi) dopo neanche una settimana che mi ero riscritto al forum (ritorno dopo anni) avevo postato qualcosa sul porno femminista e andò in escandescenze, non disse che fa diventare ciechi ma quasi, minerebbe il maschio nell’anima (cosa che non escludo, esagerando però). Mi scrissero in privano chiedendomi di restare perché anche altri non ne potevano più della china tradizionalista che aveva preso il forum, peccato ma sono vecchio per questo cose, ora cerco chi mi è più simile. Nei tempi passati non era così, il forum, ognuno portava il suo personale vissuto senza discriminazioni o tesi preconcette, era il luogo virtuale più libero possibile. Ma c’erano altri fondatori, admin e mod. Mi è dispiaciuto molto perché quel forum era e in parte rimane storico, per quanto ormai i figli sono cresciuti e camminano da soli, ci siamo moltiplicati. Meglio così. Io ho molta stima di Eric, gli voglio anche bene, spesso sono d’accordo con lui, mi pare divergiamo solo per il fatto che sono un liberista estremista, e tendenzialmente mi estremizzerò sempre più, mi sono rotto della situazione attuale e le élite incancrenite, che i mercati crollino e si ricominci da zero, penso di appartenere allo zero virgola degli attivisti secondo Rino. Per il resto devo ammettere che il movimento maschile è cresciuto molto, è molto più variegato e interessante del fronte opposto, che mi pare più morto che vivo, culturalmente parlando, si sente la puzza dallo schermo, qualcuno le avvisi.

    Liked by 1 person

    1. Il soprannome Viscidus gliel’ho dato io perché ha un atteggiamento viscido e untuoso, tergiversa, fugge, utilizza molto “non capisco” e “non ricordo”. Ma SOLO quando è in un confronto tra pari, ovvero in terreno neutrale oppure, come qui, in terreno altrui dove però sa che può scrivere ciò che vuole e non verrà mai bannato: infatti è scappato.

      Tu pensa che Viscidus si risentì persino in questa occasione: dichiaro che non ho mai scopato una prostituta (farsi fare un servizietto orale è differente, è un servizio che lei fa a te, scopare invece è cosa che deve essere reciproca) e che l’unica volta che ci provai a 19 anni su insistenza di amici feci clamorosamente cilecca: Viscidus si offese anche quando dissi che non faceva per me e avevo fatto cilecca.
      La signora, professionista italiana sui 30, non volle i soldi. Brava donna, seria professionista, ha tutta la mia stima.
      Insomma: andare con le prostitute no, è contro la dottrina cattolica, ma se ci vai non puoi fare cilecca perché la vivi come una cosa squallida. Cosa troppo frocia. L’uomo viscido non deve essere solo un credulone che si beve tutto quello che gli raccontano i preti, deve essere anche insensibile abbastanza da non fare cilecca quando fa cose proibite dai preti: peccare è male, ma quando si pecca si deve peccare sino in fondo. O qualcosa del genere.
      Salvo che il nostro handicappato (questo soprannome se lo è scelto lui: disse che è un complimento che avevo fatto ai gay: avevo detto che essere gay è un per certi versi un handicap perché non ti puoi riprodurre – quindi il complimento lo faccio anche a lui visto che non è riuscito a riprodursi) comincia a frignare se usi parole tipo “ciao ciccio” per salutarlo: insensibile si, ma “ciao ciccio” è roba troppo forte per lui. E da qui il mio “come mai passi da uomo duro a checchina che piagnucola per niente, così velocemente?” 😀

      A parte le boutade.
      La follia è che Viscidus segue un programma praticamente distruttivo dei diritti maschili, riducendoli al suo particolarissimo brand di cattolicesimo integralista anti-Bergoglio – dalla descrizione si capisce quanto ristretto sia il programma: essendo così ristretto praticamente ne restano fuori minimo il 97-98% degli uomini.

      E ha zero flessibilità: Maurizio Blondet sembra avere idee simili a Viscidus, ma è in grado di distinguere il grano dalla pula – ad esempio quando pubblicai “Bambino trans: una contraddizione in termini” ricevetti molte visite dal sito di Blondet e l’articolo fu consigliato anche altrove dai suoi lettori. Pur se nell’articolo mi dichiaro a favore di transizioni di sesso gratuite su richiesta, purché il richiedente abbia compiuto 18 anni: molti lettori di Blondet sicuramente non approvano, ma capiscono bene che ciò che conta, quando si parla di introduzione di farmaci che bloccano la pubertà, è proteggere i bambini da detti farmaci, e non certo quel che fanno gli adulti col loro corpo.
      E’ un po’ come quando Bertinotti elogiò Berlusconi per aver aumentato le pensioni minime: lo aveva fatto sul serio, era una mossa di sinistra che andava oltre le promesse che aveva fatto Rutelli, e Bertinotti ne aveva riconosciuto la validità, pur rimanendo sempre, nel 99% dei casi, opposto a tutte le politiche berlusconiane.

      Il porno, come il ricorso al sex work, o più in generale la masturbazione, è uno strumento, dipende dall’uso che se ne fa, due esempi:
      Io quando Keymaster, l’amministratore del forum MGTOW.COM, era stato via mesi e mesi, e nessuno aveva il potere di moderare, e cominciavano a scoppiare casini, avevo moderato un po’ il forum minacciando di postare video porno di trans se qualcuno trasgrediva al minimo della convivenza civile: lo feci una volta sola e le due-tre teste calde si calmarono immediatamente. Uno di loro mi ha poi messaggiato in privato dicendo che avevo fatto bene e che non immaginava neppure che fosse possibile utilizzare il porno come un manganello sfollagente per sedare le risse 😀

      Esempio B: un ragazzo deve andare in discoteca a rimorchiare, per darsi una calmata decide di masturbarsi e mette su un porno per stimolare la cosa. Poi va in discoteca più calmo e rilassato e fa il pieno di numeri di telefono – o pure meglio.
      Se uno invece resta perennemente carico sragiona, perde lucidità – Viscidus ne è un esempio, probabilmente il suo non sfogarsi mai gli ha dato alla testa. La mancanza prolungata di sfogo sessuale ha un effetto deleterio su noi uomini.
      Nel 1996 o 1997 (uno dei due, non sono sicuro quale, fummo ad Ibiza entrambe le estati, penso più la seconda) in una notte io e il mio amico beccammo 5 olandesi e ce le facemmo tutte e 5, scambiandocele- ci furono anche proteste in hotel, perché le ragazze urlavano e ridevano quando passavano da una camera all’altra. Non eravamo rockstar ma normali ragazzi che facevano un po’ di palestra e si vestivano in modo adeguato allo scopo, niente di più: tanto è vero che accadde la terza notte, le prime due notti non avevamo battuto chiodo, nessuno dei due, tanto che per calmarci al termine della seconda ci eravamo fatti fare un servizietto orale a pagamento da una professionista, proprio allo scopo di calmarci, fu una cosa calcolata. Direi che fu un ottimo investimento e ci avevamo visto giusto.
      Ho ancora la videocassetta in Super VHS-C + la versione XviD (in duplice copia, su hard disk esterno e su DVD), che conservo come ricordo: c’è il mio amico che entra con la telecamera nella stanza, nel letto ci sono io che dormo con due olandesi e una terza che si sta lavando i capelli nel lavandino del bagno – non ho la minima idea del perché si lavasse i capelli.

      Insomma, lo so che sono prolisso, ma volevo dire che tutto sta a come utilizzi certe cose: se il porno sostituisce completamente i rapporti umani e ti fa chiudere in casa a masturbarti è ovviamente deleterio, così come se uno ha rapporti sessuali esclusivamente con sex workers. Invece, utilizzati con cognizione di causa, possono essere strumenti utili.

      Liked by 1 person

  11. interesssante il video e la risposta. sì, probabilmente parlando di cambio di sesso, prima intervieni e meglio è.

    del resto avrebbe poco senso cambiare sesso a 50, 60 anni suonati (si può fare sicuramente, ma i risultati estetici penso saranno disastrosi)

    quindi sì, forse l’età per il cambio di sesso andrebbe fissata ai 18 anni, di modo che ci sia il discorso del consenso e della consapevolezza oltre che la maggiore età. anche se probabilmente molti trans vorrebbero comunque farlo magari a 16 anni, con il consenso dei genitori.

    a questo punto mi viene da chiedermi se anche per le donne che cambiano sesso (FtM) valga la stessa cosa… cioè se si può fare fino ad una certa età oppure se mascolizzare la donna è possibile anche superati i 30

    Like

  12. bhè sì, sul “viscidus” la penso esattamente come te. 🙂
    vedo che comunque i suoi temi preferiti sono “il porno – le prostitute – i gay\trans – gli africani” 🙂 continua a scrivere che vede (belle)donne italiane in compagnia di africani.
    comunque lui me lo leggo solo per farmi risate (ci sono certi suoi interventi che mi fanno morire dal ridere, a crepapelle, proprio), adesso tra le ultime cose è pure contrario al sesso orale, e questa sua sparata è stata commentata in malomodo anche dal Frank…

    sì paradossalmente i vari viscidus (intendo: i bigotti religiosi) remano contro i diritti maschili, non solo femminili.
    ma questo perché non sono interessati al concetto di libertà e libero arbitrio (troppo massonico! ah ah!) bensì ai dogmi religiosi (che sono vere e proprio superstizioni e catene psicologiche), per cui se la religione che si sono scelti dice che farsi una sega guardandosi un porno è peccato, ecco che sono contrari al porno e magari appoggiano pure il femminismo anti-porno 🙂 alla fin fine non è che le cose che i “viscidus” pensino sul sesso (non solo etero) sia diverso da quello che pensava una Andrea Dworkin (anche se magari lo giustificano con motivi o termini diversi; laddove la Dworkin diceva “patriarcato” i viscidus dicono “volere di Dio”)
    è un bel paradosso.

    comunque il porno lo guardano anche le donne e lo apprezzano. anche se il materiale erotico pensato per donne (cinquanta sfumature e suoi cloni) non credo piaccia molto agli uomini riflettendo punti di vista femminili. vabhè, quella celebre saga non è che sia porno, nel senso classico del termine, ma è indubbio che moltissime donne “si bagnino eccome”

    sulla prostituzione, bah, negli ultimi tempi alcuni uomini italiani si sono messi a fare i gigolò e sembra che guadagnino veramente tanti soldi.
    altrimenti, è noto che donne che possono viaggiare vanno in Giamaica o certe zone africane, lì poi si viene abbordate in automatico dai ragazzi del luogo (anche se una non se lo andasse a cercare, in spiaggia vengono a cercarti loro, chiamano le donne italiane che li pagano e magari pure mantengono o che se li portano in Europa “le bottiglie di latte” alludendo alla loro pelle bianca)
    comunque i gigolò italiani (uno in particolare è molto famoso e ha fatto anche un’intervista su youtube) guadagnano veramente tanto; sono analoghi alle escort di lusso.

    Like

  13. “Attento che a leggere troppo questo blog si diventa “froci”: è pieno di “radiazzioni gender””
    ah ah ah… ma dai, che è pure capace di crederci veramente e di aspergere il monitor del suo pc con acqua santa per esorcizzarti! 🙂

    ah ah ah!

    p.s se mi leggi, Vicus, voglio confessarti un segreto: leggere le cose che scrivi (con quel torvo apocalittico da profeta di sventura) devo dire che mi allieta sempre la giornata facendomi ridere a crepapelle 🙂
    habemus papam: Vicus, ora pro nobis!

    ah ah ah 😉

    Liked by 1 person

    1. Guarda che è vero: il tipo recita troppo una parte stereotipata per non avere tendenze strane, ci sta che basta che gli sorga un dubbio e diventa frocio sul serio – questo spiegherebbe perché è terrorizzato anche dal solo parlare di certe cose.

      E’ talmente stereotipato che potrebbe essere una femminista infiltrata che recita: basta che leggi quello che dicono le iperboli e frottole sessiste femministe sugli uomini e taac! Ecco Viscidus, in tutte le sue opinioni e manifestazioni, le sa tutte, non ne sbaglia una.
      E parlo di una femminista tipo Marina Terragni o la Lanfranco, una tipa del genere.

      L’unica cosa che fa passare il dubbio è che quando è più naturale, versione Finnegan, alle volte gli scappano cose intelligenti: ha quasi capito come funziona lo stealth e il ghosting, ad esempio. Una femminista non ci riuscirebbe.

      Ah, devo editare, dimenticavo che sei una femminista e non capisci cos’è, funziona così:
      Tu vai a una riunione di condominio e c’è un tipo affascinante che non hai mai visto prima, è il tuo nuovo vicino di casa, è single e separato da poco (ti sei già informata). Ti siedi vicino a lui e attacchi bottone, prima cosa gli piazzi l’informazione che ti sei comprata casa e l’hai pagata tutta, così per mettere in chiaro che non sei a caccia di soldi e sei pure una che li gestisce bene, poi passi a parlare della sua automobile (smentendo l’assunto iniziale che non sapevi nulla di lui). Lui risponde molto affabilmente, hai la sensazione di conoscerlo da sempre. Finita la riunione tu esci, lui resta a parlare un paio di minuti con l’amministratrice, e tu ovviamente lo aspetti sulle scale, dove prosegui la conversazione. Lui è sempre cordiale ma si fa lievemente più freddo, la cosa è appena percepibile. Appena fuori dal portone,in strada, ti saluta e fa per andarsene, tu gli dici se vuole un passaggio sullo scooter: sorriso a 32 denti che però si vede che ha qualcosa di falso, e ti dice “oh, grazie tante! Ma non vado a casa, ho da fare dei giri prima” e va via.
      Ecco: ti ha fatto il ghosting.
      E questo è quello poco spettacolare, quello più bello è se uno fa finta di avere il vizio del gioco, o parla di debiti inesistenti, o cose simili.

      Viscidus non ha capito come funziona, né saprebbe applicarlo, però almeno è arrivato a capire che è un’ottima cosa: è la differenza che passa tra il concepire che si può pilotare un aereo, pur non sapendolo fare, e dire che gli uomini non possono volare e pertanto gli aerei non esistono.

      Like

      1. sì probabile che uno che è molto omofobo e aggressivo contro i LGBTQ sia o un omosessuale represso (che si odia e si rinnega) o uno a cui piacerebbe essere trans o andare con trans, ma anche qui, non si accetta e si rinnega.

        ultima cosa, poi ti lascio in pace: non mi è chiaro, anche perché non l’ho letta per bene,
        perché critichi il pensiero di Judith Butler. Sbaglio o quel tipo di analisi femminista è a favore della transessualità o comunque di forme “queer” di erotismo? il non binarismo di genere, il “famolo strano”, il porno, o ho capito male io?

        perché allora non capisco perché dissidenti da lei e la critichi, se poi lei stessa sostiene forme alternative di genere e di sessualità che non hanno a che vedere con l’eterosessualità “obbligatoria”.

        ultimissima cosa: ma trans (FtM o MtF) frequentano i gruppi “antifemministi MRA” o no? da quello che sapevo io, ero convinta che frequentassero solo i gruppi transfemministi e femministi inclusivi, perché ho visto solo su quel tipo di siti che si parla di argomenti inerenti i e le trans (tipo violenza contro di loro ecc.)

        a te risulta che frequentino siti antifemministi che siano inclusivi verso i trans? a parte il tuo?
        se sì linkami articoli al riguardo scritti da altri, che me li devo essere persa perché io sapevo che la questione trans è stata inglobata solo in certo attivismo femminista, e non in quello maschilista, che resta legata al binarismo di genere (su idee religiose, ovviamente) e a ruoli fissi per uomini e donne e menate da famiglia tradizionale (tipo padre che lavora e moglie sottomessa e mantenuta con 3-4 figli e anche più).
        anzi, mi pare che questo tipo di maschilista in realtà detesti tutti quelli che la famiglia non la vogliono, non vogliono procreare, fanno sesso per divertimento, o vogliono “famiglie arcobaleno”…

        ammetto che però io ho letto soprattutto le cose alla Vicus, non tanto le cose del sito antisessista, che sapevo creato da un omosessuale (ma l’omosessuale non è un trans) quindi magari mi sono sfuggiti articoli scritti da trans antifemministi (esisteranno? se sì linkami gli articoli che li leggo volentieri)

        Like

        1. Judith Butler afferma cose molto simili alle “terapie riparative” cattoliche: dice che l’orientamento sessuale e la sessualità non sono innate ma sono costrutti culturali. Gli ultracattolici dicono lo stesso: ad esempio secondo loro se un ragazzo di 14-15-16 anni non vede mai alcun riferimento al sesso avrà pochissimo o nullo desiderio sessuale. E dicono che basta voler essere casti e non si prova quasi desiderio sessuali, e che da gay si può diventare etero basta volerlo.
          Judith Butler dice lo stesso, ma da un punto di vista pro-queer.

          Sono rare, ma ci sono attiviste per i diritti maschili che sono trans

          E’ da stupirsi che non ce ne siano di più, se fossero intelligenti starebbero tutte dalla parte degli MRA, è come una miniera d’oro per loro: una trans che fa il verso al vittimismo femminile perde tutti i possibili vantaggi sulle donne biologiche e perdipiù non è in grado di procreare, è come darsi la zappa sui piedi da sola. Gli uomini sono attratti dalle forme femminili e dall’idea di avere figli, non dall’irrazionalità, lamentele, sesso come mezzo anziché come fine, e ipocrisia sessuale – queste sono cose che si sopportano per avere le prime due. Se una trans punta su irrazionalità, lamentele, secondi fini e ipocrisia, inevitabilmente diventa perdente perché le manca la possibilità di procreare, le restano solo le forme femminili – sperando che siano perfette altrimenti ha il nulla senza nulla di contorno.
          Questa invece sta comunicando “qui ragazzi, si scopa da pazzi, e senza complicazioni: ho il corpo di una donna e ragiono come un uomo”: è roba da dover assumere una segretaria per gestire la marea di corteggiatori, l’unica cosa che la “salva” è che questo genere di contenuto lo leggono solo gli MRA e non la maggior parte degli uomini. Se poi ha fatto la vaginoplastia e non ha più il pene è come aprire le gabbie dei leoni, ne devi assumere tre o quattro di segretarie.

          Like

  14. Io non penso al mio pollaio, faccio notare che su quel forum ci stanno bigotti religiosi che scrivono cose assurde non solo contro le donne ma pure contro gli uomini non bigotti.

    Inoltre ti ricordo che su quel forum Eric Lauder è stato insultato più volte (come vengono insultate le donne) solo perché rispetto ai bigotti in questione lui scrive pubblicamente di frequentare transessuali. Solo per questo motivo è stato dileggiato, anche se lui si dichiara anti-femminista e quindi dovrebbe essere “loro alleato” alla prova pratica non lo vogliono e lo cacciano via dileggiando i suoi gusti sessuali (che sono un suo affare privato, anche se lui sceglie di parlarne in pubblico sui blog) e stigmatizzandolo (perché? solo perché non è un eterosessuale “come la bibbia comanda”)

    stendo un velo pietoso su quello che scrivono contro le donne (femministe o meno),
    comunque è alquanto divertente che io, che sono femminista, sul discorso trans e “modo di fare sesso” la penso suppergiù come Eric Lauder (che non è femminista) mentre il supposto anti-femminista bigotto in realtà osteggia gli “Eric Lauder” cioè gli antifemministi gay e trans o eterosessuali che vanno con trans.

    Tanto per dimostrare che su quel forum ci scrivono maschilisti religiosi omotransfobici che remano contro i diritti di tutti, non solo contro quelli delle donne.

    Ma non sto qua a battibeccare con te, ho già letto altrove i tuoi commenti filo-patriarcali deliranti, quindi se non arrivi alla bigotteria poco ci manca.

    Like

  15. però, non sai argomentare.
    dici una cosa sulla Butler, ma almeno metti un passaggio di un qualche suo scritto che riporti esattamente quello che tu hai riportato di lei… sennò, ti devo credere solo perché lo dici tu? dove sono le prove che lei sostenga questo?
    caccia almeno un link di un sito o frase della Butler che dica quello che poi hai detto tu di lei (non sto dicendo che non è vero, dico che non l’hai argomentato con fonti, anche se fosse vero, e io non l’ho letta e quindi non saprei neanche dove andare a pescare quello che tu mi dici su di lei)
    ma tu cosa hai letto di lei?

    sulle persone che sostengono che si possa diventare trans, omosessuale, eterosessuale o chissà quale altra identità e fantasia erotica semplicemente volendolo, mi sembrano sciocchezze… ci sono stati personaggi che si sono dichiarati “guariti dall’omosessualità” ma se poi vai a vedere sono i soliti bigotti… non credo che mettersi a pregare maria vergine o allah o manitù ti faccia diventare eterosessuale o ti guarisca da chissà che…

    Mi pareva che qui in Italia di trans MRA non ce ne fossero… sarà forse un fenomeno americano… qui in Italia la vedo comunque dura , considerato che la discriminazione contro i trans è soprattutto “da bigotti cattolici” e siamo la patria del vaticano…

    tuttavia, non è un paradosso che un ex maschio diventato femmina si metta a stare in gruppi ideologici che vogliono la difesa della virilità?

    difatti anche i vari viscidus fanno notare che è un controsenso… si è nato fisicamente uomo, ma questa virilità non ce la si sente, non la si vuole… quindi, tramite aiuti medici, si diventa donna… a questo punto un “mascolinista tradizionalista” farebbe notare che la persona in questione è un ossimoro, perché lui stesso ha cancellato la sua virilità, diventando donna e quindi prediligendo quell’identità a discapito di quella maschile, ormai cancellata.

    Insomma, ammetto che faccio davvero fatica, dal punto di vista logico, a infilarci dentro unA trans nei movimenti maschilisti; lasciamo perdere che una buona percentuale di loro sono religiosi… che comunque sono legati all’eterosessualità, a due generi e basta…

    magari un FtM ce la vedo già di più a diventare MRA… stare con altri maschi e sentirsi attivista maschile potrebbe servir”le” molto a sentirsi ancora più uomo… ma una trans, magari con look da drag queen, che si mette a frequentare gruppi maschilisti e magari pure presenziare o diventare loro paladino… bah, non mi pare che ci azzecchi molto… mi pare una cosa assurda.

    tra l’altro, scusa, ma guarda già il tuo caso: tu non sei trans, non ti agghindi da donna, ma solo perché ti piacciono le trans, oltre che le donne biologiche che hai frequentato, sei stato cacciato via e insultato, o sbaglio?
    figurati una trans estremamente femminile che magari si è pure tolta il pene e ora sfoggia una vagina nuova di zecca. Te la immagini sul sito di Vicus\Finnegan? non penso neanche durerebbe più di un messaggio, sarebbe bannata all’istante con insulti e maledizioni. figurati, già odiano quelle 2-3 donne che si occupano di questione maschile e stanno tutte sul sito degli uomini beta, immaginati un ex uomo ora diventato donna.

    Alla fin fine la maggioranza delle trans va nel femminismo perché si sentono donne e quindi esposte a cose tipo lo stupro o i pestaggi (paure tipiche delle donne, tutte, dalle operaie alle manager affermate). se hanno mentalità e indole femminile, è ovvio che condividono anche le paure (reali o ingigantite) delle donne.

    Dei trans FtM invece che ne pensi? ti piacciono anche loro?

    Like

    1. Butler non fa dichiarazioni del genere, così semplici, ma tutti i suoi libri dicono esattamente questo. Se non vuoi comprare i libri basta che cerchi Queer Theory su wikipedia inglese.
      Non è solo Judith Butler: TUTTA la Queer Theory si riduce sostanzialmente a “l’orientamento sessuale e il genere sono costrutti sociali”. E’ una teoria costruttivista, è ovviamente una cavolata come il determinismo biologico. E’ ovvio che ci sono entrambi i fattori in gioco, l’unica cosa su cui si può discutere – all’infinito e senza cavarne un ragno dal buco – è semmai quale fattore pesi di più, ma pensare che sia solo uno dei due a fare tutto, è chiaramente da squilibrati.

      Viscidus non rappresenta gli MRA americani, praticamente è l’opposto. In Italia la situazione è più sfumata, ma solo perché siamo indietro: siamo ancora nella fase in cui gli uomini si illudono di poter avere un posto di lavoro sicuro a vita, una famiglia e una compagna con cui stare tutta la vita. Negli USA invece hanno capito benissimo che ciò che conta è non farsi fottere il lavoro con le “discriminazioni positive” perché la compagna per tutta la vita è cosa comunque molto rara e non è una roba su cui puntare, e neppure desiderabile in molti casi.

      C’era una trans sul sito di Viscidus e neppure l’ha bannata che io sappia: lei è femminile e lui è troppo ossequioso verso le donne per farlo.

      Mi attraggono assai poco le forme maschili e per fare certe cose reputo la vagina, sebbene tutt’altro che disprezzabile, tecnicamente inferiore sia alla bocca che all’ano che, in alcuni casi, persino a sex toys fatti come si deve. Quindi figurati quanto mi può piacere un uomo con la vagina: è l’esatto opposto di una donna trans col pene. Una delle cose migliori di una trans è proprio se non ha la vagina, perché può fare tre cose tutte e tre superiori, a livello di piacere fisico, alla penetrazione vaginale, e non può neanche chiederti la penetrazione vaginale perché non ce l’ha. Quindi non sono mai nella situazione in cui io la penetro nella vagina perché lei preferisce così, ma preferirei prenderla dietro o che mi facesse una fellatio, o essere io passivo. Mentre invece con una donna bio è molto prevalente, è la stragrande maggioranza dei rapporti, perché è lei che vuole così. Invece dovrebbe essere cosa saltuaria, due-tre volte al mese, come natura comanda (l’ovulazione predispone la donna alla penetrazione vaginale), il resto dei rapporti dovrebbero essere di altro tipo. Diciamo che per come la vedo io le particolarità nettamente positive delle donne bio sono la loro abbondanza numerica e capacità procreativa, il resto sono tutti confronti persi contro le trans. In media, poi dipende dagli individui, ovviamente.
      Sui rapporti con donne bio post-menopausa non mi esprimo: mai avuto simili esperienze e non ci tengo. E’ una cosa che ritengo persino poco comprensibile a livello concettuale, salvo giusto se uno inizia la relazione da giovane e poi prosegue ininterrottamente sino a dopo la menopausa, allora entrano in gioco altri fattori comprensibilissimi, ovviamente.

      Like

      1. bhè dovresti sapere che esiste la gerontofilia… come a te piace trans, ad un altro piace anziana
        non ci vedo niente di scandaloso in questi gusti estetici anche bizzarri (mica sono una viscidas… 🙂 )

        non credo che V. sia ossequioso con le donne… tutto il contrario, come tutti i bigotti odia le donne (la storia di Eva…) poi da bigotto predilige comunque cose come “castità, purezza” maschili
        che mal si accordano con il cercare le donne o apprezzarle… vedi i religiosi tipo i cenobiti, asceti vari…

        sì, la trans che citi e che scriveva su quel forum me la ricordo, ma la maltrattavano tutti
        magari era pure un troll (ci sono stati utenti che trollavano)

        sì, capisco a te piace la trans col pene, ma bisogna vedere se loro effettivamente quel pene se lo vogliono tenere o se si sentono più donne a farselo togliere… dipenderà dal loro gusto estetico o quanto e come vogliano essere femminili…

        sì, detta così ha più senso la spiegazione sulla queer theory, ma quindi tu questa famigerata Butler l’hai letta solo su wikipedia, compendiata brevemente, e neanche per intero sui suoi libri?
        trovo un po’ infantile criticare un’ideologia che si è letta brevemente compendiata su wikipedia, bah..

        comunque forse queste pseudo teorie queer o non queer sono fallaci in partenza perché non tengono conto che siamo tutti diversi (già gli etero sono diversi tra loro di gusti, vedi che esistono uomini che si eccitano con donne grasse, altre vecchie, altri vogliono le bionde ecc.) quindi, come fai a stilare una teoria che valga per tutti e tutte le persone?

        i e le trans mica sono un “blocco unico” o “unicellulare” tutti uguali… è ovvio che ciascuno è un “mondo” a parte… quindi una pseudo teoria che voglia definirli la trovo già fallace in partenza.
        idem dicasi parlando di eterosessuali

        forse si può tentare di stilare linee molto in generale, per il resto esistono sempre variabili, incognite, cose non prevedibili…

        curioso che per tutto l’intervento

        “dovrebbe essere cosa saltuaria, due-tre volte al mese, come natura comanda (l’ovulazione predispone la donna alla penetrazione vaginale), il resto dei rapporti dovrebbero essere di altro tipo”

        ovviamente non te ne frega un cazzo di considerare se la donna in questione “ha voglia di farlo” due o tre volte il mese o anche più (o MENO, o NESSUNA VOLTA).. della serie “di quello che vuole e gradisce sessualmente la donna a me, eric lauder, non frega un cazzo, l’importante è che scopo e godo io” 🙂
        un tale modo di fare ti è lecito sicuramente, a patto che tu trovi una donna biologica che lo accetti spontaneamente, altrimenti ti ricordo che rapporti consensuali, per il nostro ordinamento giuridico, sono quelli dove ENTRAMBI dicono di sì. 🙂 se un* dice no, non è consensuale, quindi è violenza sessuale 🙂

        Like

        1. Io mica mi scandalizzo, ognuno deve fare ciò che preferisce, ho solo detto che a me non interessano.

          Celebrare castità e purezza sono modi di elevare la donna, gonfiando e celebrando il suo minore desiderio sessuale. E’ una forzatura, ma non diversa dal celebrare lo sprezzo del pericolo e la propensione al rischio maschile, e trattare tutti gli uomini come potenziali eroi che salvano donne e bambini. E’ quasi altrettanto dannosa.

          Di Butler ho letto un libro, non sono riuscito a finirlo causa noia, ma sono arrivato ad almeno tre quarti: è la solita queer theory che avevo già letto in svedese, a suo tempo.

          “ovviamente non te ne frega un cazzo di considerare se la donna in questione “ha voglia di farlo” due o tre volte il mese o anche più (o MENO, o NESSUNA VOLTA).. della serie “di quello che vuole e gradisce sessualmente la donna a me, eric lauder, non frega un cazzo, l’importante è che scopo e godo io””

          Ovviamente, ci mancherebbe fosse il contrario. Visto che l’iniziativa e la responsabilità toccano comunque SOLO a me. Chi non fa niente deve prendere quel che viene, altrimenti può prendere la via della porta.

          “un tale modo di fare ti è lecito sicuramente, a patto che tu trovi una donna biologica che lo accetti spontaneamente, altrimenti ti ricordo che rapporti consensuali, per il nostro ordinamento giuridico, sono quelli dove ENTRAMBI dicono di sì.”

          Ma nel messaggio precedente mi hai ricordato, GIUSTAMENTE, che l’uomo non si sente stuprato, quindi non è ENTRAMBI ma SOLO LA DONNA a dover dire di si. 😉 vedi quindi che la responsabilità è solo mia? E pertanto contano molto di più i miei desideri, perché sono l’unico motore del tutto: lei deve solo dire “si” (se sta zitta non va bene, col “consenso affermativo” equivale a “no”), io devo fare tutto il resto, e se qualcosa va storto la colpa E’ SOLO MIA. E QUINDI sul piacere di chi dovrebbe essere la MIA priorità? Mmmhhh…risposta difficile… 😀 Mi sa che Viscidus non è l’unico che ha fede nei Santi: i tuoi Santi sono certi uomini che si assumono tutti gli oneri e i rischi per poi dare assoluta priorità alla soddisfazione di lei.

          Mi diresti cortesemente uno sforzo o qualcosa di impegnativo, un sacrificio, che la donna media fa per poter andare a letto con un uomo?
          VIETATO dire che cura il suo look: si è detto troppe volte che lo fanno solo per star bene con se stesse, ormai mi avete convinto 😉 e se non fosse vero: organizzate corsi contro l’ipocrisia, che è meglio.
          Si, puoi dire che alle volte mandano amiche o amici a dirti che lei è interessata a te, o addirittura che “lei potrebbe essere interessata a te”.
          Accipicchia, che sforzo: è come se arrivasse uno e mi dicesse: “c’è qui il mio amico che è interessato a farsi dare un passaggio sulla tua automobile” o addirittura “che potrebbe essere interessato a farsi dare un passaggio sulla tua automobile”. Ovviamente se faccio un incidente col tizio a bordo, la responsabilità è mia. Chi dovrebbe scegliere percorso, velocità e stile di guida? Mmmhhh, risposta difficile… 😀

          Like

  16. però aspetta, un’altra cosa mi lascia scettica del tuo riferimento: se una è trans, cioè, è un nato-uomo che però si sente donna e ha quell’identità psicologica lì e anzi, vuole proprio essere iper-femminile, a te risulta (voglio dire: studi scientifici e statistiche) che “la pensi ancora come un uomo”?
    non è mai stata uomo nella mente e nella percezione, lo era solo per i genitali… che comunque, può scegliere di toglierseli… credo ci sia un palese controsenso nella cosa.
    difatti ammetti anche tu che di trans iperfemminili che siano MRA ce ne sono pochissime.
    sono molto di più femministe, sentendosi “più accolte”. almeno dal femminismo trans-inclusivo.
    del resto: perché una trans iperfemminile che si sente femmina da sempre e vuole che tutti la vedano così, dovrebbe occuparsi di problematiche maschili?
    il pene lei lo ha cancellato, ha la vagina, ama la femminilità, vuole essere donna e si sente donna, probabilmente aspira a fare lavori da donne (quindi non a lavorare in miniera)… non capisco perché mai dovrebbe occuparsi di problematiche che riguardano gli uomini quando lei stessa ha rinunciato a quel genere… anche perché quelle problematiche lì non la riguardano più… in quanto “nuova donna” non può fare il minatore (nessuno la assumerebbe per lavori del genere), cosa che invece fanno gli uomini maschi. in quanto “nuova donna” se esce con la minigonna ed è molto carina di fattezze, tanto da essere indistinguibile da una donna biologica, rischierà le molestie per strada… quindi è logico che si interessi di più alle istanze femministe, no?

    mi lascia un po’ dubbiosa il discorso trans-attivismo maschile

    cioè, lo capisco magari per un FtM, nato donna ma che ha fatto tutto il possibile per diventare uomo
    ma non per una trans iperfemminile… bho…

    Like

    1. Si intende sessualmente: a livello sessuale la trans media è donna nel senso che aspetta che sia tu a fare la prima mossa, poi però cambia tutto. Non c’è comunque il ciclo, quindi il livello di desiderio sessuale è costante e prevedibile, solitamente molto più alto che in una donna bio.

      Se ne occupano per la medesima ragione per cui se ne occupano le donne MRA: sono sessualmente attratte verso gli uomini.
      La mia esperienza non è statisticamente significativa ma scommetterei dei soldi che se si facesse un serio studio scientifico risulterebbe che – con le ovvie eccezioni, in media – il livello di attrazione sessuale di una donna per gli uomini è direttamente proporzionale al suo desiderio di comprendere gli uomini e la sua empatia verso il disagio e la sofferenza degli uomini.

      Non per niente ove manca la voglia di comprendere gli uomini e manca empatia verso il disagio e la sofferenza maschili, cioè nel femminismo, si dice che “il privato è politico” e “anche la sessualità è politica” ovverosia “il sesso è un mezzo, non un fine”.
      Il che implica scarsa attrazione verso gli uomini: altrimenti non si riuscirebbe a vedere come preminente il lato politico del sesso.
      E’ anche una delle ragioni (anche se non la principale) per cui non esco con femministe: non mi interessano le seghe mentali e i ricatti a letto, io voglio essere desiderato.
      Ed è pure uno dei talloni d’achille maschili: causa il maggior desiderio sessuale medio, non riusciamo a vedere le implicazioni politiche del sesso, anzi le rifiutiamo proprio. E’ come chiedere a un bambino di dieci anni di vedere il luna park come un business invece che come fonte di divertimento – non ci riuscirà mai. L’adulto ci riesce perché per lui è molto meno entusiasmante, e i pochi bambini di dieci anni che ci riescono sono infatti bambini atipici a cui l’ottovolante e la casa stregata piacciono poco.

      Like

  17. bhè, eric lauder, ma penso saprai o avrai letto in giro dai tuoi ex compagni di merende che è difficile, molto difficile, che un uomo “molto amato dalle donne” si occupi di “questione maschile”… è noto che ad occuparsi di queste vostre tematiche (anzi, più che occuparsene, se ne lamentano e basta) sono quelli che “non battono chiodo”, vuoi perché effettivamente bruttini (e secondo me sono pure la minoranza) vuoi perché, molto più probabilmente, essendo cafoni, egoisti ecc. vengono schivati come la peste o hanno avuto pessime relazioni con le donne

    penso avrai notato anche te che all’incel medio, ossessionato dall’idea di fottere, frega un cazzo di parlare di morti sul lavoro o altre tematiche serie, che comunque i non-incel di tanto in tanto tirano fuori.

    le volte che ho visionato i loro articoli, commenti… l’idea fissa era sempre quella, condita da deliri paranoici degni di chi vede gli alieni dietro ad ogni cosa.

    Quindi, è difficile che ad occuparsi di queste vostre questioni siano uomini equilibrati; infatti se non sono bigotti che favoleggiano di messe in latino, vergini marie e angeli,
    sono incel paranoidi e con evidenti problemi psichiatrici gravi (e non perché siano brutti, come credono loro, ma perché hanno incapacità relazionali e fobie varie). qui in Italia, almeno.
    Poi c’è quella minoranza con simpatie “da sinistra” che tira fuori di tanto in tanto tematiche serie e condivisibili. Difatti sono anche gli unici che si salvano, di questo vostro movimento.

    un discorso analogo lo faceva anche lo Stasi prendendo le distanze dai movimenti incel.
    e mica gli posso dare torto, capisco l’imbarazzo di vedersi accostare a quel tipo di disagiato.

    quindi, in sintesi: gli uomini non vedono il sesso come atto politico perché o non si sentono vittime delle donne, o pur avendo qualche problema con le suddette, non se ne interessano molto\lo lasciano perdere\lo risolvono.

    chi invece non batte chiodo per vari motivi, è un bigotto nostalgico del medioevo, o si interesse a questioni da vecchio marxismo, allora è probabile che si interesserà alle vostre analisi e al vostro movimento.

    non ce lo vedo molto un modello strafigo da sempre servito e riverito dalle donne che si strappano i capelli per lui, che parla di “oppressione delle donne contro gli uomini, nazifemministe, misandria”, ma questo lo fanno notare pure gli incel…

    poi tu tiri sempre in ballo sto discorso degli uomini stuprati dalle donne, ma penso saprai che l’uomo-etero medio a cose del genere, ride come si ride delle barzellette e ti commenta con un “e ti lamenti pure” o “capitasse a me”…

    perché questo? perché, come fai notare tu, l’uomo medio ha quasi sempre maggior bisogno sessuale e tende ad essere meno selettivo (ci sono uomini che si fanno andare bene quasi tutte le donne) una donna ha desiderio sessuale ma deve trovare “l’uomo giusto che la attizza”, è difficile che vada col primo che passa per la strada.

    Ammetto che qui la mia cultura su questa cosa deriva dalla lettura del forum di V. e dei racconti delle tragicomiche scopate dei commentatori 🙂 ne ricordo uno che diceva che lui lo faceva sempre a luce spenta per non vedere l’aspetto orrido delle cozze che rimorchiava 🙂
    infatti il problema per gli incel e simili non è neanche il non-scopare, ma il volere farlo con la figona. e siccome questo tipo di donna sta col politico potente o il riccone o il modello strafigo, loro non la possono avere.
    viceversa, se si accontentassero di donne nella media avrebbero anche loro una vita sessuale e sentimentale (bhè, almeno quelli meno pericolosi tra loro)

    Like

    1. Ho difficoltà a concepire come “funzioni” un incel: se uno in generale disprezza il comportamento femminile non può essere incel, perché nessuno vuole ciò che disprezza, al massimo può avere sentimenti ambigui circa la cosa, ma in tal caso di sicuro non si definisce “incel”: quindi non riesco a capire come fa uno a essere celibe involontario, ovvero a volere una compagna femmina, se disprezza i comportamenti femminili. E’ un po’ come lamentarsi che nei bar non ci sono in vendita panini alla merda, e quindi non te lo puoi mangiare e questo ti rattrista, pur dicendo che la merda fa schifo – immagina: “io sono un senza panino alla merda, mi definisco così perché mi dispiace tantissimo non avere il mio panino alla merda. La merda mi fa schifo”. Non riesco a capirlo.
      Chiaro che in genere l’uomo famoso/ricco/bellissimo non si interessa di problemi maschili, proprio come la donna con forte desiderio sessuale verso gli uomini assai difficilmente è femminista. Però alle nazifemministe ne accennano eccome, ad esempio alcuni sono preoccupati da possibili false accuse, specie con intenti estorsivi: hai letto l’articolo che ho pubblicato in cui i pezzi grossi di Wall Street evitano di incontrare donne attraenti senza testimoni e non le assumono più come persone di fiducia che viaggiano sole insieme a loro? Chiaro poi che una volta parato il loro sederino se ne freghino degli altri: sono squali di Wall Street, mica benefattori 🙂

      Lo stupro delle donne nei confronti degli uomini non è percepito come tale dalla stragrande maggioranza degli uomini, ma se seguiamo la definizione più estesa di stupro, quella col consenso affermativo, tutte le donne sono stupratrici di uomini, tranne le vergini e quelle strettamente lesbiche (che comunque stuprano altre donne). E’ importante sottolinearlo in quanto anche tutti gli uomini secondo la definizione estesa sono stupratori di donne, tranne quelli vergini e quelli strettamente gay, quindi si deve avere una minima possibilità di difendersi e replicare, visto che contro gli uomini la definizione estesa viene EFFETTIVAMENTE applicata quando possibile e in futuro sarà probabilmente legge (la Cassazione ha già emesso sentenze a riguardo).
      Poi, se uno vuole fare lo sprezzante del pericolo e se ne frega di poter avere dei guai, allora meglio evadere le tasse: è meno rischioso e coi soldi fatti ci può pagare millemila sex workers. O no?

      Like

  18. bah, come al solito sei prolisso e svii.

    Le donne quindi, secondo te, non ci provano mai con un uomo dal quale sono attratte?
    a me risulta che le donne ci provano eccome (non ci proveranno con voi maschilisti… ;)) come mi risulta che quelle facoltose si vanno pure a cercare il gigolò.
    su YouTube puoi trovare l’intervista ad un gigolò molto famoso e che guadagna parecchio e ovviamente sono le donne a cercare lui, mica il contrario 🙂 basta che scrivi gigolò e ti viene subito fuori tra i primi risultati. è un bel ragazzo mediterraneo e nel suo sito e per intervista ha parlato a lungo di questo fenomeno.

    mi dispiace per te (che non l’avrai mai suscitato o visto granchè, similmente agli altri maschilisti…) ma di donne che si strappano i capelli per gli uomini e si propongono persino come schiave sessuali ce ne sono.

    non mi pare che gli asceti e santoni analoghi amassero le donne, a me risulta che le considerassero inferiori e tentazioni del demonio da cui era bene stare alla larga. infatti andavano a rintanarsi nei deserti.

    sì bhè ovvio che il modello strafigo o l’imprenditore magari penseranno pure ai pericoli di eventuali ricatti.. ma ci scommetto che ci pensano DOPO e non prima 🙂 non risulta, infatti, che i bei fusti o uomini molto ricchi appoggino granchè la vostra crociata 🙂 e non lo dicono le femministe, lo dite voi stessi sui vostri siti dicendo peste e corna contro gli uomini in questione.

    Like

    1. Le donne cagano anche per strada.
      Ma non di solito.
      Infatti qui si parlava in termini generali: la stragrande maggioranza delle donne non caga per strada e non salta addosso agli uomini. E anche quelle che lo hanno fatto lo hanno fatto occasionalmente.

      E comunque come detto, quando ci provano quasi sempre mandano un’amico o amica a fare l’ambasciata, e comunque dopo aver ricevuto la lieta novella il grosso del lavoro deve farlo lui.

      Il gigolò mica lo fa per piacere suo, lo pagano, che c’entra?
      Ho forse detto che se mi pagano non sono poi interessato alla soddisfazione di chi mi paga? Quando mai? Ho un lavoro, sai? Significa che soddisfo chi mi paga.

      La cosa del “agli altri saltano addosso, a te no perché sei tu che sei brutto in quanto maschilista” potrebbe essere, chi lo sa?
      Oppure no 😀
      Pensi davvero che certi trucchetti attacchino con me?
      Possono attaccare con un ragazzino di 15 anni – non con mio figlio, ne ha 15 e pochi mesi, ma è già alla seconda ragazzina, la seconda con cui ha rapporti sessuali intendo.

      Like

  19. scusa eh, Eric, ma alle soglie del 2019 credere che le donne non abbiano voglie sessuali, desideri, non cerchino uomini ecc. è un po’ da… viscidus… ti metto qui il video del simpatico (e bel) ragazzo che di certe cose e faccende femminili se ne intende

    se non credi a me, almeno credi a lui…

    Like

    1. Non ho mai detto che le donne non hanno desideri sessuali, sarebbe come dire che le persone sottopeso non mangiano.
      Ho detto che i ciccioni tirano molto di più al cibo, e non solo a quello buono, basta che sia decente ed a volte non è necessario manco quello.
      Mentre di solito la persona sottopeso va invogliata un po’ per farla mangiare.

      Tutte cose tra l’altro confermate dai tuoi precedenti messaggi:
      * Le donne si possono sentire stuprate, gli uomini no. Proprio come il mangione difficilmente trova qualcosa che gli fa così schifo che mangerebbe solo se obbligato con la violenza, l’elenco di cibi che gli fanno schifo invece è lungo per quello sottopeso.
      E così via.

      Secondo te mi metto a guardare un video di un tizio su Youtube quando ho postato l’enciclopedica e definitiva ricerca della dottoressa Catherine Hakim sulla materia, condotta in 14 paesi su oltre 900.000 persone? E includente indicatori “puri”, scevri da qualsiasi influenza della società, quali:
      * Comparazione tra frequenza di masturbazione di uomini e donne.
      * Comparazione tra frequenza dei rapporti nelle coppie gay e nelle coppie lesbiche.

      Dai raccontami che le coppie lesbiche lo fanno 28 (VENTOTTO) volte di meno delle coppie gay a causa della differente influenza del patriarcato omofobo quando sono all’interno delle loro camere da letto, a casa loro….magari se hai un po’ di fantasia potresti aggiungere pure che le coppie lesbiche lo fanno 28 (VENTOTTO) volte meno delle coppie gay in quanto il patriarcato le frega ponendo in essere meno stigma contro due donne che si baciano in pubblico rispetto a due uomini che si baciano in pubblico.
      Forza, vai con la fantasia e le arrampicate sugli specchi.
      E spiegalo anche al ragazzino su Youtube, così almeno parla di confronti seri (anche se non in maniera seria) invece che fare un video per far vedere che con lui le donne diventano bestioline in calore.

      Like

  20. al solito: all’Eric gli posti un articolo\video\link che smonta in tutto o in parte le sue “certezze” e dà un punto di vista alternativo o differente alla questione, e lui ovviamente che fa? mica lo visiona e commenta stando nell’argomento, evita di visionarlo (parole sue), cancella (come la prima volta mesi fa…) deraglia l’argomento su altro (cibo??)
    quando fai così sei simile al viscidus bigottone, insomma. ;P

    che dirti, eric. io ti ho messo un fenomeno attuale, che sta emergendo, che è quello dei gigolò, cioè uomini belli o meno belli ma affascinanti che si fanno pagare per soddisfare i desideri sessuali femminili. non ti metto i link dei vari siti osè, ma ce ne sono abbastanza.

    è vero che non tutte le donne (pure quelle che vorrebbero andarci) possono pagarli, visto che per passare qualche ora in compagnia dei signorini in questione… bhè, ti ci vanno 2 mila euro o giù di lì (la vedo dura per una disoccupata\operaia\ecc. pagarsi il bel fusto gigolò) ma facciamo finta e ammettiamo che i suddetti signorini invece di chiedere 2, 3 mila euro, si facciano pagare 5, 10 euro… secondo te ci sarebbero tante donne (si o no?) che vanno a cercarseli e a richiederseli e a spolparseli potendo stare con un bel ragazzone pure educato e cortese? 🙂

    alla fin fine questo fenomeno (ancora poco conosciuto) che sta prendendo piede (per il momento, solo tra donne molto facoltose, quindi niente operaie e cassaintegrate, ma solo per avvocate, imprenditrici ecc.) ti dimostra che le donne hanno voglia di fare sesso con uomini che le attizzano. Punto.

    possiamo poi star qui a chiederci se è un fenomeno portato dal femminismo, dal fatto che le donne nei secoli passati non avevano molta libertà sessuale (alla luce del sole, almeno), che erano contesti bigotti, che non lavorando in professioni maschili non avevano molti soldi e non potevano gestire nulla ecc. ecc. insomma, possiamo pure chiederci tutto quello che vuoi, resta il fatto che nel 2019 questo fenomeno c’è e secondo me è destinato ad aumentare e a diventare anche più “democratico”: basterebbe che i gigolò in questione abbassassero le tariffe e molte più donne (tra quelle non facoltose) ci farebbero un pensierino…

    capisco che maschilisti non possono crederci o ammetterlo, loro le donne in questione non le vedono 🙂 tra l’altro il succo del discorso è questo qui, te lo dice pure lui che lo fa come lavoro ed evidentemente è alquanto portato perché la clientela femminile ce l’ha, sta diventando famoso, quindi…

    guarda eric che cambiare punto di vista e accogliere argomentazioni sensate e interessanti a cui tu per vari motivi non hai pensato, è segno di intelligenza e crescita culturale, non di deficienza 🙂

    Like

    1. Hai appena paragonato il dare consenso al sesso al dare consenso a venire massacrati e uccisi…in mezzo a due messaggi in cui parli del desiderio sessuale femminile forte come quello maschile…

      Non devo avere pregiudizi? Va bene.
      Apriamo il video.
      Anzi, postiamolo qui:

      8912 visualizzazioni, è un tizio che racconta le sue esperienze da gigolò.
      “Vita da Gigolo – Igor Gigolò per Fanpage.it”
      C’è ben UN commento, di una donna, si chiede come si può contattarlo.

      Stai davvero comparando questa cosa a una ricerca accademica svolta incrociando dati multipli provenienti da 14 paesi ed esaminanti un totale di oltre 900.000 persone?

      Spiacente, credo di più alla signora:

      http://www.catherinehakim.org

      “Dr Catherine Hakim is a pioneering British social scientist and author. Currently, she is Professorial Research Fellow at Civitas, the London think tank. From 1993 to 2012, she was Senior Research Fellow at the London School of Economics, then at the Centre for Policy Research in London and the WZB social science research institute in Berlin. She has published extensively, with over 100 papers published in British, European and American refereed academic journals and edited collections, four textbooks, and over a dozen books and monographs on the labour market, changing patterns of work, women’s employment, social attitudes, social and family policy, research design, and cross-national comparative research in all these areas. While at the London School of Economics, she developed preference theory and, more recently, a theory on the social and economic value of erotic capital (physical and social attractiveness) for men and women of all ages. She often contributes to TV and radio programmes, including Sky News, BBC Daily Politics and Woman’s Hour. She is currently writing a book on Sexual Politics.”

      Like

  21. eric, devi andare sul sito del gigolò in questione -__- cioè, vai sul suo sito, ti leggi la sezione del suo blog con i commenti delle sue “fans”…

    dai, ti saluto, mi sono rotta il cazzo e ho di meglio da fare che non passare la nottata con eric lauder sul web. anche a voler parlare seriamente delle vostre istanze, finisce tutto a tarallucci e vino con te che posti cose assurde e deliranti su “animaliste femministe che vogliono ammazzare i tori in quanto maschi o viceversa” quando le suddette tizie non parlano né di tori né di maschi, ma tu sei convinto che loro vogliano ammazzarli perché… perché lo dice Eric. non c’è manco mezza frase nel loro articolo, ma Eric la sa lunga, ha letto nelle loro menti, poteri ESP, e quindi…

    a volte penso che il V. abbia ragione e tu sia una specie di troll. 🙂

    ti lascio in compagnia delle animaliste che vogliono sterminare i tori. 🙂

    Like

    1. Mica ho detto che sono loro che li vogliono ammazzare.

      Mai pensato che le femministe vogliano lavorare, tantomeno fare un lavoro sporco.

      Ho detto che a loro NON FREGA UN EMERITISSIMO CAZZO che li ammazzino.

      E che non gliene frega soltanto perché i tori hanno il pisello invece che la patata.

      Non è mica un caso se uso “appassionate di fica” per le accademiche di Women’s Studies…

      C’è molto sotto l’apparente volgarità, ma bisogna essere in grado di leggere tra le righe…

      Il sito del gigolò è qui
      https://www.igorgigolo.com/

      Malgrado l’intervista su Fanpage.it che gli ha dato parecchia visibilità ha meno visite e commenti del mio sito, secondo Alexa.
      Ecco qui:
      https://www.alexa.com/siteinfo/igorgigolo.com
      Lui è 8,567,272 esimo nel mondo.
      Io, con le pagine ingiallite e il layout “dissuasivo” 😀
      https://www.alexa.com/siteinfo/theindependentmanitaly.wordpress.com
      Sono 6,983,163 esimo nel mondo

      Evidentemente sono più bello io, ma questo lo sapevo già…. 😀

      Davide Stasi, poi, lo schiaccia, rispetto al tuo gigolò direi che Davide Stasi è così:

      Ha ragione Viscidus: sono un troll per preti e femministe.
      Una spina nel fianco.
      Una zecca nel culo.
      E come le zecche posso pure trasmettere malattie.

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s