Lettere a TIMI: aridaje con gli incel…

Mi si chiedono ulteriori delucidazioni di quel che penso circa gli incel.

Differenza tra MGTOW e Incel

Incel è Celibe Involontario, è chi vorrebbe avere una relazione con una donna e non ce l’ha.

MGTOW significa Men Going Their Own Way, “Uomini Che Vanno Per La Loro Strada” con particolare riferimento all’indipendenza maschile da impegni LEGALI verso le donne, si definisce MGTOW l’uomo che sceglie di non convivere ed evita di firmare contratto di matrimonio perché pensa che in una società ginocentrica tali rapporti formalizzati (anche la convivenza è un rapporto formale che da’ luogo a doveri: legge 76/2016, Cirinnà) siano svantaggiosi quando si fa l’analisi benefici/sacrifici/rischi, inoltre quasi sempre evita anche relazioni “serie” (cosa probabilmente non eccessivamente prudenziale: IN ITALIA la Cassazione ha già stabilito che anche chi non convive sotto le stesso tetto può essere considerato convivente ai fini dei doveri legali quando il rapporto ha termine): tutto questo è l’esatto contrario di Incel.

Essere incel secondo la mia opinione è un fallimento: questo non vuol dire che la persona non valga niente ma ha fallito nel raggiungere quel SUO obbiettivo. Questo è un dato di fatto.

E’ il SUO obbiettivo perché è l’incel che stabilisce che il SUO obbiettivo e desiderio maggiore è avere una relazione con una donna:

E’ l’incel che si adegua e introietta la pressione sociale per cui l’uomo senza una donna è uno sfigato.

E’ l’incel che rinforza tale stereotipo.

E’ l’incel che contribuisce (anche se non in maniera decisiva, anzi: gli incel sono senz’altro quelli che hanno meno responsabilità, sono vittime inconsapevoli) a tenere gli uomini nel recinto ginocentrico in cui la donna ha molto più valore dell’uomo.

Se uno si pone un obbiettivo e non lo raggiunge questo è un fallimento, ed i fallimenti non sono mai qualcosa di utile su cui costruire qualcos’altro, salvo ovviamente il caso in cui ci portano a cambiare radicalmente: non è certo il caso di chi si rassegna ma continua a struggersi del fatto di non avere una donna in casa.

L’inceldom è una condizione di vita NON PIENAMENTE ADULTA a mio parere.

Essere MGTOW non significa essere perfetti o esenti da critiche, ma è una libera scelta, non una condizione a cui sei costretto.

MGTOW può essere definito con buone ragioni “egocentrico”, “narcisista”, “menefreghista”, e in mille altri modi, ma significa piena e totale autonomia.

L’inceldom è un problema tipicamente maschile ma non esclusivamente maschile (esistono anche le femmine nelle medesime condizioni, sebbene siano più rare), mentre MGTOW è una scelta di vita maschile.

Quindi in ultima analisi: una netta distinzione è assolutamente necessaria, ed è assolutamente impossibile essere MGTOW e pure Incel. Al contrario, è possibilissimo e a mio parere auspicabile essere MGTOW e MRA: MRA è un Attivista per i Diritti Maschili, agisce nella sfera pubblica, sollecitando cambiamenti legali e sociali a favore degli uomini. Essere MGTOW nella sfera privata e MRA nella sfera pubblica è pienamente compatibile. Pure essere Incel e MRA contemporaneamente è possibile, ma ovviamente vi saranno più spesso che no con chi proviene dalla filosofia MGTOW divergenze su ciò che sia vantaggioso o svantaggioso per gli uomini, dovute ad una visione radicalmente differente: ad esempio un Incel non avendo alcuna relazione con donne non è ovviamente particolarmente toccato dal passaggio di leggi quali il mantenimento alle ex-conviventi (76/2016 Cirinnà) mentre per MGTOW è uno dei principali motivi della sua scelta di vita.


Sei troppo crudele verso gli incel

Si parla di sesso e relazioni sessuali tra uomini e donne: il sesso E’ darwinismo, la donna è selettiva perché in tempi antichi se le donne si accoppiavano tutte con l’uomo sbagliato l’umanità si estingueva, le regole non le ho stabilite io ma alle regole non si sfugge, la Fica di Stato per grazia ricevuta non esiste, non è mai esistita e non esisterà mai. E non c’è alcun modo di ottenerla piagnucolando. I rapporti tra i sessi sono anzitutto rapporti di potere: per questo con l’avvento dell’agricoltura c’erano 17 donne che si riproducevano per ogni uomo che si riproduceva, per questo abbiamo il doppio di antenati femmine che di antenati maschi, tutto provato dall’esame del nostro DNA: fare sesso per un uomo è più difficile che per una donna, lo è sempre stato e sempre lo sarà. E questa è pura selezione darwinista. E il medico pietoso fa andare in cancrena la ferita invece che amputare…io al massimo posso dire che mi dispiace che le regole siano queste, che questo sia il mondo in cui viviamo, ma non racconterò mai balle per illudere la gente: non esiste la Fica di Stato con sacrifici minimi, non è mai esistita e non esisterà mai.

Possono esserci dei comuni interessi/obbiettivi tra MGTOW e Incel?

Certo: possono esserci comuni interessi e obbiettivi con CHIUNQUE, un eccellente esempio è il DDL 735 del Senatore Simone Pillon, come pure le proposte di totale legalizzazione della prostituzione da parte di larghe fette del femminismo: vengono da due ideologie in netto contrasto tra loro, ma entrambe tirano l’acqua anche al mulino degli interessi maschili.

Ma secondo la mia opinione gli Incel sono quelli che, in tutta l’androsfera, meno condividono interessi e obbiettivi con MGTOW.

Una cosa che mi viene in mente è proprio la piena legalizzazione della prostituzione: è una cosa che MGTOW ed a quanto pare larga parte degli Incel, come pure le femministe “sex-positive”, hanno in comune.

La legalizzazione delle prostituzione è positiva per gli uomini (anche se secondo me assai meno di quel che molti credono) perché, ovviamente, maggiori opzioni di sfogo sessuale gli uomini hanno, meglio è. Su questo il problema semmai gli Incel ce l’hanno con i tradizionalisti e bigottume vario, che ovviamente si oppongono a una cosa simile.

E il fatto che nell’esempio ho messo pure le femministe “sex-positive” deve far riflettere – concludo con due commenti di utenti su questo blog, e la mia risposta:

Gli incels sono facili da capire, sono l’esercito di riserva del femminismo.

Vero
Gli incel affermano le stesse cazzate delle femministe
Affermano che vivevamo in tempi bellissimi per gli uomini poi sono arrivate le femministe e hanno rovinato tutto.

Le femministe in realtà non hanno fatto un caxxo è stata la tecnologia che ha permesso la semplificazione del lavoro domestico e la possibilità di effettuare lavori leggeri
Che poi le donne non ricevono stigmi per fare figli non perché una volta erano tutti redpillati e adesso sono cuck, ma perché per lavorare un campo ci volevano 30 giovani vigorosi adesso basta un vecchio su un trattore

La maggior parte degli incel vorrebbero convivere o sposarsi una MALGRADO le attuali condizioni: per questo sono celibi involontari. Se così non fosse sarebbero ben felici di non avere una in casa. E’ il contrario di MGTOW, è proprio inconciliabile.

Aggiungerei che siccome gli avanzamenti femminili sono dovuti quasi esclusivamente al progresso tecnologico è impensabile tornare indietro, tranne nel caso che un asteroide o un super virus (molto più potente del Covid19) colpissero il pianeta. Quindi si deve usare un approccio nuovo.

E poi c’è un’altra cosa: i tradizionalisti amano sottolineare che il vecchio sistema funzionava. Vero. Ma il vecchio sistema ha anche PROVATO di essere perdente contro il femminismo – è l’unico sistema che DI SICURO non funziona contro il femminismo.
“Squadra che perde non si cambia” è irrazionale.

Taggato “Lettere a TIMI” e “Incel”.

UPDATE, mi è stato appena segnalato questo “arguto” commento, a cui risponderò punto per punto, in neretto:

Una persona involontariamente celibe dovrebbe vergognarsi? In sostanza, ci si deve vergognare perché non si è stati sufficientemente falsi con sé stessi di prendersi una donna che ti guarda come un oggetto, che da te vuole solo soldi e privilegi, oppure di accontentarsi di donne oggettivamente bruttissime anche quando tu sei esteticamente mille volte superiore?

Se decidi di non prenderti una donna in casa per le ragioni che menzioni allora sei VOLONTARIAMENTE celibe, non INVOLONTARIAMENTE celibe. Capisco che l’analfabetismo funzionale sia un grosso problema dei giorni nostri, ma qui tocchiamo delle vette impensabili.

Oggi ci sono tantissimi uomini, anche mediamente belli o più che belli, i quali non riescono a trovare nemmeno una cellula morta di donna in putrefazione e non hanno nulla di cui vergognarsi. 

E poi c’era la marmotta che confezionava la cioccolata: le statistiche degli uomini che non hanno fatto sesso negli ultimi 12 mesi anno sono il 29-31% sotto i 24 anni, e il 16% tra i 25 e i 34 anni: questi numeri includono quelli a cui in tal momento della loro vita non frega granché di avere rapporti con una (sono senz’altro pochi ma ci sono) e praticamente tutti quelli che hanno grossi handicap fisici e/o mentali, nonché ovviamente quelli particolarmente brutti: mi dispiace per la condizione di questi ma da qui a dire che sono “rappresentativi di tantissimi uomini mediamente belli o anche più che belli”…

Perché la società non ha dato loro nessuno degli strumenti necessari per approcciarsi in maniera vincente col mondo femminile.

Invece quando i nostri nonni si sverginavano nei bordelli? L’unica obiezione valida a riguardo è che oggi c’è una misandria generale, specie nel sistema legale, che scoraggia l’approccio: ma questo è valido solo se paragonato agli anni 80 o 90 – anche negli anni 50 se approcciavi una per strada potevi passare dei guai, da parte di fratelli e padre, non da parte della legge.

Il discorso della patente è assolutamente idiota: la patente la prendi superando un esame. Ma sai perfettamente cosa devi studiare per superare quell’esame. Con le donne, invece, spesso non si sa minimamente cosa bisogna fare, e spesso i progressi che si ottengono sono instabili/frustranti e si pagano a caro prezzo. 

Qui bisognerebbe capire cosa si intende per “progressi instabili/frustranti” e soprattutto per “si pagano a caro prezzo”. Dubito sia possibile cavarne un ragno dal buco visto che questo tizio confonde VOLONTARIAMENTE con INVOLONTARIAMENTE, ma io non censuro commenti e sono aperto al dialogo.

Comunque sia in Italia ci sono 38,7 milioni di patenti su 60 milioni di abitanti: significa che il 35,5% degli abitanti non ha la patente. Per confronto gli uomini che non fanno sesso da 12 mesi sono il 16% tra i 25 e i 34 anni, e il 29-31% tra i 18 e i 24 anni: apparentemente è più difficile prendere la patente. Pare la solita fallacia logica per cui “i paragoni non esistono” in quanto due cose o sono uguali o sono diverse: se sono uguali sono la stessa cosa (e quindi non si può paragonare qualcosa a se stessa) se sono diverse sono differenti e quindi il paragone non si potrebbe fare – in realtà cose e situazioni differenti possono avere molte caratteristiche in comune o comunque molto simili pur essendo differenti riguardo a molto altro, ed è proprio per questo che i paragoni esistono. Notare che qui è proprio un secco “i paragoni non esistono” perché si dice “è assolutamente idiota” sulla base di UNA singola differenza, quindi niente sarebbe paragonabile a qualcos’altro in tutto l’universo.

Tranne se sei ricco/alto status.

Infatti è notorio che quando approcci una sconosciuta in un locale notturno quella ti chiede la dichiarazione dei redditi prima di decidere se venire in auto con te…qui siamo oltre il ridicolo: si confonde l’approccio con la firma sul contratto di matrimonio.

78 thoughts on “Lettere a TIMI: aridaje con gli incel…

  1. Ben spiegato. Complimenti.

    O.T.
    Vorrei approfittare della tua capacità di demolire ragionamenti sbagliati, per mettere alla prova (accetto il rischio!) un mio pallino (fra i tanti…).
    Ti invito a dirmi, appunto, se trovi sia un ragionamento campato in aria, oppure attaccabile in qualche modo, o invece da te condiviso (come, ovviamente, auspico) e in tal caso se tu sai formularlo meglio.

    Lo riporto da qui, con qualche modifica (migliorativa, spero) :

    https://stalkersaraitu.com/lannullamento-dei-diritti-riproduttivi-maschili-a-norma-di-legge/#comment-14796

    [“Temo però che ricomincerebbero gli aborti clandestini e/o gli infanticidi.”

    Colgo lo spunto da queste parole per fare una considerazione.
    Io comprendo le ragioni degli abortisti quando sostengono che il feto è solo “un grumo di cellule” e chiedono al Legislatore che non venga riconosciuto come individuo con dei diritti.
    Intendo dire che è un’opinione (aspramente contrastata da chi invece ritiene che la vita inizi dal concepimento) che ha un suo perché. Poi si va al voto e chi perde deve accettare la sconfitta.
    (E non ci tengo a dichiarare, al momento, quale sia la mia posizione in merito).

    Trovo invece assurdo, risibile, assolutamente inconsistente l’argomento ascoltato mille volte dal femminismo, spesso esposto in forme simili a questa: “L’aborto è stato legalizzato per evitare la piaga degli aborti illegali e degli infanticidi; voi antiabortisti volete che le donne tornino a morire sotto i ferri delle mammane o abbandonino i figli nei cassonetti.”.
    Mi sembra una fallacia, anche se non saprei, al momento, stabilire quale.
    Trovo che sarebbe come proporre la legalizzazione – che so – di rapine a banche e gioiellerie, per porre un freno alle morti e ai ferimenti da queste causate.]

    Liked by 1 person

    1. Grazie.
      Dicono che gli incel siano intelligenti, ma se le obiezioni sono quelle del tizio a cui rispondo che confonde VOLONTARIAMENETE e INVOLONTARIAMENTE allora più che altro sono analfabeti funzionali.
      Anche quello che mi ha risposto su MGTOW Italia è chiaramente analfabeta funzionale: non capisce un cazzo del discorso che faccio, dice che è “una supercazzola” e l’unica cosa che ha capito è che ce l’ho con gli incel e quindi sospetta che sia femminista.

      Resta il fatto che MGTOW è una scelta che migliora – e molto – la vitadi un uomo, deve essere consapevole, e confondere MGTOW e Incel non può che fare danni.
      Io capisco che sono parecchi e che faccia gola ampliare l’audience, ma non è il mio scopo: io qui do’ consigli su come togliersi dalla linea di fuoco e mettersi in posizione comoda per godersi i fuochi d’artificio che INEVITABILMENTE ci saranno.

      Sulla coerenza basta dire che Deusfur, l’amministratore del forum degli incel, che io sappia è Marco Crepaldi: quello che sino a poco tempo fa andava a dire di essere femminista e che “solo il femminismo radicale è male”. Invece è il contrario: è quello apparentemente moderato che è più pericoloso, le altre le riconosci al volo e spesso si smerdano da sole.

      Mi sembra che non faccia una piega, anche se ci aggiungerei una cosa:
      “Dire che l’aborto è stato legalizzato SOLO per evitare la morte di donne negli aborti clandestini e l’infanticidio significa che per voi l’aborto è MALE. E allora non si capisce perché vi preoccupate dei rischi che corre chi fa del MALE. Dell’infanticidio che ve ne frega? Farlo fuori prima o dopo cosa cambia? “

      Like

      1. Cazzo, risposta fulminea!
        Grazie.

        Mi piace il primo ragionamento.
        Perè… Capisco che scrivere “SOLO” renda il ragionamento ineccepibile, però consente anche di rispondere che non è solo per quello e poi la discussione rischia di andare nel difficile.

        “Dell’infanticidio che ve ne frega? Farlo fuori prima o dopo cosa cambia?“
        Questa invece non l’ho capita, lo ammetto.

        “Anche quello che mi ha risposto su MGTOW Italia…”

        Forse, allora, non hai letto qui (ehm…) :

        https://www.questionemaschile.org/forum/index.php/topic,17067.msg195472/topicseen.html#msg195472

        Like

        1. Ti credo, sono casa perché a mezzanotte e mezza debbo andare a prendere il pupo che a 16 anni non ha niente di meglio da fare che andare a cena con una coetanea in un ristorante da 30 euro. Ovviamente la cena inizia alle 8, e dubito che mangino per 4 ore e mezzo, di fronte al ristorante c’è un boschetto noto perché ci vanno le coppiette a passeggiare e fare altro.
          Però lo ha accompagnato su la mia ex, non io: io faccio solo le cose difficili, altrimenti poltrisco. Anche se sul lavoro è così: “lo chiedi a me? E’ un lavoro da scemo, fallo fare a XXX” 😀

          Allora non mettere il SOLO, non funziona altrettanto bene ma funziona comunque molto bene.
          Che senso ha far fuori il feto per evitare l’infanticidio? Si, il feto dovrebbe soffrire meno, ma moralmente siamo lì: è come la pena di morte con iniezione letale che prima ti addormenta o l’impiccagione/decapitazione. La prima è più umana ma è sempre pena di morte.

          Like

        2. “Che senso ha far fuori il feto per evitare l’infanticidio? Si, il feto dovrebbe soffrire meno, ma moralmente siamo lì: è come la pena di morte con iniezione letale che prima ti addormenta o l’impiccagione/decapitazione. La prima è più umana ma è sempre pena di morte.”

          Ora ho capito. Questo però rientra nella diatriba “omicidio sì/omicidio no”, collegata al concetto “feto individuo/feto grumo di cellule”, quella che non intendo affrontare nel ragionamento proposto.
          Mentre l’infante è sempre, universalmente (cioè anche dagli abortisti) considerato individuo con dei diritti.

          Forse sarebbe meglio, se possibile, che cancelli la mia risposta ripetuta (June 27, 2020 at 6:11 pm), che può solo creare confusione.

          Like

          1. Ne ho approfittato per dare due risposte differenti ed entrambe lunghe, alla fine forse è più ordinato che un wall of text.

            Considera che su Spiked magazine, più o meno equivalente a Il Fatto Quotidiano ma britannico, nei commenti lasciano passare anche lo spam per aumentare il numero di messaggi, al confronto qui avere un commento duplicato con due risposte differenti è roba da virtuosi.

            Like

      2. Cazzo, risposta fulminea!
        Grazie.

        Mi piace il primo ragionamento.
        Però… Capisco che scrivere “SOLO” renda il ragionamento ineccepibile, ma consente anche di rispondere che non è solo per quello e poi la discussione rischia di andare nel difficile.

        “Dell’infanticidio che ve ne frega? Farlo fuori prima o dopo cosa cambia?“
        Questa invece non l’ho capita, lo ammetto.

        “Anche quello che mi ha risposto su MGTOW Italia…”

        Forse, allora, non hai letto qui (ehm…) :

        https://www.questionemaschile.org/forum/index.php/topic,17067.msg195472/topicseen.html#msg195472

        Like

        1. Mi piace la replica di Ficus Cicciogay, le femministe si bagnano quando leggono queste cose:

          Senza leggi qualunque essere umano può diventare pericoloso. Vale anche per le donne, che se continueranno a esser elasciate libere di fare come vogliono distruggeranno questa società.

          Si, certo: le donne le bloccano quella checca isterica di Cicciogay e gli incel, come no…basti citare due esempi di sovraniste: Giulia Bongiorno e l’insospettabile Lorella Cuccarini che sarebbe pure “anti-femminista” ma appena la fanno fuori dal programma TV si mette a piangere sessismo e urlare “maschilista”.

          Sul resto alle medesimo illazioni di Cicciogay ho già riisposto su MGTOW Italia, ieri:

          Rispondo qui all’altro messaggio:
          Io ho la piena potestà parentale su due figli che ho avuto all’interno del matrimonio, e non ho mai avuto la potestà parentale sugli altri due figli, che ufficialmente non sono miei, ho avuto da altre donne e di cui si curano altri, coloro con cui stavano insieme quando le misi incinte. Nonostante questo con uno dei due ho un buon rapporto.
          Non si possono educare i figli con le fleshlight: le fleshlight non parlano. Ma si può regalare una fleshlight a un 17 enne che te la chiede perché si è lasciato con la ragazza con cui faceva sesso ed al momento non ne ha altre per le mani.
          Tu che dici di voler salvare l’Italia dalla sostituzione etnica quanti figli hai fatto? Zero.
          E in più scrivi nell’articolo che “la stragrande maggioranza degli uomini è condannata all’astinenza” e “persino un’obesa è inarrivabile per l’uomo medio”.
          Le conclusioni chiunque le tirerebbe: incel che si finge MGTOW, come la volpe con l’uva.

          Nota che checca isterica ci vuole con Cicciogay: per lui il cazzo o la fica sono la stessa cosa:

          Nel frattempo ama andare con transessuali non operati (per quel che può importare la differenza).

          Questo ha già fatto confusione tra “donne bisessuali” e “froci” (uomini omosessuali) ormai è in modalità 100% genderfluid. Negativa, nel senso che gli fa schifo tutto, ma comunque non fa distinzione: praticamente un genderfluid che non gli tira 😀
          Io un uomo etero che gli fa schifo l’idea di due donne bisessuali che fanno robe non l’ho mai visto, e tu? E’ roba da resuscitare i morti, pure se sono bruttine (anzi, è quasi indifferente che siano belle o brutte in quella situazione).

          Like

      3. @Eric
        Non credo che Deusfur sia Marco Crepaldi: ho sentito una volta uno spezzone su YouTube dove lo intervistavano al telefono e aveva accento siciliano. Crepaldi no.
        Come mai pensi sia lui?

        Like

        1. Me lo ha detto un uccellino 😀

          E’ un modo di dire ispirato a una canzone dello zecchino d’oro del 1964 – che faceva:

          C’è sempre un uccellino che mi spia
          Se faccio qualche cosa che non va.
          E non appena dico una bugia
          Lo dice alla mia mamma e al mio papà.

          «Me l’ha detto un uccellino
          Cippicì cippicì cippicià
          Non ti sei lavato il collo
          Cippicì cippicì cippicià
          Ed a scuola stamattina
          Non sapevi la lezion
          Cippicì cippicì cippicià!».

          Io non lo vedo mai ma lui mi vede;
          Se prendo un brutto voto lui lo sa.
          A casa mia nessuno più mi crede…
          Sarò costretto a dir la verità…

          Like

    1. Perché mai?
      Nel 29,2% dei casi è il padre, è proprio colpa del padre.
      Invece nel 70,8% dei casi è la madre a uccidere i bambini: come dimostra l’immagine nel tuo messaggio (sono DATI UFFICIALI sebbene riferiti agli USA e non all’Italia).
      Quindi ci sta che qui sia assolutamente il padre ad essere un assassino, e la madre sia doppiamente vittima, anzi triplamente perché ha perso due bambini.

      OT a parte: la esprimi o no qualche opinione su questo articolo sugli incel, visto che fai parte della categoria?
      Ti offendono i miei ragionamenti?
      Pensi siano giusti, fallaci, pretestuosi, o cosa?

      Like

      1. sai benissimo che degli incel penso tutto il male possibile e vi è una cosa che mi allontana da loro: io non incolpo le donne per la mia condizione (incolpo semmai la mia timidezza, pigrizia e insicurezza), le donne hanno tutto il diritto di selezionare il partner come ce l’hanno gli uomini. io non sono e no sarò mai un vittimista che odia le donne perchè “non me la danno, la danno solo ai belli buuuh”, poi tutta quella terminologia a base di chad, stacy, lms theory mi da’ il voltastomaco

        Like

        1. Sai che questa è la mentalità base per prendere un po’ di fica e non essere incel?
          La timidezza e l’insicurezza sono male e vanno combattute attivamente, ma non è difficile, basta imporsi di ignorarle e perseverare, poi è questione di pochi mesi. Ho scritto “mesi” non “anni”.
          La pigrizia invece è molto positiva: significa che dentro di te sai che non vale la pena di sforzarsi troppo per le donne, anche se non lo vuoi ammettere. La pigrizia verso le donne è il massimo del potere sessuale maschile se incanalata bene.
          Però per essere in pace con se stessi prima bisogna dimostrare a se stessi di potercela fare, al di là di ogni ragionevole dubbio. E non puoi ingannare te stesso. Solo a quel punto la pigrizia diventa un punto di forza, uno smacco per il potere sessuale femminile: lo sbadiglio è l’arma più potente che ha l’uomo. Mentre le lacrime sono l’arma più potente che ha la donna.

          Like

  2. @Eric

    “Dicono che gli incel siano intelligenti”

    Ok, ok, ammetto che tra gli incels c’è un ampia variabilità, coprono un ampio spettro da Paolo a quelli che si spacciano per MGTOW perché se ne vergognano, è vero, ma infatti fai benissimo a mettere i paletti tra cosa è MGTOW e cosa non lo è, comunque se è vero che hai fatto lo scoop, che Deusfur è Crepaldi, confermo che è un ragazzo intelligente, e un ottimo moderatore, qualcosa insieme secondo me possiamo farla, anche se non siamo perfettamente allineati.

    Deusfur comunque scrive che vorrebbe fondersi con la questione maschile, per me questo è positivo, per me è uno con cui si può parlare, e anche bene.

    A me non vanno bene quelli come Vicus che hanno un’unica visione della virilità e che sono convintissimi che è quella giusta, è un modo distruttivo e stupido che non ha futuro perché ignora che la questione maschile è fondamentalmente individualista, nessun uomo si fa dire da un altro cosa è giusto e cosa è sbagliato; con Crepaldi/Deusfur penso sia diverso.

    A Vicus potrebbe piacere Jack Donovan, è tradizionalista, nazionalista, hanno punti in comune, forse, solo che è gay e che lo gonfierebbe come un pallone se se lo trovasse davanti; magari gli piace, chissà.

    https://www.thecut.com/2017/04/jack-donovan-philosophical-fascists-of-the-gay-alt-right.html

    “Io un uomo etero che gli fa schifo l’idea di due donne bisessuali che fanno robe non l’ho mai visto, e tu?”

    Neanche io, praticamente è il sogno erotico di tutti i maschi.

    Liked by 1 person

    1. Infatti a me deusfur (che non sono sicuro sia Crepaldi, ma lo sospetto fortemente) non fece una cattiva impressione. Ma non ha la più pallida idea della dinamica dei rapporti tra i sessi, che è sempre una dinamica di potere. Scommetterei una cifra che nel forum degli incel accettano utentesse, ad esempio: nei forum MGTOW sono bannate immediatamente, è una regola fissa, al massimo c’è un’apposita sezione in cui possono postare come ospiti ma nel 90% dei forum MGTOW non c’è neppure quella.
      In questo siamo esattamente speculari alle femministe, che infatti ci videro giusto quando iniziarono a farlo contro di noi: i risultati li abbiamo di fronte, c’è addirittura una legge IN ITALIA che stabilisce che se un centro antiviolenza accoglie vittime uomo non ha diritto ai finanziamenti pubblici. Se è male come mai funziona così bene contro di noi? Se la gente è generalmente contro la discriminazione come ha fatto a passare la legge SIA DA NOI CHE IN TANTI ALTRI PAESI (inclusi Canada, UK e Svezia, tutti cosiddetti “per la parità”)?
      Qui le donne possono postare perché il blog è più MRA che MGTOW, è la parte di attivismo che faccio e il dialogo può servire. Sul forum MenGTOW invece non sono ammesse, siamo in 118 e il numero cresce lentamente, però in media adesso è un utente nuovo al giorno.

      Ficus Cicciogay ha un concetto molto astratto di virilità: per me è la capacità di mettere incinte le donne.
      Per lui è scritta nelle leggi: cambiano le leggi, non sei più virile. Ad esempio se fanno entrare le donne nelle forze armate CON GLI STESSI STANDARD RICHIESTI AGLI UOMINI secondo Ficus Cicciogay quelle pochissime che riescono a entrare svirilizzano l’uomo.
      E naturalmente un corpo di donna con tette e vagina, e viso assolutamente femminile, è come andare con un uomo, perché era nata uomo e ha fatto la transizione: lo ha detto lui che vagina o pene fa lo stesso.
      Quindi è tutta roba astratta.

      Like

  3. “Sei mai stato nero?”
    “Io sì, quando ero povero” (attribuita a M Tyson).
    .
    “Sei mai stato incel?”
    “Io sì, quando ero povero”.

    .
    Gli Incel – cui va il mio pieno rispetto ad onta delle loro verbalizzazioni e delle loro pretese velleitarie ben chiarite da Eric – non sono altro che il frutto della nuova epoca. La Tecnica sta rendendo del tutto indipendenti le DD economicamente, sta fornendo loro una istruzione mediamente superiore, mentre natura (ipergamia) e femminismo (potere riproduttivo e sessuale nella coppia + il resto) le stanno rendendo irraggiungibili per un numero crescente di maschi dei ceti sociali medio bassi. Il fatto che gli Incel attribuiscano all’estetica il loro problema è un autoinganno.
    .
    Homo sine pecunia imago castitatis. Questo è il punto, Altro che l’estetica.
    Per i MGTOW le DD sono semplicemente pericolose, perciò cercano di interagire solo per il minimo indispensabile. Ma la causa dei due fenomeni è la stessa.
    Poi ci sono quelli che sono e restano single (numero in crescita da decenni) senza pensarsi o definirsi né Incel né MGTOW.

    Dice bene Eric: patata gratis mai esistita. Figuriamoci oggi e domani.

    Liked by 3 people

    1. Grazie, Rino.
      Che la causa dei due fenomeni sia le medesima è fuori di dubbio, quel che fa la differenza è la presa di coscienza e la reazione.

      Ma secondo me il problema va ben oltre l’inaccessibilità sessuale: Johnny Depp è stato colpito non perché non abbia soldi o non abbia status o non sia bello. E’ stato colpito perché l’empowerment femminile (dovuto a misandria, non a meriti) lo ha reso possibile.
      E’ successo lo stesso a Brad Pitt.
      Harvey Weinstein è in prigione perché dava le parti nei film a quelle che andavano a letto con lui.
      Placido Domingo è nei guai.

      Il pericolo lo corrono TUTTI.
      Tranne chi evita di mettersi nella posizione di essere una possibile preda, e il modo è semplice: se non hanno da guadagnarci o troppo da rimetterci non ti accusano. Neanche se l’accusa fosse “vera”, figurati falsa. Vera è tra virgolette, perché non esistono le accuse vere, in un certo senso.

      Cosa succede a uno che, magari pure benestante e bello, non ha le loro stesse risorse e capacità di recupero?

      Liked by 1 person

    2. E poi c’è un’altra cosa, che non ho mai detto sinora: è proprio quando vedi la donna come una persona che ti fa incavolare il fatto che la patata costi.
      Io che una Rolls-Royce costi non lo trovo particolarmente irritante: la Rolls-Royce è una cosa, ha un costo di fabbricazione, marketing, eccetera.
      E se la dessero a 100 euro sarebbe una cosa stupenda: ce la compriamo tutti, almeno per provare, ci saranno quelli che ne prendono una decina o anche di più, tutti felici.
      Invece che la patata costi fa incavolare: anche quando costa pochissimo, anche quando è quasi gratis. Dovrebbe costare zero, te la dovrebbero offrire gratis – qualsiasi prezzo è troppo, anche quello puramente simbolico di quella che ti sbava dietro. Proprio perché parliamo di persone e non di cose.

      Like

      1. “….qualsiasi prezzo è troppo, anche quello puramente simbolico di quella che ti sbava dietro….”
        Concordo.
        Ma non c’è nulla da fare. Il divario è stato stabilito da Darwin.
        F=m+kF

        Liked by 1 person

        1. “….qualsiasi prezzo è troppo, anche quello puramente simbolico di quella che ti sbava dietro….”
          E quale sarebbe in questo caso il costo? 🤔

          Ps: forse proprio se usciste dalla prospettiva che “la patata ha un costo” vi accorgereste che siamo tutti sullo stesso piano… Voglio dire, se si parla di costo in tempo, energie, sentimenti a volte disillusi, allora ci siamo dentro tutti, maschi e femmine. Certo se uno si pone nella convinzione di essere debitore di qualcosa e non alla pari, parte col piede sbagliato.
          Se intendi costi materiali, basta non andar dietro alle materialiste: un MGTOW dovrebbe saperle riconoscere.

          Like

          1. No, intendo proprio costo in termini di tempo ed energie. Personalmente non ho mai avuto a che fare con donne che volevano che pagassi loro regali o cene o altro – l’unica che potrebbe entrare in una simile descrizione è la mia ex moglie ma la cosa era un po’ differente: shopping compulsivo, spendeva tutti i suoi e tutti i miei soldi – anzi nemmeno, spendeva tutti i suoi e quasi tutti i miei, a volte infatti riusciva a trattenersi per far vedere che tipo 100 o 200 euro li lasciava.

            Like

          1. No, me li chiedeva e io glieli davo.
            E sono contento di aver fatto così: io non mi metto una in casa per la vita per poi sorvegliarla col fucile puntato. Io o do’ piena fiducia o semplicemente non mi metto in casa nessuna.

            Like

        2. @Eric
          Ma così alimentavi a sua “malattia”. Capisco che magari all’inizio non sapessi a che livelli poteva arrivare.
          Per me è inconcepibile chiedere soldi a mio marito per qualcosa che ho deciso io di comprare, a meno sia un acquisto importante (es. un elettrodomestico, un grosso mobile…), in tal caso propongo e valutiamo insieme se vale la pena, e i soldi li mettiamo entrambi. Anche lui comunque è generoso e se volessi mi farebbe regali, ma sono io ad essere frugale.

          Like

          1. La malattia si è sviluppata col tempo, l’innesco è stata la nascita dei figli – considera che prima mettevamo via soldi e abbiamo anche comprato un appartamento per investimento e costruito una casa con i controattributi.
            Prosegue imperterrita anche adesso, ma ora non è più affar mio.

            Like

        3. A Chiara “….qualsiasi prezzo è troppo, anche quello puramente simbolico di quella che ti sbava dietro….”
          E quale sarebbe in questo caso il costo?
          .
          Il gesto simbolico è il costo, che sta a rappresentare e rende visibile, la subordinazione sessuale maschile.
          Poi c’è chi finge di non vederlo (la massa) e chi invece lo vede, lo sente, lo denuncia e lo pone all’interno del Racconto Maschile come uno dei dati di base del rapporto F/M.
          Dipendenza sessuale, riconosciuta o meno, non ha importanza.

          Like

  4. Jack Donovan è un lookmaxer tipo bronzeage pervert. Associato anche lui ad alt-right .

    Bronzeage pervert ha scritto un libro che copre il gap lasciato da Arnold Schwarzenegger.

    Se sei un lookmaxatore gymcel capirai meglio quel tipo di libro.

    Per chi critica i contenuti dicendo che non ci sono argomenti, solo retorica: è vero, lo sappiamo già e non ci interessa. A me per esempio non interessa leggere argomentazioni filosofiche, se compro i libri della manosphera so che sono prodotti di intrattenimento, non li prendo sul serio.

    Like

      1. “Lookmaxing”?

        È un termine noto usato sia da Donovan sia da quell’altro che ho citato.

        Nella manosphera sono comuni questi termini aspergenici da videogioco.

        Io mi permetto di usare i termini incel perché penso di stare nel contesto giusto.

        Like

        1. Puoi usare i termini che ti pare ma io non ho idea di cosa siano.
          “Lookmaxing” sembra “farsi notare al massimo” che è l’esatto opposto di Stealth, il passare inosservato MGTOW. Il massimo dello Stealth è quando nella vita pubblica un MGTOW viene preso per uno mezzo femminista ma che non fa niente né dice niente di femminista. In pratica da’ la vaga sensazione di essere amichevole e innocuo senza fare niente per esserlo e senza dare confidenza.

          Like

  5. Rdv: l’aspetto estetico nella determinazione della desiderabilita sessuale conta anche per gli uomini. Le donne tendono a preferire gli uomini alti, ectomorfi (spalle larghe) e con certi tratti maxillo-facciali. Sono le caratteristiche che hanno contraddistinto gli esemplari maschili più desiderabili durante i 500mila anni in cui siamo stati cacciatori raccoglitori. La differenza e’ che per le donne conta anche lo status, per cui individui bruttarelli come Ringo Starr o Serge Gainsbourg hanno acquisito popolarità con il sesso opposto in virtù della loro fama. Nel loro caso lo status ha controbilanciato la mancanza di requisiti estetici. Si tratta però di livelli di popolarità impensabili per i più.

    Like

  6. Personalmente non vorrei mai essere come Ringo “Star”, preferirei essere un Dj drogato belloccio che sopa tutti i giorni una 18 enne diversa grazie allo status spropositato.

    Like

    1. farei notare che Ringo Starr è sposato da decenni con la stessa donna, Barbara Bach (già bellissima Bond Girl in La spia che mi amava), uno dei matrimoni più soldi nel mondo dello spettacolo, non penso che stiano insieme solo per lo status di lui (e lei non è che fosse una poveraccia) e neanche solo per la bellezza di lei, questi due fattori da soli forse fanno scattare l’attrazione ma non bastano a far durare un matrimonio.

      e comunque la bellezza conta più o meno per ambo i sessi

      Like

      1. Ma chissenefrega del matrimonio di ringo.

        Io parlavo di cose serie, tipo scopare.

        Sposati tu se vuoi imitare ringo e il suo “successo”.

        Like

    2. Ringo Starr è sposato da decenni con la stessa donna, Barbara Bach (già bellissima Bond Girl in La spia che mi amava), uno dei matrimoni più solidi nel mondo dello spettacolo, non penso che stiano insieme solo per lo status di lui (e lei non è che fosse una poveraccia) e neanche solo per la bellezza di lei, questi due fattori da soli forse fanno scattare l’attrazione ma non bastano a far durare un matrimonio.

      e comunque la bellezza conta più o meno per ambo i sessi

      Like

  7. Ringo Starr ha dei tratti levantinoidi che sono relativamente comuni nell’Inghilterra nord occidentale a causa di stanziamenti fenici avvenuti attorno all’anno 1200 A.C. Ecco questi sono tipici argomenti di conversazione degli incel. Oppure degli estremisti di destra/nazionalisti che spesso sono incel pure loro. La frustrazione sessuale porta all’estremismo politico.

    Like

    1. Se sei frustrato sessualmente è più logico essere femminista, però hai ragione.

      Gli estremisti di destra negli ambienti incels sono 1/3 omosessuali, 1/3 deviati sessuali (profili e cose simili) e la rimanente parte è composta da romantici.

      Dopo aver realizzato questo mi sono allontanato. Non mi piace questo sviluppo dell’incelosphera.

      Like

  8. Edit “pedofili”, gente tipo Nathan Larson per intenderci. Nel mondo incel sono 1/3 del totale. Gli altri sono estremisti romantici.

    Agli incels estremisti romantici brucia il culo, gli da fastidio che esistano realtà MGTOW che hanno superato le loro idee romantiche.

    Like

    1. MGTOW fa bruciare il culo a tutti, mica solo agli incel: è un’offesa all’umanità e a Dio (a tutti gli dei) perché sovverte l’Ordine Naturale.
      MGTOW è infinitamente più sovversivo del femminismo: il femminismo aumenta semplicemente libertà e potere femminile e butta un po’ giù gli uomini, senza cambiare altro.
      MGTOW è più sovversivo persino del transsessualismo: il transessualismo rende femmine i maschi e maschi le femmine. E’ notevole ma non del tutto sconvolgente.
      MGTOW invece dice che gli uomini non hanno alcun bisogno delle donne: praticamente distrugge le basi su cui è fondata la civiltà, che in passato è stata in larga parte costruita sul bisogno sessuale maschile che veniva limitato e incanalato per fornire supporto a donne e bambini, e per produrre surplus.
      MGTOW è talmente sconvolgente che la stragrande maggioranza delle critiche consistono in “MGTOW non è MGTOW, è altro, è XXX” – e ognuno a XXX mette quello che preferisce.

      Like

        1. …e ti fa camminare sospeso due metri da terra. Ti fa sentire così superiore agli altri che ti scappa da ridere solo all’idea di parlarne con chi ne sa nulla.
          E’ talmente avanti che la maggior parte della gente non capisce cosa sia e pensa che sia “un difetto”: esattamente come nei rarissimi casi di persone che nascono con un quarto recettore di colore negli occhi, potendo distinguere 100 milioni di sfumature invece che 10 milioni – non sono daltonici, i daltonici vedono MENO colori perché hanno solo due recettori invece che tre, loro invece ne hanno uno in più, vedono tutti i colori che vedono le persone normali più altri 90 milioni di sfumature invisibili agli altri. Eppure in passato era considerato “un difetto” e lo paragonavano al daltonismo.
          Invece al massimo può essere un po’ frustrante, ma solo perché ne godi parzialmente: i manufatti umani non sono pensati per assecondare la loro facoltà di vedere 90 milioni di sfumature in più. Quindi possono sfruttarla solo in minima parte, non ci sono film o dipinti o abiti con quattro colori di base, li vedono solo in natura e occasionalmente nei manufatti umani, quando vengono buttati dentro dagli altri senza sapere che li stanno buttando dentro.

          Like

  9. Ciao. Sto leggendo i tuoi ottimi interventi qui e su mgtow.

    Adesso capisco la distinzione tra volcel ed incel, che prima non mi era pienamente chiara. In sintesi: entrambi prendono atto dell’ambiente sfavorevole ma i primi si regolano di conseguenza ed i secondi no poichè sono troppo dipendenti dalle femmine.

    Vorrei sottoporre alla tua attenzione queste considerazioni:

    SESSI: sono due esseri viventi fisicamente diversi: dalle diverse caratteritiche fisiche discendono le diverse cartteristiche chimiche

    TRANSESSUALIZZAZIONE: non è ad oggi interamente realizzabile. E’ però possibile imitare alcune caratteristiche dell’ altro sesso (le più superficiali).
    Si perde la capacità di generare e in questo senso è una forma più estrema del voto di castità. Nessuno prenderebbe in seria considerazione il voto di castità di un impubere, quindi…

    ORIENTAMENTO SESSUALE: verso: l’altro sesso, il proprio, entrambi, nessuno

    RUOLO SESSUALE: in latino si dice munus (compito, ruolo) da cui patrimonio e matrimonio, che stanno (entrambi) venendo meno: infatti la rivoluzione forse principale del nostro tempo è la de-MATERializzazione.

    Piccola divagazione: il contratto è un accordo patrimoniale, cioè ritenuto suscettibile di valutazione economica. Il matrimonio NON E’ un contratto perchè accordo non ritenuto suscettibile di valutazione economica, dunque è soggetto a regole particolari.

    Transessualizzazione, orientamento e ruolo dipendono dall’interazione tra il vivente e l’ambiente circostante
    IDENTITA’ SESSUALE: dipende dal SENTIMENTO puro e semplice. Può essere mutevole a tal punto che la legislatrice e la religiosa non sono in grado di starle dietro

    Poi:

    ECOSISTEMA: è il tutto.
    Wikipedia lo definisce (in sintesi) come un insieme sistemico costituito da due componenti in stretta relazione: la prima rappresentata dagli organismi viventi e l’altra dall’ambiente in cui essi vivono; le due compontenti interagiscono tra loro in un equilibrio dinamico controllato da uno o più meccanismi fisico-chimici di retroazione

    LEGGE e RELIGIONE: legano e rilegano qualcosa che è già accaduto nell’ecosistema
    Chi si basa solo sulla prima arriva in ritardo, chi si basa solo sulla seconda arriva ancora più in ritardo

    TECNICA: modifica l’ecosistema. Se la tecnica accellera, l’ecosistema si modifica più velocemente, richiedendo un continuo adattamento

    Poi:

    FILIARE: è uno dei modi per andare oltre la morte. Non presuppone più la congiunzione dei sessi

    LIBIDO: energia vitale. Può essere sfogata in vari modi: non necessariamente attraverso la congiunzione dei sessi (ed è sempre stato così)

    Liked by 1 person

  10. Eccllente articolo. Io ho iniziato ad interessarmi di femminismo/questione maschile, da un articolo di Paolo Barnaard, poi sono approdato a Davide Stasi, e da quando ha creato il suo blog lo seguo, e divulgo quando più possibile gli articoli. Mi metto in prima linea. In questi anni ho maturato le mie idee, partite da questioni perssonali ma anche da ciò che ho impaarato. Se dovessi mettermi io stesso un’etichetta sarei un MRA.

    Ma come ho scritto, ho maturato una mia posizione; la quantità enorme di notizie apprese, sul ginocentrismo imperante ,mi hanno portato a valutare costi benefici e soprattutto RISCHI he potrei incorrere in una eventuale relazione/matrimonio, e quindi, a decidere di non voler avere nè stabilmente nè intraprendere a livello occasionale nessuna relazione con donne, anche se mi concedo saltuariamente rapporti occasionali con qualche prostituta (solo sessuali), ma non credo di poter essere definito secondo la tua analisi un MGTOW.
    Sugli Incel, non mi esprimo , capisco le loro motivazioni, anche se non le condivido pienamente,

    Like

    1. Gli incel non hanno motivazioni: essendo celibi INVOLONTARI è una cosa che capita a loro senza che lo vogliano.

      Ho tolto una riga dal tuo messaggio, per tua sicurezza: il blog è pubblico e non conviene dare troppi dettagli che portano a restringere il campo e favoriscono la tua identificazione.
      Se vuoi le ripristino, l’intento non è censorio ma esclusivamente a tua tutela.

      Like

        1. C’è anche gente che legge allo scopo di raccogliere informazioni da utilizzarsi per farci il culo.
          Hai presente “Diana” che commentava in SST?
          Si capisce dallo scambio è qualcuna coinvolta nella censura di SST avvenuta a settembre scorso, e da quel che scrive si capisce pure che legge Ficus Cicciogay e si bagna tutte le volte che quello parla di “ripristinare il diritto di disciplinare la moglie” e “limitare la libertà delle donne” perché così può gridare al patriarcato ed ai maschilisti cattivi.
          Se leggono Ficus Cicciogay e SST allora leggono anche qui: secondo WordPress stats le visite sono circa un terzo di quelle di SST ma oltre il triplo di quelle di Forum Coscienza Maschile.

          Like

    1. E’ molto diverso da una conversazione dal vivo: puoi parlare di quello che fai a letto e di qualsiasi cosa che non diresti mai in pubblico, perché sono cose che non portano alla tua identificazione. Puoi parlare di tutto ciò che è intimo e privato.
      Al contrario devi evitare di rivelare ciò che è pubblico, se non in termini molto generici. Anche cambiare qualche particolare non guasta: tipo se uno parlasse (tiro a caso) che va per fica con l’auto, dire “ho un’Audi nuova di zecca” invece che “ho una BMW nuova di zecca”: non è per fregare sulla marca, è che rende comunque l’idea del genere di auto (e quindi non altera il discorso) ma le maledette bastarde farebbero caso a chi ha un’Audi e non chi ha una BMW. Ovviamente non è roba così certosina e paranoica, è per rendere l’idea di cosa intendo.

      Like

      1. Sei stato chiarissimo. Cambierò anche il nick che uso, tanto tu saprai che sono io, ti appare il mio ind. mail

        Like

        1. Io non cambio mai il nick: evita confusione. Eric Lauder è sempre quello, niente seconde identità, ma nessun particolare su cui sia Eric Lauder nella vita reale.

          Like

  11. L’etichetta che avevo scelto io era “blackpillato”, però dopo un tot blackpill è stata usata dagli incels per parlare di aspetto estetico. Poi ho deciso di definirmi in un altro modo “antifemminista”. L’unico problema è che oggi gli “antifemministi” sono tutti femministi. Avevo bisogno di usare una definizione migliore, quindi mi è venuto in mente “anti donne”, però non andava ancora bene quindi non ho potuto usare questa etichetta. Io in effetti non sono contro il femminismo sono contro le donne.

    Ho ascoltato il suggerimento di una femminista, quindi ho pensato di chiamarmi “misogino”, però oggi le femministe stanno volgarizzando il termine “misogino” e purtroppo non mi definisce. Io non sono misogino. Tanto per partire ricordo nel noto dialogo dove Platone definiva misoginia, questa era analizzata in rapporto alla misantropia. Ma a ben vedere, la mia visione della realtà è basata su solide osservazioni razionali, quindi non sto compiendo errori di valutazione e la mia capacità di osservazione è perfetta o quasi. Pertanto produco giudizi razionali e validi, solamente che le femministe mi definiscono misogino. Platone pensava che il misogino fosse uno stolto che perdeva fiducia nelle donne. Se devo accettare la sua definizione allora io non sono misogino.

    Per le femministe, il misogino non è detto che debba odiare le donne, basta che sia sessista. Io in effetti sono sessista ma non penso che questo basti a definirmi anche misogino. Le femministe ovviamente non la pensano come me.

    Dopo averci pensato, ho trovato una soluzione, io ora ho deciso di chiamarmi “MCTOW”, cioè men coping their own way. Io pratico coping a modo mio.

    Qualche volta potrei sembrare misogino, in realtà non lo sono. Io sono un MCTOW, fusione di incel + MGTOW.

    Like

    1. In che senso oggi tutti gli anti-femministi sono femministi? Puoi fare qualche esempio pratico?

      La misoginia è un sentimento che rafforza l’uomo e indebolisce la donna.
      La misandria invece rafforza la donna e indebolisce l’uomo.

      Ecco perché la seconda è accettata ma la prima no: perché la nostra società è ginocentrica, a favore delle donne.

      Like

        1. Mica serve che fai nomi, basta i comportamenti.
          Un esempio te lo faccio io:
          FABRIZIO MARCHI rifiuta di riconoscere l’esistenza del PADRE quando parla di GPA: posizione MISANDRICA, analoga ad ArciLesbica. Al confronto certe femministe naif sono più pro-uomini.

          Like

  12. io non credo proprio che crepaldi sia deusfur. al di là dell’accento diverso, deusfur mi sembra piu preparato. crepaldi crede ai ruoli di genere che influenzano la sessuallità e questo è decisamente un concetto blue pill.

    Like

  13. Eva Illouz in “La fine dell amore” dice che le femmine sono in difficoltà quindi (ndr: come i pugili) devono legare.
    Questo è il momento di respingere il tentativo di legare e continuare a colpire.
    Però la Illouz dice che anche alcuni maschi (gli incel) sono in difficoltà…

    Like

  14. sul Guardian c’è il risultato di una ricerca australiana secondo cui il 40 per cento dei giovini australiani non fa sesso. Se scorporiamo per genere sarà un 50 maschi e un 30 femmine. Se poi consideriamo quelli che vanno con le professioniste, magari arriviamo ad un 70 per cento di giovani maschi australiani tra i 18 e i 24 anni che sono senza ragazza. Hai voglia a fargli trangugiare la propaganda femminista quando sperimentano la singletudine involontaria e prolungata proprio quando sono nell’età in cui dovrebbero essere pieni di piscio e aceto. Non so come tradurre l’espressione full of piss and vinegar perciò la lascio così.

    Like

    1. Hai il link allo studio del Guardian?
      Se è così è uno sviluppo per certi versi positivo, così forse si svegliano.
      Una cosa che ho sempre pensato è che il femminismo non ha dato “pari diritti” alle donne bensì ottenuto privilegi speciali (infatti in tanti casi a situazione rovesciata gli uomini non hanno i medesimi diritti: ad esempio parto in anonimato vs aborto finanziario, o diritto a non essere licenziati se ci si sposa).
      E secondo me hanno ottenuto privilegi speciali perché era un periodo che la davano tantissimo rispetto al passato e gli uomini erano così contenti di questo che concedevano tutto.
      Adesso se fanno tirare la cinghia a troppi forse è la volta che a un po’ di uomini salta la mosca al naso e cominciano a fare attenzione a certe disparità.

      Like

  15. è di febbraio: https://www.theguardian.com/lifeandstyle/2020/feb/03/quality-over-quantity-gen-zs-sex-recession-looks-more-like-an-upturn

    cercano di interpretare la cosa sostenendo che si tratti di una scelta volontaria. a me sembra proprio che sia volontaria dal lato femminile, non altrettanto da quello maschile. il fatto che i ventenni preferiscano il porno e i videogiochi alle loro coetanee, è un sintomo, non una causa. internet ha sdoganato gli istinti ipergamici femminili e crescendo le generazioni maschili ricevono messaggi piu o meno espliciti sul non avvicinarsi troppo alle ragazze altrimenti è sessismo. anch’io pur non essendo uno zoomer ho introiettato diversi messaggi che mi dicevano di non avvicinare le tipe al di fuori di contesti esplicitamente finalizzati al rimorchio come le discoteche. perché provarci al di fuori di questi contesti (day gaming) è una forma di abuso verso le donne.

    Like

    1. Secondo me sapere se sia una scelta oppure ci siano costretti è facile, anche se nessuno ci ha provato:
      Basta chiedere a quelli che non hanno avuto rapporti nell’ultimo anno con quante persone hanno avuto rapporti non mercenari in vita loro.
      Perché per me queste due situazioni sono MOLTO differenti, anche se entrambi non hanno rapporti da 12 mesi o più:
      A) 18-19 enne ancora vergine
      B) 22enne che ha già avuto rapporti sessuali (non mercenari) con 2 o 3 persone, ma è a secco da 12 mesi o più.

      Salvo eccezioni, si capisce a naso che il caso A è un problema e causa sofferenza, mentre il caso B è uno che probabilmente si è stufato, temporaneamente o a lungo o per sempre fa lo stesso, perché forse ha deciso che benefici/sacrifici/rischi non vale la candela oppure ha al momento altri obbiettivi, eccetera.

      Like

      1. Mi riallaccio qui al discorso che avevo già fatto: secondo me – ma magari mi sbaglio alla grande – soffre di più il caso B. Perché se una data esperienza non l’hai mai fatta non ti può mancare “così tanto”. Se però non hai mai neanche baciato una ragazza, o saputo di piacere a una, allora capisco ci sia una perdita di autostima e una sfiducia che causa sofferenza; ma non è tanto la mancanza del rapporto fisico in sé, quanto l’idea di non piacere a nessuna. Magari uno a 18 anni ha avuto persino due o tre ragazze ma non è riuscito a perdere la verginità con nessuna perché erano troppo piccole e timorose, la sua situazione è ben diversa da un coetaneo invisibile all’altro sesso e sempre rifiutato.
        Lo so, il discorso degli ormoni ecc…, però non a caso esiste l’autoerotismo e soprattutto in giovane età è praticato, è la prima è più confortevole forma di sessualità che conosciamo.

        Like

        1. Il caso A vede tutti che lo fanno e lui che non lo fa, mitizza quello che non ha, nel contempo non ha i mezzi per procurarselo.
          Il caso B sa quel che non ha ed ha i mezzi per procurarselo (di sicuro: visto che ha avuto 2 o 3 partner prima, non solo uno, che potrebbe essere stato un caso unico ed eccezionale) eppure non si sforza….
          E’ l’idea di non piacere a nessuna e per questo non poter avere figli che deve essere devastante, mentre nel caso B non riesco neanche ad immaginare come potrebbe esserci sofferenza ma senza fare nulla per uscire dalla condizione.

          Nell’esempio io ho parlato di aver avuto rapporti sessuali con 2 o 3 partner, non cose stranissime e improbabili tipo aver avuto 2 o 3 ragazze ma senza farci sesso.
          Stiamo parlando di una statistica e di come fare a distinguere a grandi linee quelli costretti all’astinenza da quelli che lo fanno per scelta, tu invece mi pare che stia cercando di immaginare un caso limite dove il profilo di chi tipicamente è astinente per scelta potrebbe essere astinente non per scelta.

          Like

        2. @Ericlauder
          Sì, due o tre forse è troppo, dopo la prima uno di solito si dà una regolata e si trova qualcuna di più disponibile, magari più grande. Conosco un paio di casi che si sono trovati in questa condizione di coppia bianca persino dopo i 20, 25 anni, ma sono casi limite stranissimi. Però non è infrequente essere vergini a 18 anni, o almeno “ai miei tempi” era così, quindi non poteva esserci frustrazione perché “tutti gli altri riescono e io no”: si era in buona compagnia. (tu parli dell’idea “non avrò figli” ma immagino intendersi a livello inconscio, o davvero un ragazzo sta a pensare a quello?)
          Viceversa non è detto che uno a 22 anni non possa aver avuto un drastico peggioramento estetico o un crollo psicologico che l’hanno portato a diventare “repellente” per le ragazze, e quindi soffra non riuscendo a tirarsi fuori da questa situazione. Ma può esserci anche il caso che dici tu, ragazzo che ha tutte le carte per piacere ma in quel dato momento vuole dedicarsi ad altro.

          Like

          1. D’accordo su tutto, ma siamo al cercare le eccezioni (uno che a 22 anni diventa improvvisamente repellente rispetto a quando ne aveva 18-20) allo scopo di dimostrare che quelli di 22, 23, 24 anni che hanno già avuto più partner sessuali (facendo sesso) se non fanno sesso da 12 mesi stanno soffrendo di sicuro.
            Viene da chiedersi se l’intenzione subconscia sia di alleviare la loro sofferenza o di rimuovere la fastidiosa idea che vi possano essere uomini che decidono che darsi da fare con le donne non valga la pena proprio a seguito di varie esperienze.
            Secondo me è la seconda, e spiego il perché: mai vista una donna che si sforza di darla a quelli che non la prendono allo scopo di aiutarli, mentre invece le reazioni negative, di stizza, a volte addirittura rabbiose e comunque sempre con una carica di aggressività sono all’ordine del giorno, comunissime, se uno va in giro a dire che non gliene frega granché di avere rapporti sessuali con le donne. Tieni presente che il 99% del bullismo antigay, che è la versione più evidente di questo fatto, è dovuto proprio alla loro “colpa” di non desiderare le donne.
            E’ per questo che esiste una cosa chiamata “stealth” in MGTOW, che significa glissare su discussioni su questi temi, passare inosservati.
            Ecco perché si dice che se messi alle strette bisogna essere pronti a dire che non ti tira o che sei gay, per tagliare la testa al toro: non è giusto avere dei problemi solo perché si sono espresse le proprie preferenze, non è neanche giusto che la gente si senta autorizzata ad insistere o addirittura molestare quando uno evidentemente sta glissando per evitare attriti.
            La sessualità maschile purtroppo è considerata una pubblica proprietà, ma io non sono d’accordo, e come me altri.
            Considera che il sistema è talmente pervasivo che persino gli incel, i più marginalizzati e derisi, ne fanno spesso parte: ecco perché alcuni insistono che TUTTI gli uomini desiderano le donne e chi lo nega “è in denial”. E’ una delle ragioni per cui non sono particolarmente tenero verso di loro: io li vedo come parte del sistema ginocentrico visto che in pratica il loro messaggio è “le donne sono taaanto preziose, tutti le vogliono! E chi non le vuole mente o è malato!”: questo è ESATTAMENTE il medesimo sistema che vige nelle società matriarcali (ad esempio Mosuo o quello in decadimento sull’isola coreana di Jeju, dove infatti l’omosessualità è punita e soprattutto se maschile).

            Like

        3. Nulla di tutto questo, stavo solo ipotizzando le possibili situazioni. Quella che dipingi tu non l’ho mai vista, ma sicuramente esiste; a quell’età ho visto solo:
          – o ragazzi – vergini o meno – in cerca di ragazze, al limite disillusi e passivi, o molto presi col lavoro ma se qualcuna si fosse proposta ben contenti;
          – o ragazzi che sembravano asessuali o non interessati, ma vergini (a meno che non fossero andati a pagamento, questo non lo so).
          Comunque pur non avendo la tendenza di cui parli devo ammettere che mio marito l’ho trovato interessante anche per i suoi trascorsi di semi-incel, che lo rendevano affine a me e mi sembrava amplificassero la sua sensibilità (hai presente la canzone “Ragazzo triste” di Patty Pravo? Ecco 😅).

          Il fatto di soffrire di più nel caso B che in quello A l’ho pensato rispecchiando al maschile una sensazione femminile, come dicevo nell’altro post, ma infatti ho premesso che magari sbaglio.

          Like

        4. Johnny Depp non è un ventenne. Se voleva essere un esempio affine al di là dell’età, i ventenni single ma con ex alle spalle che vedevo io, non erano MGTOW perché poi quando ne hanno avuta l’occasione si sono messi con altre (es. mio marito con me). Il discorso che sto facendo è che mi sembra strano dei ragazzi così giovani abbiano alle spalle così tante esperienze negative da aver già capito che il gioco non vale la candela. Mentre di tipi che sembrano DA SEMPRE refrattari alle ragazze ce ne sono, magari suscitano un po’ di perplessità ma odio o scherno no, mai visto (in ambienti più intellettuali che machisti, s’intende). A parte genitori nonni e zii che si preoccupano sia gay o comunque non gli dia un giorno gli agognati nipotini…

          Like

          1. Guarda che non serve che le esperienze siano negative, basta che siano così così e che uno pensi di aver individuato un certo pattern.
            A quel punto non ci sono traumi né niente di iperbolico, ma scatta la pigrizia (tu stessa hai parlato di “apatia”), il poco entusiasmo.

            Io ad esempio ce l’ho per l’anguria: d’estate in tantissimi vanno pazzi per l’anguria. A me piace ma non entusiasma, non mi verrebbe mai in mente di comprarla, però se sto a tavola con gente che me la offre può darsi che non dica di no, dipende da quanto ho mangiato prima, e se è fredda, oppure addirittura semi-ghiacciata da mangiare col cucchiaino.
            Esempio:
            Anguria offerta dopo pasto abbondante: no, grazie.
            Anguria offerta di pomeriggio, fa caldo, lontano dai pasti: forse si, se è ben fredda. Molto probabilmente no se è a temperatura ambiente o solo appena fresca.
            Anguria ghiacciata da mangiare col cucchiaino, pomeriggio caldo, offerta lontano dai pasti: sicuramente si.
            Ciononostante può passare anche un’intera estate senza che la mangi, o persino due estati di fila, perché non mi sfiora neanche l’idea di comprarla. Però l’anno scorso l’avrò mangiata 3 o 4 volte: quando mia sorella e famiglia vengono in barca con me porta sempre quella ghiacciata da mangiare col cucchiaino.
            Facciamo anche la gara informale ha chi ha il thermos di caffé più grosso (pieno ovviamente): quest’anno non ho aggiornato, l’anno scorso ho stravinto con 4,54 litri (1 gallone) contro 3,5 litri. Vedremo cosa ha scovato quest’anno, se si presenta con tipo un 5 litri mi batte.

            Mi fa schifo l’anguria? No. Si potrebbe anzi dire che mi piace.
            Mi ha traumatizzato? No.
            Tutte le angurie sono uguali? No, ce ne sono diverse varietà, ci sono quelli più gustose, quelle più mature, quelle scadenti, quelle mezze marce, quelle non mature, eccetera.
            Le compro, ne vado in cerca? No.

            Like

        5. Non ho parlato di apatia. Ho scritto “ragazzi disillusi e passivi”, magari perché reduci da una brutta esperienza con una stronza. Mai sentito di ventenni che lo volevano già appendere al chiodo a causa di esperienze appena “così così”. Però come sai tutte le vicende che ho in mente sono in giri dove si puntava alla storia/storiella, se tu ti riferisci al fatto di cuccare a nastro non ho idea di come possa sentirsi una ragazzo che ha svariate avventure alle spalle. Magari ci sta che a vent’anni sia stufo di quel tipo di rapporti superficiali e nemmeno abbia intravisto qualcuna che lo invogli a cercare qualcosa di più.

          Like

    2. Lo dico a te ma ovviamente è un messaggio per chiunque legga:
      Il non avere mai avuto una ragazza è senz’altro causa di frustrazione, senso di inadeguatezza e sofferenza – su questo non ci piove. Poi possono esserci eccezioni, ma sono casi rarissimi.

      Ma se una persona ha già avuto partner multipli mi sa che è il contrario: è più probabile che l’astinenza sia una scelta.
      Ci sono pure uomini che sembrano avere richieste esagerate per una potenziale partner ma le avanzano semplicemente per troncare o deragliare il discorso e non dover intavolare la discussione, ovviamente imbarazzante e che può creare strascichi spiacevoli, sul fatto che per quanto riguarda il puro sfogo sessuale la tecnica oggi offre a basso costo soluzioni tecnicamente pari a livello qualitativo e con l’enorme vantaggio di essere on demand in quantità virtualmente illimitata.
      E questo per i poveri: una larga fetta di uomini ricchi ha rapporti esclusivamente mercenari – pensa a Berlusconi quando aveva il condominio pieno di ragazze di via Olgettina, quello si era separato e non gli passava neanche per l’anticamera del cervello di avere una fissa. E’ andato avanti così per anni.
      Pensa a Johnny Depp, che da quando ha avuto il divorzio con falsa accusa da Amber Heard – ed ormai è qualche anno – non è più apparso sui giornali rosa con nuove fiamme: io non sono mica tanto sicuro che vada spesso nei locali a rimorchiare. E non lo hanno mai beccato in giro abbracciato a una negli ultimi anni. Di sicuro una fissa non ce l’ha da anni.

      Like

    1. “Il femminismo odierno a cui si riferiscono sembra un femminismo radicale e violento che vuole soverchiare e schiacciare gli uomini, concetti e modus operandi caratteristici soltanto di un determinato femminismo radicale che difficilmente però è quello rappresentativo della maggior parte dell’attivismo che si ascrive a questo nome.”

      Qui non si parla di quel che dichiarano e/o fanno le “attiviste” femministe.
      Qui si parla di leggi e sentenze.
      E tali leggi e sentenze SONO radicali e violente, anti-uomo.
      AD ESEMPIO: gli uomini vanno in pensione dopo le donne, pur vivendo in media di meno. Le donne hanno “Opzione Donna” che tu non hai. E questo A PRESCINDERE se tu ti affranchi o meno dagli stereotipi e da ciò che la società si aspetta da te.
      NON A CASO in questo articolo sotto cui commenti NON c’è neanche la parola “femminismo” ma si citano una legge (DDL 76/2016) e una sentenza per spiegare cosa è MGTOW.
      Sei un po’ disattento e carico di pregiudizi che ti foderano gli occhi stile fette di prosciutto, specie per essere un antropologo, ma non ti preoccupare, hai ancora tempo per migliorare…

      E aggiungiamoci una piccola considerazione, Marco: io essendo INFORMATO e PIENAMENTE COSCIENTE di quanto sopra al momento giusto intendo cambiare la mia carta d’identità e farmi scrivere “DONNA” – in questo modo andrò in pensione prima degli altri uomini, come le donne.
      Tu NO, perché sei il perbenista moralista intortato che non farebbe mai un simile affronto alle donne, che vedi come poverette oppresse mentre vedi te stesso come un gran privilegiato: ecco un buon esempio di cosa è un femminista, è solo un modo patetico e autolesionista di sentirsi forte e cavaliere.

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s