The male sexual deficit: A social fact of the 21st century – International Sociology – Catherine Hakim, 2015

Quel che segue è il più completo studio mai realizzato sinora, a livello mondiale, sull’argomento “libido umana” ed in particolar modo rileva la differenza tra l’intensità e quantità della libido maschile media e l’intensità e quantità della libido femminile media.

Lo fa incrociando i dati raccolti da oltre 30 diversi studi provenienti da tutto il mondo: è quindi da escludere la presenza di un qualche particolare influsso culturale, in quanto si spazia  dalla Svezia all’Italia, all’Australia, al Giappone, all’Africa Subshariana…

In particolare l’opera prende in considerazione nella sua analisi anche alcune comparazioni solitamente sottovalutate, ma che sono in realtà gli indicatori più puri delle differenze di libido tra uomini e donne: la frequenza di masturbazione (attività solitaria, privata e su cui il capitale erotico dell’individuo non ha alcun influsso) e la differenza nella frequenza di rapporti sessuali che intercorrono nelle coppie conviventi gay e lesbiche (in ciascuna delle due tipologie non vi è ovviamente l’influenza del sesso opposto).

L’autrice, Catherine Hakim https://en.wikipedia.org/wiki/Catherine_Hakim è un’eminente sociologa britannica che ha inoltre coniato l’espressione “Capitale Erotico” e la relativa teoria https://en.wikipedia.org/wiki/Sexual_capital che altro non è che la versione accademica del concetto di “Sexual Market Value” rinvenibile in numerosissimi anfratti dell’androsfera, specie anglofoni ma non solo.

Full text: http://www.catherinehakim.org/wp-content/uploads/2011/06/2015-IntSoc-MaleSexualDeficit.pdf

Summary:

“This article reviews findings from some 30 sex surveys around the world showing that large and substantively important differences between men and women in the centrality of sexuality, sexual desire, sexual behaviour and attitudes persist in the 21st century, long after the contraceptive and sexual revolutions of the 1960s. Women’s lesser sexual motivation and interest means that many heterosexual men experience a shortfall in desired sexual activity. A reversal of the sex ratio to a male surplus among prime-age adults and other trends suggest that the sexual deficit among men may increase. The male sexual deficit (or surplus male sexuality) helps to explain sexual harassment, sexual violence, rape, rising demand for commercial sexual services and other behaviours that are almost exclusively male…

This article describes the sexual deficit among men (or surplus male sexuality), a phenomenon that appears to be universal in modern societies (Hakim, 2010, 2011: 38–73, 263–266). It emerged unexpectedly during research on sexual cultures, internet dating and marriage markets (Hakim, 2012). Yet feminists insist that men’s greater demand for sexual activity is an outdated myth. Recent sex surveys prove the myth to be a fact, one that the social sciences have yet to address, theoretically and empirically…

The feminist emphasis has been on ideological, moral and philosophical debates and theory (Jeffreys, 1997, 2005; Shrage, 1994; Soble, 2002; Walby, 1990: 109–127; Wittig, 1992), with a focus on male sexual harassment, violence and rape (Macdowall et al., 2013). Despite this, the idea of sex differences in sexuality is regularly challenged (Schmitt et al., 2012)…

The surveys show that the vast majority of men and women self-identify and act as heterosexuals: 97% in Britain, the USA, Australia, Scandinavia and Western Europe generally, whereas academic sexuality journals often focus on tiny sexual minorities…

Despite interest in all things sexual, no published sex survey report was found for Japan, although other surveys include questions on sexual topics…

People with liberal attitudes, an interest in sexuality and the sexually active are more likely to respond to sex surveys, so celibacy is usually understated in results (Dunne et al., 1997)…

The sex differentials in sexuality remain large, substantively important, and are found in all cultures, including the sexually liberated societies of Scandinavia. They cannot be dismissed as an outdated patriarchal myth as argued by feminists (Buss and Schmitt, 2011), especially as these national surveys were carried out long after the sexual revolution of the 1960s. Continuing sex differentials in sexuality in the 21st century include the following:

At all ages, the majority of women regard love as a precondition for sex, while a majority of men reject the idea (Sweden 1996).

•• Two-thirds of men accept, and two-thirds of women reject the idea of sexuality without love (France 1992). At all ages, men engage in sexual intercourse without any feelings of love two to four times more often than do women (Sweden 1996).

•• Men express two to ten times more enthusiasm than women for trying every variation in sexual activity.

•• The average number of sexual partners over a lifetime has fallen from two to three times higher among men to around 50%–100% higher today, so remains substantial.

•• When asked about their ideal sexual lifestyle, men are three times more likely to prefer several concurrent lovers: 20% vs 6% for women (Sweden 1996), 27% vs 7% for women (Estonia 2000).

•• Regular masturbation is two to three times more common among men, even among married men, and even in Sweden. A two-thirds majority of men masturbated in the last month, week or year compared to a one-third minority of women (Australia 2002, Finland 2007, Britain 2010).

•• Men are three times more likely to have frequent sexual fantasies, and to use erotica of all kinds. In Finland, a four-fifths majority of men find porn very arousing compared to half of women.

•• Two-fifths of men compared to one-fifth of women have an additional non-marital sex partner (Sweden 1996). Men report extra-marital affairs twice as often as women, even when they condemn affairs as morally wrong (Hakim, 2012). This pattern is observed both in villages and cities in China, where between one-quarter to half of divorces are now due to adultery. Only in France, Spain and Italy do men and women begin to converge in their acceptance (and practice) of affairs.

•• Casual sex was regarded as acceptable by a two-thirds majority of men vs a onethird minority of women in Britain in 1990. In 2010, twice as many men as women regarded one-night stands as ‘not wrong at all’: 18% vs 9%, or 20% vs 13% for people aged 16–44.

•• Around the world, customers for commercial sexual services and erotic entertainments are almost invariably male. Male prostitutes have more male than female clients. In Australia, 16% of men have paid for sex compared to 0.1% of women, with similar figures for Northern Europe. Across Northern Europe, men are equally or more likely to have sold sexual services. In Greece and Italy, around 40% of men have bought sexual services compared to less than 1% of women.

•• Men are four times more likely than women to always gladly agree to sexual approaches from their partner: 38% of men vs 11% of women (Finland 2007).

•• When asked about the ideal frequency of sexual activity, one-quarter of men but only 8% of women say they prefer sex at least once a day or more (Australia 2002). In Finland, men’s ideal frequency is around twice a week vs once a week for women.

•• Twice as many men as women experience frequent sexual desire: half vs one-fifth of women in Sweden.

•• One-third of women vs one in ten men have never had an erotic fantasy; one-third of men but only one in ten women have regular erotic fantasies (Italy 2000).

•• The most commonly reported sexual problem is lack of interest in having sex. In Australia, over half of all women report this compared to one-quarter of men. In all countries, the rate for women is at least double the rate for men, at all ages. In Finland, one-third of women but only 13% of men report lack of interest. Even in France, 8% of husbands compared to 41% of wives aged up to 45 years reported lack of desire as a problem in 1992.

A cross-cultural study of 29 countries shows that sex differences in desire and sexual interest are universal, but the gap between men and women is larger in male-dominated cultures than in liberal western societies…

The contraceptive revolution of the 1960s eliminated the fear of pregnancy among women – always a powerful demotivator (Cook, 2004; Szreter and Fisher, 2011). In the 1960s, over one-third of women with three or more children deeply regretted each new pregnancy (Cartwright, 1978). Yet sexual interest/desire seems to be surprisingly constant across generations. The 2010 British survey provides the most up-to-date information on sexual expression. It shows that in all age groups, females are more than twice as likely as men to lack interest in sex (Table 2). From their twenties onwards, one-third of women say they lack interest in sexual activity compared to one in seven men. They are also twice as likely to say they lack enjoyment in sex (12% vs 5% of men), but these are small minorities…

Despite a culture that welcomes female sexuality, French men and women are clear that male desire outweighs female sexual desire most of the time, and becomes the main driving force in longer-duration relationships, as women’s sexual desire wanes over time (Table 1). In Britain, among couples aged 25 and over, one-quarter of men and one-third of women report an imbalance in sexual interest with their partner in 2010. The imbalance is smallest in the 16–24 age group: 15% of young men and 20% of young women report the problem, and it grows thereafter (Mitchell et al., 2013: Table 3). Even in the 21st century, one-third of women report no sexual interest and/or an imbalance of sexual interest in a current relationship. From three different cultures, using different indicators, the patterns in Tables 1 and 2 and Figure 1 tell the same story…

The gap in sexual desire between men and women is growing over time…

Compared to countries in Africa south of the Sahara, sexual activity in Europe and North America remains a relatively rare entertainment, despite the ‘sexual revolution’. The frequency of intercourse within married couples is four to 18 times higher, on average, in certain African societies (Hakim, 2011: 64) and is also higher among ‘sexual superactives’, to use the label in the 1996 Swedish report (Lewin, 2000). Within Europe, sexual activity remains greater in Southern Europe than in sexually liberated Scandinavia (Hubert et al., 1998; Kontula, 2009: 127–129). In China, regular sexual activity is regarded as healthy and a psycho-physical need, rather than as a marital duty, so most couples report having intercourse weekly or more often. But frequencies are lowest in the big cities, especially Shanghai, where one in seven couples is celibate (Liu et al., 1997)…

The permanent sex difference in sexual interest and sexual exploration is shown also by sex differences that are substantially larger among homosexuals than among heterosexuals. Sex surveys show gay men (but not lesbians) to be much more active than heterosexual men, because the constraint of lesser female interest is removed. One indicator is the number of sexual partners in the last year, last five years, or ever. Among heterosexual men, numbers over a lifetime are typically in the range 10–11 compared to 17–35 for gay men. Maximum figures of 1000+ and 5000+ are reported for gay men vs 8–90 for lesbians (Leridon et al., 1998: Table 5.5; Messiah, 1998). American gay men report 200–300% more partners than lesbian women, and men are more likely than women to espouse the recreational-libertarian sexual ideology – 20% vs 14% (Laumann et al., 1994: 314–334)…

The second analysis incorporates data for another 86 countries, covering Africa, the Middle East, East Asia and Latin America as well as Europe, Australia and New Zealand. Between them, the two analyses cover publications over the 40 years from 1966 to 2007 – the period following the contraceptive revolution of the 1960s… Large and important differences between men and women persist in attitudes to casual sex, casual sex practice, pornography use and masturbation practice. Sexual desire or sexual interest are not studied directly, but these other measures reflect continuing differences in sex drive and motivation… Although men and women have similar attitudes accepting masturbation as normal rather than deviant, there are large differences in actual practice (average d = 0.96 in 1993, 0.53 and 0.58 in 2010) among white people, and smaller differences among black Americans. Solo sex is of special importance as an indicator of sexual desire, because there are no financial costs and no partner is required, so it is an ‘equal opportunity’ practice…

Several factors suggest that the male sex deficit will not disappear, and might even grow in the 21st century. First, surveys find a widening sex differential in desire in Finland (Kontula, 2009: 223, 225), and a decline in the frequency of sexual intercourse (inside and outside marriage) in Britain, the USA, Germany and Finland (Kontula, 2009: 236; Mercer et al., 2013) as well as Japan, which is known to have the lowest frequency of sexual intercourse in the developed world. Second, women’s increasing economic independence allows them to withdraw from sexual markets and relationships that they perceive to offer unfair bargains, especially if they do not want children. Third, changes in national sex ratios towards a numerical surplus of men helps women to re-set the rules in their own favour in developed societies (South and Trent, 1988).

Changes in the sex ratio are an invisible macro-level factor affecting gender roles and couple relationships (Guttentag and Secord, 1983). The surplus of males in China and India is large and well known. However the absence of major wars that traditionally eliminated the 6% surplus of male births is slowly changing sex ratios in western countries as well. A fundamental change in the sex ratio was identified in the 1970s in Britain. Whereas the 1951 Census showed women to outnumber men from age 18 onwards, the 1971 Census showed that men outnumbered women up to age 40, and would outnumber women up to age 60 by 2011 (OPCS, 1978: 11). This report prompted discussion of the likely social consequences of the reversal of the sex ratio in the prime-age group, including: greater investment in careers and delayed marriage for women; the choice of (marital) partner passing over to women; the age gap between spouses narrowing as men cease to be able to attract much younger women; greater male investment in their own grooming and an attractive appearance; an increase in sexual activity outside marriage; and an increase in homosexuality among men. All these social consequences have materialized to some extent. An additional consequence must be a growing male sexual deficit…

The sex ratio is known to affect animal behaviour. Experimental studies also find effects on men’s competition for mates, short-term thinking and willingness to invest resources in courtship (Dyson, 2012; Griskevicius et al., 2012; Székely and Székely, 2012; Weir et al., 2011). South and Trent (1988) found that the sex ratio affects women’s social status in developed economies far more than in developing societies. The impact on social relationships and mating markets may be just as important. In China, policymakers took it for granted that the surplus of males would result in more aggression from sex-starved unmarried men. The male surplus in China also contributed to the commercialization of sexuality and marriage markets: rising demand for commercial sexual services, bride kidnapping, mail-order brides from adjacent countries, marriage by purchase and compensated dating (Greenhalgh, 2012; see also Barber, 2000, 2003).

The sexual deficit among men is of theoretical and practical interest. It could be the root cause of patriarchal ideology and institutions that prioritize male activities and interests (Baumeister and Vohs, 2012; Hakim, 2011). It magnifies the value of women’s erotic capital in private relationships, and potentially in the public sphere also (Hakim, 2011, 2012). It helps to explain why some behaviours are almost exclusively male, such as the purchase of commercial sexual services and erotic entertainments of all kinds. The surplus of male desire must affect daily interactions and relationships between men and women, to some extent, consciously or subconsciously, as some men admit. It helps to explain the everyday sexism of male sexual harassment of women even in the 21st century (Bates, 2014), rape, sexual coercion and violence against women, including during war (Jukes, 1993; Macdowall et al., 2013; Scully and Marolla, 1990). Sexual violence is about sex rather than power games. The sexual deficit helps explain why masturbation is increasingly important for men (Kontula, 2009: 236).

We can expect men to deny, hide or trivialize the sexual deficit. It is not in men’s interest to let women know that they have any advantage that shifts the balance of power in private relationships in favour of women. As economists point out, the principle of least interest gives women an advantage in sexual markets. American academics argue that it would be unethical for women to exploit men’s ‘weakness’ (Baumeister et al., 2001: 264). French scholars recognize the power it gives women (Bajos et al., 1998: 222–232). South and Trent (1988) point out that men use their structural power to prevent women exploiting any advantage from high sex ratios (masculinized populations with a shortage of women). Similarly, men use their power to prevent women exploiting the male sexual deficit – or even becoming aware of it. Feminist claims that men and women have ‘equal’ sex drives play into the hands of patriarchal men.

Commercial sexual services have existed in all societies with a coinage, whether they are treated as legitimate or not. An International Labour Office (ILO) study of the sex industry, the largest such study ever undertaken, found that demand for erotic services grows as a country (or individual) becomes more affluent, so that overall demand is rising inexorably (Lim, 1998: 10, 73, 88–90, 106, 135, 210). The male sexual deficit explains why, in all societies, customers for the sex industry are men almost exclusively, and why demand is rising steadily. For example it doubled from 2% to 4% of men in Britain between 1990 and 2000 (Ward et al., 2005), and rose from 10% to 14% in Finland from 1992 to 1999 (Haavio-Mannila and Kontula, 2003: 127). Demand for such services from women is minuscule in all cultures, and this is not due to women’s lack of economic resources. Even poor men find the money if necessary; even affluent women are rarely tempted (Hakim, 2011: 42–43; Kontula and Haavio-Mannila, 1995: 126; Lim, 1998: 210). The sex industry has always been highly stratified, with a diversity of services at all price levels, because male demand exists at all income levels. Men’s ambivalence towards women working in the sexual entertainments industry may be because they exploit men’s ‘weakness’ so effectively – women can earn 10–40 times more than in conventional jobs (Egan, 2006; Frank, 2002; Hakim, 2011: 158; Lim, 1998: 33–34, 45, 53–57, 88–90, 115, 155, 207). Male prostitutes do not feel stigmatized, like women; on the contrary, they regard their work as demonstrating their masculinity and power.

In sum, surplus male sexuality provides a parsimonious macro-level explanation for several puzzles concerning relationships between men and women, sexual politics, sexual violence and the universal character of commercial sexual services. Yet sociologists pay little attention to sexuality. Only evolutionary psychology offers a central focus on sexuality, sexual violence, sex ratios and sex differences in sexuality, as illustrated by sexual strategies theory and parental investment theory (Buss and Schmitt, 1993; Schmitt, 2005). However, even in this discipline the male sexual deficit escaped attention. Evolutionary psychology has been more concerned with speculative theorizing about the prehistoric origins of human sexuality – a period not open to modern social science research…

The male sexual deficit in developed societies is an incontrovertible universal social fact, possibly of growing importance, yet is regarded as an outdated myth in radical feminist ideology and much public opinion… the findings of recent sex surveys remain unknown to many sociologists, to scholars in other disciplines, and even to sexuality specialists.

The sex deficit among (heterosexual) men helps to explain many puzzles, including why men are the principal customers for commercial sexual entertainments of all kinds, are most likely to have affairs, sometimes rape unwilling partners, offer other sexual violence against women, engage in sexual harassment in workplaces and public places, and respond poorly to having female colleagues in teamwork occupations such as the police or armed forces”.

“Where there is nothing, the King has lost his rights” – German proverb.

Taggato “Documenti” e “Stato dell’Arte”.

51 thoughts on “The male sexual deficit: A social fact of the 21st century – International Sociology – Catherine Hakim, 2015

  1. Articolo a parte, che è il più completo che abbia mai letto, mi piace questo colore giallastro, che fa tanto 1920…

    Like

  2. Non a caso ho scritto che “fa tanto 1920”, proprio perché mi ricordava “qualcosa” risalente a un secolo fa. 😉

    Like

    1. Come diritti specificamente maschili infatti siamo fermi al 1920. Da allora ogni progresso o è stato universale oppure solo per le donne, dal 1920 a oggi non c’è stato alcun nuovo diritto che abbia riguardato specificamente gli uomini, mentre invece per le donne ce ne sono stati vari.

      Like

      1. Anche la vita media femminile è aumentata nel corso di questi ultimi 100 anni, grazie al progresso tecnologico ed economico, portato avanti dagli uomini.
        In precedenza lo scarto in favore delle femmine era minimo – uno o due anni -, mentre prima della rivoluzione industriale erano gli uomini a vivere mediamente più a lungo.
        Certo, parliamo di epoche in cui la vita media era inferiore ai 40 anni e si moriva di poliomielite, difterite, febbre tifoidea, morbillo, scarlattina, varicella, peste bubbonica, tubercolosi, vaiolo, etc.

        Like

  3. Lo leggerò con attenzione. Ad un primo acchito avrei da contestare la definizione di “male sexual deficit” che andrebbe sostituito con “lack of female sexual correspondence” nell’uomo. Cioè il problema non sono gli uomini, ma le donne le quali hanno non solo una libido più bassa, ma anche una maggiore presenza di disturbi della sfera sessuale a partire dalla frigidità. Ho visto altri sondaggi e ti posso assicurare che c’è un terzo delle donne che non ha rapporti sessuali nel matrimonio o abbastanza rarefatti tipo una volta al mese. Vedi poi oggi il fenomeno dei matrimoni bianchi…praticamente le spiegazioni sono molteplici e sono solo in parte attribuibili alla diversità ormonale.

    Like

    1. Guarda che “male sexual deficit” significa “gli uomini non fanno abbastanza sesso” non che siano difettosi: il deficit è la mancanza di sesso.
      Tende a definire gli uomini come il problema ma non tramite quella espressione, ma con gli esempi che fa.
      E’ normale che tenda a definire gli uomini come il problema: la signora Hakim anzitutto è femmina, inoltre è femministoide / mezza femminista, è proprio questo il bello: oltre che essere femmina è pure mezza femminista, è più o meno femminista quanto Wendy McElroy e Christina Hoff-Sommers: sono quel tipo di femministe che stanno sulle scatole al 99% circa delle altre femministe.

      Il fatto che la fonte sia di questo tipo comporta ulteriori benefici:
      * E’ meno attaccabile e censurabile.
      * E’ più facile che venga presa sul serio dalle autorità, perché dice che questo stato di sofferenza maschile può tradursi in problemi che affliggono le donne. Altrimenti sai quanto gliene fregherebbe alle autorità…

      Like

      1. Certo che so cosa significa “male sexual deficit”, ma il problema sono le donne, non gli uomini, ecco perchè contesto la definizione. E’ mezza femminista? Facciamo anche 100% perchè tira fuori il patriarcato che in un tema come questo ci sta come il cavolo a merenda. Il problema sono le donne. Punto. Ci sarebbe da chiedere a questa sociologa quante volte lei tromba. C’è scritto nello studio? Chissà che direbbe oggi Freud in proposito…forse che il sesso è stato rimosso dallo shopping compulsivo?

        Like

        1. Quello che conta sono i dati, tieni presente che io ho scritto un articolo che dimostra quanto sia economicamente vantaggioso lo stile di vita MGTOW per un uomo partendo dai dati elaborati da un think thank femminista: loro lo presentavano come un problema delle donne, “colpa del patriarcato” lamentandosi che le donne acquisiscono soldi soprattutto tramite contratto di matrimonio e vedovanza, e io mica lo contesto, dico solo, sulla base di quei dati, che se non gli firmi il contrattino quel trasferimento di soldi non c’è, e quindi restano a te. Oppure ne fai meno perché senti meno bisogno di soldi, che anche se la somma resta più bassa è cosa ben diversa dal farli e trasferirli ad altre…

          Io non so te ma a me frega meno di niente se una che mi prende i soldi si lamenta che è costretta dalle circostanze: nel momento in cui lei ammette che mi prende i soldi io mi organizzo per non farglieli prendere. Non vado certo a discutere con lei dicendole che sbaglia, che quello che fa è immorale, o robe simili.
          Pensa un po’ che bello applicato in altri campi, porti l’auto dal gommista, e quello a un altro cliente che ha servito prima di te dice: “ci ho messo su le gomme economiche anche se te le faccio pagare care perché è colpa del sistema” + aggiunge spiegazioni, magari anche logiche.
          Tu gli vai a contestare che le spiegazioni sono sbagliate o giri i tacchi e vai da un altro gommista?

          Qui è uguale, questi dati mostrano una differenza di libido CHE CRESCE COL TEMPO: tra i 20enni le femmine hanno la metà di voglia dei maschi, ma tra i 50enni appena un quarto.
          Significa che idealmente le tue cartucce le devi sparare entro i 25 anni, poi devi non farci più troppo conto.

          Like

        2. Io invece non penso che il problema siano le donne. Né gli uomini.
          Siamo fatti diversamente, non è che sia colpa di qualcuno, non è che le cose debbano per forza cambiare; il diritto alla soddisfazione sessuale non esiste.
          Allo stesso modo contesto i mille casi in cui le femministe tentano di imporre per legge quello che fa comodo a loro, facendolo passare per diritto inalienabile. La grossa differenza è che molto spesso loro ottengono questo tipo di legge, purtroppo.

          Like

          1. E’ una questione biologica. La femmina di Homo sapiens deve scegliere il migliore pretendente per dare origine ad una prole con i migliori geni per sopravvivere. Questo vuol dire in termini pratici che fin quando non incontra l’Homo giusto, questa sofisticata scimmia nuda non va in calore ( ho detto scimmia nuda? Si, purtroppo la definizione non è mia per cui non ci posso mettere orgogliosamente un bel ©, ma dello zoologo Desmond Morris ). Ora nell’habitat cementizio italiano s’incontra metà popolazione maschile, variamente villosa, costituita da Mr 12,5 cm o anche meno, alti 1,78 mt o anche meno, con voto estetico 6 o anche meno, con reddito pro-capite lordo sotto i 20.000 euro, o anche meno, che al massimo possono far gola a qualche casalinga dell’est Europa. In altre parole, essendo oggi le femmine di Homo sapiens emancipate, queste hanno interesse ad accoppiarsi se e solo se sono innamorate; fanno sesso se e ( quasi ) solo se sono innamorate. E di chi potrebbero innamorarsi? Ovviamente di chi sta sopra la media, in tutto o in parte, non fa differenza; da qui si può ricavare invece che chi sta sotto la media non ha nessuna possibilità di attrarre una donna a meno che quest’ultima non sia mossa da spirito di compassione.

            Da notare: la mia ironia non ha nulla a che vedere con la misoginia, in quanto non mi posso lamentare del trattamento che le femmine di Homo sapiens hanno riservato al sottoscritto. Il patriarcato, ovvero quella graziosa struttura socio-culturale che considerava la donna l’angelo del focolare e mandava gli uomini a lavoro fino a spaccarsi la schiena per mantenerle comode sotto un tetto, assicurava una moglie a tutti quanti, ma è stato irrimediabilmente rimosso, con vergognoso codazzo di campagna denigratoria. Oggi siamo ripiombati nello stato di natura: sono le donne a scegliere e quando sono libere da ogni costrizione rivolgono le loro attenzioni ad un 20% di uomini di maschi alfa, altrimenti non hanno interesse non solo al sesso, ma anche a formare una famiglia, con buona pace dei maschi beta che si devono arrangiare con il kit “fai da te”.

            Like

          2. Concordo su gran parte ma commetti un errore enorme: nello “stato di natura” la femmina non sceglie mai perché è il più forte che si prende ciò che vuole. Ecco perché noi uomini siamo programmati per competere contro altri uomini ma abbiamo difficoltà a vedere le donne come competitori: perché nello “stato di natura”, nel quale siamo vissuti per milioni di anni e che ci ha plasmato, l’unico ostacolo ad accoppiarsi con una femmina NON era la femmina ma eventuali maschi più forti.

            Like

          3. @ilconte
            Tempo fa non ti ricordavo così “redpillato”, cos’è successo? Perché continui a ripetere che per attizzare una donna moderna bisogna essere per forza alti più di 1.78, glabri, più che carini (i bruttini affascinanti quindi non esistono?)…? Soprattutto non capisco quell’idiosincrasia per i peli che supponi abbiano tutte le donne. Non è che sei tu ad avere un latente interesse per gli uomini fatti in un certo modo?

            Like

          4. E’ uscito un articolo nuovo nuovo, mai darmi troppo credito quando dico che smetto per “tanto” tempo di scrivere.

            Più che redpillato direi rosapillato, visto che vede le donne come onnipotenti che in “stato di natura” scelgono chi vogliono.

            Like

          5. @Chiara
            Ma io sono sempre stato redpillato ancor prima che inventassero la pillola rossa. La mia prima ragazza fu a 13 anni, ma già in prima media ero solito entrare in classe scortato da due ragazze ( che erano le più belle della classe ). E così sono maturato prima di tutti gli altri avendo vissuto sulla pelle il peggio dei comportamenti femminili. Se le donne sono in un certo modo, non ne faccio una colpa. Le amo anche così, basta che se ne stiano a distanza di sicurezza. 9000 km con mia moglie hanno funzionato perfettamente, ma lei stranamente dice di no. I peli? E che ci posso fare se crescono dove non dovrebbero?!!!

            Like

          6. @ilconte
            La tua ultima affermazione è un po’ strana e forse sei tu ad avere problemi di irsutismo…?
            Per il resto, mi rendo conto che avere intorno ragazzine in età adolescenziale (o addirittura pre-adolescenziale) comporti il rischio di farsi un imprinting sul comportamento di teen-agers stupidelle e umorali, oltre a sviluppare una certa supponenza. Mi hai dato un ulteriore motivo per sperare che mio figlio/a segua le orme dei genitori e faccia una lunga gavetta con l’altro sesso, anche perché a quanto pare avere tanto successo in età precoce non è garanzia di trovare la stabilità sentimentale in età adulta, o di non fare errori di valutazione.

            Like

          7. @Chiara
            Ma i problemi di peli a cui mi riferisco riguardano le donne. Chissà se negli ultimi tempi non siano aumentati a causa delle interferenze ormonali in fase fetale e puberale. Avendo visto le Cinesi da vicino, che sono pressocchè glabre, la peluria delle occidentali fa spavento. Sui figli possiamo fare ben poco: nascono liberi e crescono anarchici. Più un genitore li forza per dare loro una morale, più a quella morale potrebbero ribellarsi. L’unica cosa che mi sento di dire è che loro devono decidere cosa vogliono essere, mentre i genitori devono decidere quello che loro non devono essere. Più di questo non mi sbilancio a parte la constatazione che iniziare precocemente l’approccio con l’altro sesso ha molti lati negativi.

            Like

          8. @ilconte
            Quindi confermi anche tu che ha lati negativi. Ma sai, alla fine dipende molto dalle circostanze e dalla fortuna, e dall’avere o meno un bell’aspetto fin da piccoli,… quindi credo conti poco l’impostazione data in famiglia. Quella conta più per altri aspetti comportamentali (essere o meno studiosi, curiosi, sportivi, attratti dalle trasgressioni, leali con gli amici…).

            Sui peli: ora tu sposti l’attenzione su quelli femminili, ok. Cambiamenti ormonali? Allora dovresti confrontare le donne odierne con quelle di una volta, perché se confronti occidentali con cinesi, da sempre i cinesi uomini compresi hanno molti meno peli rispetto agli occidentali. Comunque la peluria nelle donne occidentali mi risulta da sempre normale, anche abbondante in quelle mediterranee; se troppa e in posti strani può significare problemi ormonali, sì, ma anche tipici femminili, come ad esempio l’ovaio policistico.

            Ad ogni modo il discorso era nato sulla peluria maschile e sul perché sembra darti molto fastidio, tanto che la sottolinei sempre quale elemento svalutante agli occhi delle donne.

            Like

        1. Tutti ci si ritrovano, solo che alcuni non lo vogliono ammettere. E’ proprio una cosa fisiologica, basti dire che se vai con due donne praticamente non esiste il cosiddetto “periodo refrattario”, proprio come è MOLTO più corto con una con la quale vai le primissime volte rispetto a con la stessa dopo soli 6 mesi, anche se uno in 6 mesi mica è invecchiato in maniera significativa…

          Like

          1. Certo, so bene che il discorso riguarda gli uomini in generale

            @@@
            proprio come è MOLTO più corto con una con la quale vai le primissime volte rispetto a con la stessa dopo soli 6 mesi,
            @@@

            Dopo un certo periodo anche i tempi si allungano… proprio perché lo fai sempre con la stessa donna.
            Capita pure che la medesima donna, che in passato ti arrapava come una bestia, a un certo punto non te lo faccia più tirare, ma non per “colpa” sua.
            No, semplicemente perché dopo un po’ di tempo è necessario variare.
            Infatti a me han fatto sempre fatto ridere le cosiddette terapie di coppia, che già prima che iniziassi ad occuparmi della QM, definivo delle “americanate”.

            Like

          2. Credo che le terapie di coppia le facciano più che altro quelli che non vanno d’accordo, litigano e si tengono il muso avvelenandosi la vita. Li’ effettivamente se ci sono degli attriti nascosti che per qualche ragione faticano ad emergere può essere che spesso un professionista porti i due a discuterne e togliersi il peso, migliorando le cose.
            Invece l’idea di fare terapie di coppia perché si scopa meno a me fa morire dal ridere. Così come quelli che prendono il Viagra, non ho mai sentito nessuno furbo dire che è una cosa intelligente da fare, i commenti da uomini furbi e perspicaci che conosco sono sempre stati così:
            * “Ma a cosa cavolo serve? Se io ho poca fame non è che mi prendo una pastiglia per farmi venire fame e mangiare anche il secondo dopo il primo!”
            * “Basta cambiare buco e il Viagra non serve” – questo praticamente dice la stessa identica cosa di Coolidge.
            * “A me ci vorrebbe una pastiglia per farmelo tirare di meno, se c’è la compro.”.
            Sembra una barzelletta che qualcuno abbia commercializzato una roba per farlo tirare di più agli uomini, è una roba surreale tipo se commercializzassero museruole da mettere ai padroni per evitare che mordano i loro cani.

            Like

          3. Non ho mai usato il viagra, ma sento dire in giro che lo usano per fare bella figura nel sesso occasionale. Dicono che gonfia di più, ma questo effetto pare negato dagli andrologi. Ad ogni modo sono soldi sprecati.

            Like

          4. Usare il Viagra nel sesso occasionale è come doparsi nelle competizioni sportive amatoriali.
            Ci sarà sicuramente qualcuno che lo fa, ma non è previsto l’antidoping proprio perché si suppone che sia una cosa un bel po’ sciocca e per nulla auspicabile da fare.

            Like

          5. Una cosa che invece ho visto fare spesso è mettere afrodisiaco (naturale, libera vendita) dentro la bottiglia di birra e poi girare per la discoteca. Però è una roba più psicologica che altro, perché in ogni caso si deve approcciare una e quella deve essere ben disposta a bere dalla stessa bottiglia dove hai bevuto tu. L’afrodisiaco ha un effetto ovviamente minimo, ma teoricamente – credo anche praticamente – aumenta di un tot, roba da poco ma comunque penso sia un incremento effettivo, le possibilità che lei te la dia subito.
            Ecco questo è l’equivalente di quello che si compra le scarpe da calcio superbuone per la partitella amatoriale: gli danno probabilmente quel qualcosa in più rispetto agli altri, ma è un discorso differente dal doparsi perché se vince può sentirsi bravo e forte, non è che pensa di aver vinto grazie alle scarpette costose.

            Like

          6. Mai sentito afrodiasiaci nella birra,
            che fantasia…! Hanno mai funzionato? Che poi se una beve dalla bottiglia di uno appena conosciuto mi sa che comunque è già molto ben disposta… o molto ubriaca.

            Like

          7. Certo che è già ben disposta, ne consegue che:
            * Non puoi sapere per certo se funziona davvero.
            * Se ci sta comunque uno non crede che ci sia stata principalmente per via dell’afrodisiaco nella birra.
            E’ una roba scaramantica, effetto più che altro psicologico.
            Un altro effetto interessante è che ti mette il pepe al culo per così dire: la birra diventa calda se passa troppo tempo quindi quella che la beve va trovata velocemente, altrimenti hai buttato via mezza birra e un po’ dell’afrodisiaco venduto a caro prezzo nel sexy shop..

            Like

          8. No, perché lavori sulla quantità, è la calma che fa danni.
            E’ come un operaio che lavora a cottimo: l’unico limite alla velocità è non fare casini, il prodotto deve uscire fuori di decente fattura, senza difetti, ma una volta rispettata questa condizione il migliore è chi sforna più pezzi. Un lavoratore a cottimo che avesse amore per il dettaglio e per ricontrollare due volte quel che ha fatto non durerebbe molto.
            Inoltre considera che l’esserci riuscito velocemente è fonte di orgoglio e soddisfazione in sé.

            Like

          9. Intendo che uno che gira per un locale provandoci letteralmente con tutte al volo stile speed date (che è l’unica cosa che si può fare se si vuole puntare sulla quantità velocemente) rischia di essere patetico e poco efficace, es. apparire troppo su di giri o troppo insistente. Probabilmente il vero modo efficace e veloce è quello di essere figo e di attirare l’attenzione con qualcosa di stravagante, in modo che siano le ragazze stesse ad avvicinarsi…

            Es. super diretto: proporre un gioco mettendo un oggetto nella bottiglia di birra (quella famosa con l”afrodisiaco) e sfidando a prenderlo bevendo, una sorta di trucco di prestigio impossibile.

            Like

          10. L’idea che debba essere la femmina ad avvicinarsi è una specie di bestemmia. Piacerebbe a tutti che fosse così, ma non è così che vanno le cose. La stravaganza ci vuole, ma se non sei famoso va dosata.

            Like

          11. Quindi qual è il trucco per provarci a manetta con una buona percentuale di successo nel breve termine? Basta chiedere a tutte “posso offrirti da bere?” (è l’unico tipo di approccio che vedevo capitare quando andavo in discoteca)

            Like

          12. Vedi una allegra arrivi e le dici “ciao!” ridendo, e inizi a parlare. La birra te la deve chiedere lei: è un favore che le fai.
            La percentuale di successo è buona, perché è una cosa che fai solo dove ci sono quelle già un po’ cariche. È una roba forse come media sul 33%, una su tre, ma cambia tanto da serata a serata. L’ho visto succedere con la prima come ho visto tipo dieci tentativi a vuoto e poi bottiglia lanciata per sfogarsi.

            Like

          13. Mi rendo conto che per timidi e introversi questa è una strada che non sarà mai praticabile. Per uomini così funzionano altri tipi di approccio, in contesti diversi, con l’aiuto di intermediari e/o chiari segnali da parte della ragazza. Un solitario non andrà proprio in discoteca di default o comunque si scoccerebbe ad attaccar bottone con sconosciute di cui non gli frega quasi niente; un timido potrebbe anche essere tentato ed essere lì in compagnia di amici ma essere troppo insicuro per provarci (con tipe oltretutto mezze alterate che magari reagiscono ridendogli in faccia).

            Like

          14. Il solitario è invece proprio il più adatto se decide di impegnarsi a farlo – il fatto che gli scocci e non gliene freghi quasi niente è proprio quello che lo rende una macchina da guerra. I cordialoni non possono invece raggiungere simili livelli di efficienza perché perderanno tempo a cazzeggiare con il loro gruppetto, o si perderanno in inutili chiacchiere. I grandi record sono sempre il frutto di un superamento.

            Like

          15. Ma un solitario/introverso non ha proprio voglia di attaccare bottone con sconosciute… Penso la riterrebbe una perdita di tempo, un gioco che non vale la candela. E poi è proprio l’ambiente a non confacersi a lui, ce lo vedi un introverso a girare in mezzo al casino di una discoteca?
            Piuttosto un introverso con alta libido andrebbe dritto al sodo con qualche escort.

            Like

    1. Ah, la scoperta dell’acqua calda, addirittura ha un nome scientifico? Ovvio che per tutti, maschi e femmine, le prime volte con un nuovo partner sono le più invitanti ed esaltanti…

      Like

      1. Anche un coltello da tavola e una spada da samurai sono due lame d’acciaio affilate e progettate per tagliare principalmente carne brandendoli con una mano.
        Poi ad esempio c’è anche la bicicletta e la motocicletta.
        L’aliante e l’aereo.
        La macchina da scrivere e il computer
        Sono tutte robe uguali tra loro.

        Like

          1. Sei a commentare sotto un articolo che spiega proprio la differente intensità della libido e accenna pure alle vastissime conseguenze sociali di tale differenza. Quindi proprio negli esempi che ho fatto, il medesimo incremento applicato percentualmente a due cose di intensità differente provoca effetti differenti sul sistema.
            Ti faccio un esempio estremizzato per capire:
            Aumenta del 10% il prezzo degli strofinacci da cucina. Io non so te, ma io non è che li compro tutti i mesi, ne comprerò una confezione da 5 all’anno, costano tipo 3 euro a confezione, quindi un aumento del 10% significa che spendo 30 centesimi in più all’anno. Anche ne comprassi 10 è un aumento di 60 centesimi l’anno.
            Se invece aumenta del 10% il prezzo della benzina tanta gente, probabilmente la maggior parte, ne risente un bel po’.

            Like

          2. Peggio ancora, se ti metti a parlare di numeri a quest’ora non ci ragiono più 😄
            Io non stavo commentando l’articolo ma il link all”Effetto Coolidge”. Quindi cosa vuoi dire? Che l’effetto Coolidge è molto più forte nell’uomo? O è più forte nella donna perché parte da una base si libido minore, secondo la ricerca della Hakim?

            Like

          3. E’ probabilmente un incremento simile, ma incrementare ulteriormente ciò che è molto più grande ha effetti ben diversi da incrementare nella medesima proporzione ciò che è piccolo.
            Pensa a un raddoppio di stipendio a questi due:
            Tizio guadagna 600 euro al mese, passa a 1200
            Caia guadagna 1800 euro al mese, passa a 3600
            Lo stile di vita di Tizio necessariamente resta parco, semplicemente non ha più l’acqua alla gola come prima.
            Caia invece improvvisamente, volendo, può permettersi veri e propri vizi e capricci.

            Like

          4. Mah, secondo me quando si parla di coppie che si stanno formando non c’è tutta questa differenza, che ora tu dici essere “il doppio”.
            Hai detto più volte di avere maggior testosterone rispetto alla media maschile, forse per questo hai la percezione di un fortissimo dislivello. Anche il fatto di aver ricercato tante avventure, aver avuto tante storie, potrebbe essere un segno di questo essere “sopra la media” e accomunarti con alcuni altri lettori del blog che hanno avuto esperienze simili.
            Lo so che lo studio in oggetto vi dà ragione, mi piacerebbe approfondirlo ma ho il solito problema con l’inglese. Comunque alla fine non mi è di nessuna utilità pratica, a me basta fare affidamento sull’esperienza personale, trattandosi di una questione che riguarda la sfera personale della gente.

            Like

  4. Come ha notato la tizia, gli unici che rispondono a questi sondaggi sono i bimbominkia scopatori popolari che leggono vice media. I giornalisti di vice media vanno letteralmente ad intervistare i ragazzini perché vogliono promuovere il mito della libertà sessuale, mito completamente debunkerato. Gli incels non hanno nessuna libertà sessuale.

    La rivoluzione sessuale è avvenuta solo per quei figli di papi borghesi e ricchi. La libertà sessuale non esiste. La rivoluzione sessuale è terminata ufficialmente nella decade dal 2010 al 2020.

    Quando i tradizionalisti parlano di “degenerazione” e “sesso libero” intendono parlare solo del sesso che loro non fanno, io non faccio, gli incels non fanno. Gli unici che fanno sesso sono questi bimbomerda figli di troia che leggono vice media (vice media = fake news).

    I “liberals” non fanno più sesso. Se i liberals sono incels non fanno sesso. Qua ciò che conta è l’estetica facciale, non l’orientamento politico. Uno può essere nazista o anarchico o quello che gli pare, il fatto è che se è cesso non scopa. Il nazi cesso non scopa, e non importa quale sia la sua attitudine riguardo il sesso, se ha certi pregiudizi oppure se è più “aperto di mente”, non cambia veramente nulla. Nelle incelosphere è sempre stato pieno di incels di sinistra, ci sono molti incels come Lupinacci che sono antifascisti e molto aperti riguardo le tematiche sessuali e non fanno sesso allo stesso modo in cui non fa sesso l’incel destrorso nazi. Non cambia nulla.

    La libertà sessuale è semplicemente un mito, una narrativa per cui si spendono valanghe di soldi, del resto questa narrativa deve essere sempre mantenuta e quindi bisogna raccontare frottole e sciocchezze alle nuove generazioni. Io non ho intenzione di mentire, sono stato incel, pertanto se uno mi additerà dicendomi che nella mia generazione scopavano tutti (la gente normie pensa che i media come Vice siano “la verità assoluta”) io gli risponderò che sono tutte stronzate, nella mia generazione è sempre stato pieno zeppo di incels.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s