Esclusivo: Valeria Valente e il cattofemminismo anti-gay e anti-padri.

Secondo quanto scrive il quotidiano ‘Avvenire’ e denuncia la Clams, Coalizione internazionale per l’’abrogazione della maternità surrogata, la fiera ‘Désir d’enfant’ dovrebbe far tappa a Milano il 14 e 15 maggio 2022. Si tratta di un evento di marketing chiamato “Un sogno chiamato bebè” e che promuove il presunto diritto di genitorialità a ogni costo, pure attraverso la pratica dell’utero in affitto.

….

Per questo credo che l’appuntamento di Milano di questo Salone – del quale di certo l’amministrazione non ha responsabilità – vada fermato.

Qualcuno si chiederà: e dove sarebbe l’esclusiva? E’ una cosa che ha detto sul suo profilo ufficiale Facebook!

L’esclusiva sta nel fatto che noi saremo l’unico sito di attivismo per i diritti maschili a darne notizia e soprattutto a stigmatizzarlo.

L’esclusiva sta nel fatto che noi siamo l’unico sito di attivismo per i diritti maschili che vede ed evidenzia una connessione diretta tra questa posizione politica di Valeria Valente…

…e la suddetta posizione politica di Valeria Valente.

E la connessione che noi vediamo è l’istanza anti-padri: “i figli sono delle madri”, “un figlio ha sempre bisogno della madre, mentre il padre è optional”. E se dubitate che sia così proseguite nella lettura dell’articolo, e vi diverrà chiarissimo.

E’ un’esclusiva questo nostro articolo anche perché, indovino, non vedrete grossi attacchi contro la Valente neppure nei siti cosiddetti a difesa dei diritti dei gay: al massimo la definiranno con una qualche variante del classico “è una compagna che sbaglia” – al massimo, perchè la maggior parte di essi probabilmente taceranno.

Perché questa differenza tra noi e i siti formalmente pro-diritti maschili e i siti formalmente pro-diritti dei gy?

Perché in una società ginocentrica (attivismo per i diritti maschili in gran parte compreso) noi siamo gli unici portatori di una visione androcentrica, un po’ come un sindacato degli uomini ma con la grossa differenza che noi non lecchiamo il culo ai padroni, mai.

E così saremo anche gli unici a poter sbugiardare tutte quelle che la pensano come la Valente, a svelare il loro Gioco delle Tre Carte, perché sappiamo che NESSUNA di loro ha mai parlato, né mai parlerà, di “mercificazione” a proposito di questo:

I profili dei donatori di seme includono una gamma di opzioni dettagliate. A parte le caratteristiche come altezza, peso, gruppo sanguigno, etnia, colore degli occhi e dei capelli, i profili includono anche le foto da bambino, la storia della famiglia, gli hobby, il tipo di voce, la personalità e l’istruzione. Le mostreremo anche l’Impressione dello staff, che è la nostra descrizione del donatore.

Perciò la risposta di TIMI è: qui il Gioco delle Tre Carte non funziona, fatelo pure con gli zerbini o con i cicisbei “anti-femministi” ma con noi non attacca – perché noi ad esempio, a differenza di tanti altri, non citiamo, e non citeremo mai, l’abusatrice sessuale di ragazze minorenni Simone De Beauvoir come esempio di “buonsenso” o “saggezza” (per il titolo di “abusatrice sessuale” si legga, a puro titolo di esempio, Mémoires d’une Jeune Fille Dérangée). Pertanto che si fottano (rigorosamente da sole, perché nessun uomo dovrebbe mai sfiorare coloro che lo odiano) tutte le ipocrite sessiste omofobe portatrici di micidiali doppi standard…

Viva i papà, TUTTI, a prescindere dal loro orientamento sessuale.

E abbasso le misandriche odiatrici di padri, tutte, sempre. Abbasso loro, e pure chi non glielo dice.

3 thoughts on “Esclusivo: Valeria Valente e il cattofemminismo anti-gay e anti-padri.

  1. Abbasso le ipocrite sessiste omofobe portatrici di micidiali doppi standard!

    Il femminismo è un movimento d’odio.

    https://www.lastampa.it/topnews/lettere-e-idee/2021/09/07/news/noi-donne-eterni-bersagli-di-una-societa-patriarcale-1.40674228/?awc=9417_1631567802_e974660a8ec547698845120ff6739c1a

    “La volontà di potere e possesso degli uomini è da reprimere fin dai primi anni di vita, con lo scopo di annientarla.”

    ” …. [questa tendenza omicida riguarda] non tutti gli uomini, ma potenzialmente tutti”

    “La Fionda” questa volta ha fatto centro. E’ cosa buona e giusta dare voce e risonanza al pensiero delle misandriche. Io sarei contrario a togliere loro la possibilità di esprimere la loro ideologia schifosa intrisa di puro odio. La gente deve sapere.

    Quando la gente dice che il femminismo è “buono”, cita Annamaria Bernardini De Pace. Quando dice che è “giusto”, cita Valerie Solanas. Quando dice che è “bello”, cita Gloria Steinem. In ogni occasione, devi essere sicuro di conoscerne almeno una da poter citare. Questo gigantesco immondo ammasso di putrescente letame deve arrivare alla vista ed al naso di tutti.

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s