Elezioni 2023: come candidati premier contrapposti vedrei bene Ruby Rubacuori e Laura Massaro.

Ovviamente la Rubacuori alla guida del centrodestra e la Massaro alla guida del centrosinistra.

Ovviamente sono portatrici di valori assai differenti tra loro: la prima dal passato un po’ turbolento ma poi rinata a nuova vita proprio come certe ideologie che stanno tornando in auge in versione rinnovata, contrapposta alla madre coraggio che pienamente rappresenta i nuovi valori della sinistra che sfidano le convenzioni sociali e il patriarcato.

Questa netta differenza sarebbe un bene per l’elettorato perché così c’è una chiara distinzione tra i due schieramenti, cosa spesso decisamente assente in passato.

Ovviamente nessuna delle due è un politico di professione, sarebbero prestate alla politica, ma questo non costituisce assolutamente un problema visto che non erano politici di professione neanche 4 su 6 premier negli ultimi 6 governi.

Ovviamente entrambe potrebbero, a mio giudizio, incarnare gli ideali femminili dei rispettivi schieramenti.

Molto importante: sono a mio parere le due candidate migliori, perché sono in grado di compattare ciascuna il rispettivo schieramento nel momento in cui fossero sotto attacco. Ma non solo: non vedo chi, nei rispettivi schieramenti, si opporrebbe alla loro candidatura come premier. Oddio, forse Renzi perché con lui non si è mai sicuri di niente – anche perché non è dato sapere in quale schieramento sarà.

Infine: non vedo nessun altro possibile candidato con il loro carisma politico, nessuno che, lo so mi sto ripetendo, possa come loro compattare i rispettivi schieramenti.

Farò un paio di esempi: Laura Massaro a sinistra e pure in alcuni settori del centrodestra sarebbe a mio parere senz’altro più supportata di un Enrico Letta (che ha addirittura oppositori interni al PD, a differenza della Massaro, e che non può sperare di raccogliere nel Movimento 5 Stelle o in LeU o persino in Forza Italia un consenso neanche lontanamente paragonabile a quello che potrebbe raccogliere la Massaro).

Ruby Rubacuori è in una situazione un po’ differente, un po’ di concorrenza ce l’ha: Giorgia Meloni. Ci sarebbe pure Giancarlo Giorgetti. Entrambi sono molto competenti, entrambi hanno esperienza politica infinitamente superiore a Ruby, ma l’esperienza non è tutto: riuscite ad esempio ad immaginare un centrodestra assolutamente compatto nel difendere la Meloni o Giorgetti nel caso in cui cadessero in disgrazia per un qualche motivo? Io no. Per questo la Rubacuori ha una marcia in più.

Se le candidano entrambe forse voto lo schieramento della Massaro al Senato e quello della Rubacuori alla Camera.

3 thoughts on “Elezioni 2023: come candidati premier contrapposti vedrei bene Ruby Rubacuori e Laura Massaro.

  1. Sono fiero e grato di vivere in un paese con questi pilastri della comunità che ogni giorno stanno in prima linea per il bene di tutti i cittadini. Quotidianamente è una via crucis, ore e ore strappate ai cari mangiando un tramezzino ( se va bene) per valutare le giuste contromisure e i rimedi più appropriati affinché nessuno si senta lasciato solo. “Together we stand divided we fall”

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s