Presto i “maschietti” giornalai raccoglieranno ciò che hanno seminato negli ultimi anni! E nel frattempo….

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/12/03/molestie-sessuali-nei-tg-cinzia-fiorato-pacche-sul-sedere-ricatti-frasi-inopportune-barbara-carfagna-ci-siamo-difese-dai-direttori-che-ci-sbattevano-al-muro/6414416/

Che dire?

Era ora!

Mo’ ce la ridiamo – NOI, non i giornalai che tanto amano scrivere “maschi e donne” se non addirittura “maschietti e donne”…

…e nel frattempo: “donne denunciate! Soldi subito!”

Con le nuove norme contro la violenza sulle donne ci sarà “un aiuto economico immediatamente nella fase delle indagini“.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/12/03/violenza-sulle-donne-ministra-lamorgese-con-le-nuove-norme-ci-sara-aiuto-economico-gia-nella-fase-delle-indagini/6414701/

SCOMMETTIAMO CHE PIU’ UNA TESTATA E’ FEMMINISTICAMENTE IMPOSTATA, PIU’ FEMMINIST? MASCHI CI SONO, PIU’ UNA TESTATA E’ UN “PARADISO DEL FEMMINISMO”…PIU’ LA PARTE MASCHILE DELLA SUA REDAZIONE SARA’ COLPITA DURAMENTE? E VICEVERSA, NATURALMENTE

CHI SCOMMETTE CONTRO DI ME?

Scommettete contro di me, dunque – magari mi sbaglio, chissà: forse più una redazione CAMBIA IL SESSO DELLE LADRE PER ESSERE SICURA DI “NON FAR FARE BRUTTA FIGURA ALLE DONNE, MEGLIO CHE DIAMO A INTENDERE CHE SIANO STATI DEGLI UOMINI”https://theindependentmanitaly.wordpress.com/2021/12/03/uomorismo-femministo-troie-scatenate-se-ti-fregano-il-rolex-e-stato-un-uomo-o-al-massimo-un-uoma/

…meno sarà colpita!

O forse no, vedremo…

23 thoughts on “Presto i “maschietti” giornalai raccoglieranno ciò che hanno seminato negli ultimi anni! E nel frattempo….

  1. Leggo:
    @@
    Fiorato ricorda poi episodi che definisce “di minor impatto” (come quando un tecnico, dopo aver sistemo il computer della scrivania, le si avvicinò all’orecchio sussurrandole “ora però vieni a cena con me”)
    @@

    Dunque, premesso che ormai non mi stupisco più di nulla, parole come quelle non fanno che evidenziare una volta di più l’infinita idiozia femminile.
    Ora anche invitare a cena una stronza di merda è sessismo, molestia e violenza sessuale.
    Del resto se un uomo non si dà da fare resta vergine per tutta la vita, considerando che razza di morte di sonno sono le femmine.
    Ma in ogni caso va bene così.
    Auguriamoci che sempre più omuncoli inconsapevoli vengano denunciati da queste dementi e poi sbattuti in galera.
    E speriamo che la profezia di Cioran si avveri fino in fondo.
    Amen.

    Liked by 2 people

    1. Infatti è proprio questo il bello, e oltretutto parliamo di un tecnico del computer, quindi qualcuno con un ruolo INFERIORE a quello di lei.
      Va da sé che se invece è un SUPERIORE a invitarla a cena è anche peggio, perché c’è il famoso “squilibrio di potere” a sfavore della donna…

      Io ho scritto “Mo’ ce la ridiamo…” mica a caso: queste sono due, se adesso ne emergono altre c’è da ridere perché la maggior parte degli accusati NON HANNO NEANCHE IDEA DI COME RISPONDERE ALLE ACCUSE! 😀 LOL 😀 Questi hanno passato l’ultimo decennio a sbeffeggiare le vittime maschili, sia le vittime di violenza che di false accuse, ed a ripetere “il mondo sarebbe migliore se governassero le donne” e “bisogna sempre credere alle donne”.
      Sicuramente si rivolgeranno a un avvocato senza avere la minima di idea di cosa debbono fare o dire, se ne beccassero uno al volo e lo intervistassero un minuto dopo l’accusa PRIMA che abbia parlato col suo avvocato direbbe cose bizzarre, frasi disconnesse, una roba tipo esordire “W le donne” e “bisogna credere alle donne, sempre” e poi “si ma non a questa perché non è una vera donna” o una frase stramba simile.

      Like

      1. Eric
        @@
        Questi hanno passato l’ultimo decennio a sbeffeggiare le vittime maschili, sia le vittime di violenza che di false accuse, ed a ripetere “il mondo sarebbe migliore se governassero le donne” e “bisogna sempre credere alle donne”.
        @@

        Appunto, ed è per questo che auguro a quei dementi leccaculo di finire sotto processo prima e in galera poi.
        Speriamo che facciano veramente piazza pulita.
        Nelle redazioni non deve rimanerci nemmeno un uomo.
        Tutte femmine e buonanotte ai suonatori.
        Del resto i suddetti omuncoli dovrebbero esserne felici e accogliere eventuali licenziamenti, denunce e galera con grande gioia, perché finalmente avranno la possibilità di lasciare tutto nelle mani delle donnicciole alle quali leccano il culo un giorno sì e l’altro pure.

        Liked by 1 person

      2. Be’ dai però sentirselo sussurrare all’orecchio è un po’ creepy, non trovate? 😅

        (ma comunque mi sembra paranoico denunciarlo come chissà quale crimine)

        Like

        1. Dipende dalle circostanze e SOPRATTUTTO da come si era rivolta lei a lui: un conto è se quando il tecnico è arrivato gli ha detto “il computer da riparare è questo” con tono distaccato, un altro conto è se ha detto con entusiasmo “oh, il mio salvatore!” e poi quando lui l’ha messo a posto ha fatto smorfie e gridolini.
          Se fosse il secondo caso e io fossi il tecnico interessato contatterei TUTTE le redazioni sinché non trovo una che mi pubblica e poi la smerdo aggiungendo poi “se una fa la gallina, il pensiero che ti viene in mente è: la gallina ci sta, adesso la invito a cena. E si DEVE fare: ogni volta che una fa la gallina invitatela a cena, e se si lamenta ditele che ha fatto la gallina”.

          Like

          1. Sì, ma se avesse fatto la gallina glielo avresti proposto in modo chiassoso, lanciandogliela a voce alta quasi come battuta.
            Non sussurrata all’orecchio; il “tono” della comunicazione così è proprio diverso.

            Like

          2. Niente affatto: se una fa la gallina tu glielo sussurri proprio nell’orecchio, perché il messaggio è:
            “Non posso sapere se fai l’oca giuliva con tutti perché sei proprio scema al naturale o se lo fai solo raramente con chi ti piace sul serio, quindi ti comunico che ho preso la cosa sul serio e intendo scoparti”.
            Questo è il significato di dirlo nell’orecchio.

            Se una fa la gallina tu non devi metterti al suo livello, SPECIE se te la vuoi fare.

            Like

          3. Anche gli uomini debbono cominciare a parlare, perché risulta poco credibile che uno a cui non hai mai dato adito ti sussurri delle cose nell’orecchio: guarda che se lei ha dato segnali l’iniziatrice è lei, e non importa se i segnali sono “ambigui” e “lei voleva dire un’altra cosa”. Impari a esprimersi, conta quello che capisce l’interlocutore, non cosa volevi dire.
            Se una vuole evitare allora che sia distaccata e professionale, i sorrisoni e gridolini non sono ammessi: i gridolini li fai al tuo bello, non ai tecnici che riparano i computer.

            Like

          4. Avessi io una che fa la civetta con tutti darei ORDINE a tutti gli uomini di invitarla a uscire e filmiamo tutto, e poi le si dice: “devi imparare a stare al mondo, se tu lanci 100.000 segnali riceverai 100.000 inviti ed E’ GIUSTO COSI’. Distacco e professionalità: frega niente di come ti vesti ma cosa dici e come lo dici è un’altra faccenda. E vedi di non rompere il cazzo altrimenti ti faccio lavorare con Tarzan in perizoma sdraiato sulla scrivania accanto alla tua per una settimana, e se ti lamenti ti licenzio perché non controlli i tuoi ormoni.”.

            Like

    2. Renditi conto che questi hanno delle rappresentati femmine dei “Verdi” che scrivono CONTRO LA GREEN ECONOMY, DICENDO “ANDAVANO DATI PIU’ SOLDI ALLE DONNE E MENO ALLA GREEN ECONOMY!”!!!

      Se in una redazione non notano neppure la COMPLETA FOLLIA di una cosa simile, come fanno a difendersi da delle accuse assai più TIPICHE ovvero SESSUALI?

      Liked by 1 person

    3. In UK durante il #Metoo uno SI E’ AMMAZZATO PERCHE’ GLI AVEVANO TROVATO DEL PORNO SUL COMPUTER!
      Niente filmati proibiti, roba normale VM18, e NON L’AVEVA FATTI VEDERE AD ALCUNA DONNA, se li guardava da solo ogni tanto!

      Però se uno nel computer di servizio -questo lavorava per il partito laburista – nelle ore di ufficio, ogni tanto si guarda del porno, allora è “violenza sulle donne”!
      E’ una roba da lettera di richiamo, non licenziamento, al massimo sospensione dal lavoro per qualche giorno. Eppure questo si è ammazzato.

      Liked by 1 person

  2. Non vedo l’ora che il mondo diventi una giungla, nel caos riesco a destreggiarmi alla grande e i soldi serviranno solo per accendere fuochi.

    Like

  3. Un po’ di tempo fa avevo letto sul blog di una femminista americana, una certa Ella Dawson famosa per aver pubblicizzato il suo herpes (non ridete), un intervento in cui si lamentava di uno studente delle superiori che ci aveva provato con lei quando si trovava in un bar durante la pausa pranzo. Dalla descrizione si capiva che lo studente non era stato rude o molesto ma lei si era indispettita lo stesso probabilmente perché aveva percepito l’approccio come una svalutazione del suo valore nel mercato sessuale. Del tipo “come osi tu foruncoloso liceale provarci con me che sono una donna adulta di 25 anni (anche se ne dimostro di meno) e quindi al di fuori della tua portata!” In pratica la logica conseguenza del femminismo è un ritorno ad un puritanesimo neo-vittoriano in cui non è permesso parlare a donne sconosciute in pubblico e nemmeno in privato.

    Liked by 1 person

    1. Con una mia prof supplente ci aveva provato un liceale nel corridoio scambiandola per una studentessa coetanea, da tanto sembrava giovane 😅
      Lei lo raccontava con tenero imbarazzo ma anche lusingata.

      Like

      1. allora lo studente doveva essere un teenchad. del resto se non lo fosse stato, non avrebbe avuto la confidenza per provarci.

        Like

  4. a me fa piacere che i giornalisti vengano bastonati. Sono i primi a pubblicizzare false emergenze come quelle donnesche : ora provino la medicina che con piacere suggerivano agli altri.

    Like

    1. Esatto.
      Sono anni che strepitano che c’è un’emergenza e che le donne non vengono rispettate, adesso vediamo un po’ cosa emerge: non è che le donne le debbono rispettare solo gli altri, anzi, devono essere loro tra i primi a dare il buon esempio!

      Qui si comincia a parlare di CAPOREDATTORI e DIRETTORI: si dimettano in attesa delle indagini.
      Perlomeno quelli che pubblicavano Di Maio – senza criticarlo minimamente – che diceva che un accusato deve andare in galera sinché non si scopre che è innocente (notare che lo diceva a proposito dell’accusa palesemente falsa dello “stupro” avvenuto in Circumvesuviana).
      Perlomeno quelli che danno luce verde agli articoli che SEGUITANO A DIRE CHE LA RAGAZZA ALLA FORTEZZA DA BASSO FU STUPRATA! Dopo che una sentenza passata in giudicato ha rilevato che dei 7 accusati uno era addirittura a decine di km di distanza, e tutti gli altri sono innocenti. SE GLI INNOCENTI SONO COLPEVOLI DI STUPRO, COME FA A NON ESSERE COLPEVOLE UN CAPOREDATTORE ACCUSATO??? E’ COLPEVOLE PER FORZA: LA SUA INNOCENZA NON E’ STATA PROVATA – SE SONO COLPEVOLI QUELLI PROVATI INNOCENTI ALLORA A MAGGIOR RAGIONE E’ COLPEVOLE UNO ACCUSATO SENZA CHE SIA STATA PROVATA LA SUA INNOCENZA!
      LORO non possono venire a rompere i coglioni con “innocente sino a prova contraria”: BISOGNA CREDERCI PER DIRLO, NON PUOI DIRLO SOLO QUANDO TI FA COMODO E DISAPPLICARLO CON TUTTI GLI ALTRI! Se capita a qualcuno che ha autorizzato le suddette stronzate qui verrà ferocemente perculato.

      Liked by 3 people

  5. Ho provato a ricostruire quello che è successo. Tutto nasce da un post su FB di Cinzia Fiorato, del 1 dicembre, in cui racconta di aver subito una serie di violenze, molestie e umiliazioni varie in decenni di carriera alla RAI. Ma, attenzione, non fa nessun nome specifico, per cui non si capisce a chi si riferisca.
    Le fa eco Barbara Carfagna con un tweet, anch’esso del 1 dicembre, in cui parla di “direttori che le sbattevano al muro”, addirittura, e dice che la solidarietà dovrebbe andare a loro più che alle molestate di oggi (insomma, sono loro le vere vittime). Ma poi in un tweet del giorno successivo, il 2 dicembre, chiarisce che la sua era “una riflessione generazionale e non il racconto di un caso specifico, tantomeno legato a un’azienda o a una professione”. Quindi le solite lagne generiche che magari contengono anche una buona dose di verità, ma mancando di specificità, finiscono per colpevolizzare tutto il genere maschile per una serie di comportamenti alla rinfusa, dall’aggressione sessuale al commento grossolano.
    Forse per questo o forse per omertà, le dichiarazioni delle due sembrano essere state ignorate da molte testate. Trovo in rete l’articolo del FQ, linkato qui, e quelli dei quotidiani di destra Il Tempo e Libero Quotidiano, oltre ad alcune testate minori. Non trovo nulla del Corriere della Sera, Repubblica, La Stampa, ecc., nulla dalla Rai, naturalmente, né da Mediaset. Il Post ha un articolo in cui riprende integralmente il messaggio della Fiorato e aggiunge poco altro. Questo è quello che vedo al momento.
    Temo che per ora le rivelazioni delle due giornaliste RAI non avranno conseguenze significative se non quella di alimentare il clima di caccia alle streghe contro gli uomini. Tutto ciò finirà per scaricarsi sul primo malcapitato che farà un passo sbagliato, o dirà la cosa sbagliata, nel momento sbagliato. Lo confermano i vari commenti letti qua e là, in cui maschietti contriti e piegati sotto la vergogna di essere maschi si alternano a cavalieri schiumanti rabbia contro gli “omuncoli” autori delle vicissitudini raccontate dalle due, senza però porsi il problema di individuare le responsabilità e di accertare quanto c’é di vero, sentendo anche l’altra campana.

    Like

    1. Uno di quelli che hai detto lo salverei, e un altro di quelli che hai detto dovrebbe essere un obbiettivo prioritario – uno che godrei da pazzi se lo fottessero. E l’obbiettivo prioritario non è Gasparrini, secondo me non è il peggiore della lista, è il secondo peggiore.

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s